Campagne di email marketing per il settore immobiliare

16 ottobre, 2020 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?
[mr_rating_form]

email marketing inmobiliare

Se stai pensando di creare le tue campagne di email marketing per il settore immobiliare, hai preso una buona decisione. Attualmente la maggior parte delle aziende utilizza questo canale per comunicare e pubblicizzare ciò che offrono. E non si tratta di pura coincidenza, poiché risulta essere molto efficace.

Questa è una delle strategie che genera migliori ritorni sugli investimenti. Non stai vendendo nulla, sono immobili. Ma per ottenere ciò è necessario applicare le tecniche appropriate. Non si tratta di inviare un’e-mail ma devi lavorare sia sul design che sul contenuto.

Per questo motivo, è importante che tu sia chiaro su tutto ciò che riguarda l’email marketing per il settore immobiliare. Questo servirà come base per strutturare il tuo progetto attraverso questo popolare canale. Ricorda che sulla strada troverai molta concorrenza e dovrai superarla.

Chiavi per l’email marketing immobiliare

 Chiavi per l'email marketing immobiliare
Prima di iniziare a pianificare la tua campagna, devi conoscere alcune chiavi che ti aiuteranno in questo processo. Tieni presente che questo tipo di vendita richiede più tempo per essere completata rispetto a un prodotto o servizio. Pertanto, dovresti concentrarti su due fattori fondamentali:

Il primo è impedire che le tue e-mail vengano considerate spam. Per questo ti consigliamo di non utilizzare parole come: “gratis”, “offerta” o “ora”. Idealmente, dovresti concentrare il tuo database in modo che al momento dell’invio sia chiaro che ciò che offri sia proprio ciò che il cliente sta cercando.

In secondo luogo, è molto importante che tu tenga conto del fatto che per avere successo devi concentrarti individualmente su ogni cliente. Non è la stessa cosa vendere abiti o una casa, nella prima opzione si può avere disponibilità dello stesso modello ma un immobile può essere venduto esclusivamente per una persona.

Devi dedicare il tuo tempo e i tuoi sforzi per convincere quel cliente a effettuare l’acquisto. Si tratta di costruire lealtà perché è inutile avere tanti candidati e nessuno che agisce. D’altra parte, se guadagni la fiducia di quel potenziale acquirente, non solo assicuri una vendita ma anche un cliente che ti consiglierà ai suoi conoscenti.

Strategia di email marketing per il settore immobiliare

email marketing inmobiliare esempio
È essenziale che prima di scoprire gli esempi email marketing per il settore immobiliare con cui puoi lavorare, tu sappia come strutturare la tua strategia. In questo modo, sarà molto più facile raggiungere l’obiettivo che ti sei prefissato, quindi fai attenzione alle seguenti linee guida:

1.- Definisci i tuoi obiettivi e crea un database

Qual è il primo passo? Come in ogni strategia, devi impostare i tuoi obiettivi. Questa è la chiave per portare la tua campagna dove vuoi. Pensa a cosa vuoi ottenere, ossia probabilmente vendere e fidelizzare i clienti.

Dopo averli definiti, la prossima cosa che devi fare è creare il tuo database. Non commettere l’errore di acquistarne uno, poiché le persone che saranno in quella lista non ti hanno fornito le loro informazioni e rifiuteranno le tue email. Ciò influenzerà direttamente l’apertura e il tasso di conversione.

Idealmente, ottieni i dati delle persone attraverso un modulo che puoi inserire sul tuo blog o su una landing page. Se l’utente decide di lasciare le proprie informazioni, è perché ti sta dando il permesso di inviargli le tue campagne. E la parte migliore è che significa che è interessato a ciò che offri.

2.- Stabilire un flusso di lavoro

Hai sentito parlare del flusso di lavoro? Sicuramente sì, ma per l’email marketing immobiliare ha un altro significato. Si tratta di una serie di email automatiche. Uno degli esempi più comuni è che quando qualcuno si iscrive a una newsletter per la prima volta, riceverà immediatamente una conferma o un messaggio di ringraziamento.

Dopo quel primo contatto, inizia una catena di email. Tieni presente che i seguenti contributi dovrebbero parlare dell’azienda e dei suoi valori. Fatti conoscere per primo in modo che l’utente si senta sicuro. È importante in modo che quando ricevono le promozioni non esitino ad agire. Di seguito vedrai un esempio di una serie di email:

  • Conferma del nuovo abbonato.
  • Benvenuto.
  • Invio settimanale di contenuti dal tuo sito web.
  • Riepilogo mensile dell’attività del blog.
  • Promozioni a nuovi abbonati.
  • Promemoria delle offerte.
  • Nuovo contenuto.

3.- Progettazione e scrittura di contenuti

Sai già qual è il flusso di lavoro con cui puoi sviluppare la tua campagna. Adesso è il momento di concentrarsi sul design. Se utilizzi piattaforme di newsletter, troverai centinaia di modelli che ti saranno utili. Puoi anche adattarlo al tuo brand, cioè posizionando il tuo logo o utilizzando i colori che lo rappresentano.

