Come sarà il nuovo percorso del consumatore dopo COVID-19?

8 giugno, 2020 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?
[mr_rating_form]

viaje del consumidor tras el coronavirus

Qualcosa che sta iniziando a preoccupare brand e aziende è il percorso del consumatore dopo il coronavirus e come adattarsi a questo cambiamento. A poco a poco, la società tornerà alla normalità e riprenderà l’attività economica e sociale. Ma come avrà influenzato le abitudini di consumo dei cittadini a medio-lungo termine?

Non vi è dubbio che la crisi del Covid-19 abbia prodotto una profonda trasformazione in vari aspetti della vita. Forse è corretto affermare che ha prodotto un profondo tremore nelle basi del sistema sociale, politico ed economico. Sebbene alcuni cambiamenti siano già evidenti, altri saranno visti col passare del tempo.

Uno di questi è, ovviamente, la trasformazione delle abitudini di consumo degli utenti. Durante la crisi sono stati completamente distrutti. Ora è il momento di vedere se, una volta tornato alla normalità, il consumo si riattiverà di nuovo, o se, al contrario, il viaggio del consumatore dopo il coronavirus non sarà mai più quello che era.

Se le routine cambiano, i modelli di acquisto cambiano

Prodotti più popolari durante il coronavirus

Dopo che lo stato di allarme è stato decretato e che il confinamento della maggioranza della popolazione è stato attivato, è subito stato chiaro che i consumi sarebbero stati fortemente scossi. Ciò significa che gli utenti hanno smesso di consumare? In effetti no. Sono cambiati semplicemente i modelli di acquisto e il tipo di prodotti acquistati.

Secondo i primi dati di diversi rapporti, le persone hanno persino speso il 142% in più per gli acquisti di cibo. Ciò è in parte dovuto alla paralisi di tutti i settori: se le persone non possono andare al lavoro, è normale che aumenti il ​​consumo di cibo in casa.

Allo stesso modo, il tempo libero e la ristorazione sono gli ambiti più colpiti dal coronavirus. Ovviamente, le persone non spendono più in questi settori. Tuttavia, si è verificato un aumento esponenziale delle vendite di articoli sportivi, con un aumento del 200%.

Dopo tutto, il confinamento ha alterato le aspettative e le motivazioni degli utenti riguardo al consumo. E questo, in vari modi, influenzerà anche la percezione che i clienti hanno dei brand.

Sarà ovviamente un cambiamento transitorio?

Ora la grande domanda è se questi cambiamenti nei modelli di consumo saranno definitivi o, al contrario, una volta che la pandemia passerà e tutto tornerà alla normalità, le persone se ne dimenticheranno e torneranno a condurre la vita che avevano prima.

Il coronavirus ha aperto un’importante riflessione sul modello di produzione e consumo delle società attuali. La mancanza di sostenibilità e l’impatto negativo di un feroce consumismo sono stati evidenziati. Era qualcosa che era già stato denunciato, ma il coronavirus ci ha messi di fronte alla realtà.

Tuttavia, l’opinione degli esperti della maggioranza è che entro il 2022 le cose torneranno abbastanza simili a quelle che erano. Anche se con alcune variazioni e modifiche che sono qui per rimanere. Soprattutto, nel mondo online.

Non si è verificato solo un cambiamento nel tipo di merce più acquistata. Anche il percorso del consumatore dopo il coronavirus è stato modificato. Cioè, non solo cambia ciò che acquisti, ma il modo in cui lo acquisti.

Il viaggio del consumatore dopo il coronavirus

È evidente che, essendo confinato, il consumatore si è comportato diversamente. Prima della crisi era già una realtà che il 93% dei consumatori effettuasse confronti prima di acquistare.

Ora lo shopping è molto più ponderato se possibile. Questa tendenza obbliga le aziende a ridisegnare i propri modelli di business di fronte a un nuovo paradigma sempre più digitalizzato. Questo è ciò che consentirà loro di rispondere alle nuove esigenze dei consumatori.

Condurre un’analisi del percorso del consumatore dopo il coronavirus è un imperativo oggi per affrontare ciò di cui i clienti hanno davvero bisogno dai brand. In effetti, gli utenti oggi smettono di guardare a fattori competitivi come il prezzo, il prodotto o la migliore campagna di marketing.

Cercano valori immateriali come l’onestà, la sensibilità, l’empatia e la responsabilità sociale. Ed è l’identificazione di questi valori nei brand che avrà un peso speciale nel prendere decisioni di acquisto.

Il mobile continua ad essere il principale canale di ricerca

Uso dello smartphone durante il coronavirus È noto che gli utenti prima della pandemia hanno iniziato la fase di ricerca su Internet. Ma una volta inserito lo stato di allarme, viene attivato anche l’uso di dispositivi mobile.

Le persone confinate trascorrono molto più tempo in contatto. Il motivo principale è perché cercano di rimanere in contatto con la famiglia e gli amici. Questo aspetto ha reso i brand consapevoli di questa opportunità invitandole lanciare campagne più adeguate ai tempi.

L’ascesa dello shopping online

D’altra parte, la crisi del coronavirus ha significato per molti il ​​loro primo acquisto al supermercato online. Ma non hanno solo aumentato le vendite nel settore alimentare. Il commercio online, infatti, ha registrato un aumento del 55%.

Anche se va notato che non tutti i settori hanno avuto lo stesso risultato. Inoltre, i principali beneficiari sono stati le piattaforme di streaming (con aumenti fino al 79% degli abbonati). Mentre il settore della moda e dell’intrattenimento ha subito i peggiori cali.

Se viene preso in considerazione il percorso del consumatore dopo il coronavirus, l’aumento degli acquisti online è rilevante. Molti consumatori hanno iniziato a cercare online, ma alla fine sono