Non sovraccaricare il tuo design, ricorda la frase popolare “less is more”. Usa immagini di qualità correlate alla tua offerta, ma evita il sovraccarico. Fai sapere agli utenti tutti i vantaggi che otterranno, questa è la chiave per poter fare offerte in un secondo momento.

Per quanto riguarda il contenuto, bisogna essere precisi e specifici, non fare testi così lunghi che possano annoiare il destinatario. Una buona ortografia è essenziale, quindi devi fare attenzione e verificare tutto ciò che scrivi prima di inviare. Usa un linguaggio vicino e amichevole in modo che il potenziale cliente si senta a suo agio e al sicuro.

4.- Studia le metriche

Questo passaggio è essenziale perché è quello che ti mostrerà se la tua campagna funziona davvero. Per questo motivo, è importante misurare i risultati e studiare le metriche. Così puoi sapere chi ha aperto l’email e dove ha cliccato. Inoltre potrai vedere le pagine visitate, gli orari e tante altre informazioni.

Ci sono alcuni indicatori che sono fondamentali ed è consigliabile concentrarsi su di essi. Questi sono quelli che devi tenere in considerazione nella tua analisi:

  • Tasso di apertura: indica la percentuale di utenti rispetto al totale che ha aperto l’email.
  • Frequenza di rimbalzo: questo è il numero di e-mail che non sono state recapitate. Dovresti valutarlo frequentemente per vedere come si evolve.
  • Orari di apertura: alcune piattaforme di email marketing ti danno la possibilità di vedere un report degli orari di apertura. È l’ideale per inviare e-mail agli orari specificati.
  • Percentuale di click: ti dirà se gli utenti interagiscono facendo click su un determinato collegamento. Quindi saprai se stai raggiungendo il tuo obiettivo.
  • Percentuale di spam: qui puoi scoprire il numero di email che sono state contrassegnate come spam. Questo ti aiuterà a migliorare nelle prossime campagne che invii.

5 campagne di email marketing per il settore immobiliare

È giunto il momento per te di conoscere i tipi di campagne di email marketing per il settore immobiliare che puoi utilizzare nella tua strategia. In questo modo, quando andrai a strutturare il tuo piano, avrai già tutti gli strumenti necessari:

A.- Benvenuto

Correo de bienvenida
La prima email che dovrebbe essere presente nella tua campagna è quella di benvenuto. È una di quelle più aperte e viene inviata automaticamente dopo l’iscrizione di un utente. Ma non limitarti a ringraziare, fai una breve rassegna della tua azienda o presentati come agente immobiliare.

Spiegagli cosa riceverà da quel momento nella sua posta. L’idea è che sia consapevole che manterrai una comunicazione continua con lui.

B.- Newsletter

newsletter inmobiliare
La newsletter sarà un ottimo alleato durante lo sviluppo della tua campagna. La sua funzione è quella di informare sulle novità. Dovrebbero sempre fornire contenuti di valore. Al di là dei testi, hai la possibilità di lavorare sul design per renderlo ancora più interessante, ma senza esagerare.

C.- Promozionale e vendita

email inmobiliare: Promozionale e vendita
Ovviamente non possono mancare le e-mail promozionali. Le persone che si iscrivono non sono interessate ai contenuti di intrattenimento, ma all’acquisto o alla vendita di immobili. Quindi, dopo esserti fatto conoscere, vai subito al sodo rispetto a ciò che l’utente vuole.

Devi mantenere un rapporto diretto con il potenziale cliente, informarlo frequentemente di tutto ciò che riguarda la casa che vuole acquistare o vendere. È importante includere inviti all’azione per indirizzarlo esattamente dove desideri.

D.- Empatia e impegno

Affinché la tua strategia di email marketing per il settore immobiliare abbia successo, sarà necessario che all’interno della tua campagna ci siano email in grado di generare empatia. Questa è la chiave, perché la persona sentirà che comprendi i suoi bisogni e che puoi aiutarla a soddisfarli. Si tratta di mettersi nei panni del cliente e aiutarlo a risolvere i suoi problemi o soddisfare i suoi desideri.

E.- Conosci i tuoi clienti

sondaggio
Sebbene non tutte le agenzie immobiliari applichino questa tecnica, è un’ottima idea per migliorare. Se vuoi conoscere meglio i tuoi clienti, quello che dovresti fare è inviare loro un sondaggio per posta elettronica. Puoi chiedere quali sono le fasce di prezzo che preferiscono, se vogliono comprare o vendere, che tipo di residenza stanno cercando, per quante persone, ecc.

Vedi che non è così difficile? Potrebbe volerci del tempo per fare una vendita perché non si tratta di un prodotto semplice e l’investimento è rilevante. Ma se applichi queste tecniche, il lavoro sarà più facile. Se hai bisogno di aiuto per gli invii, in MDirector ti offriamo la nostra piattaforma di Email Marketing. Provala ora!

Whitepaper gratuito Landing Page
Landing Page efficaci: consigli che ti porteranno al successo

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?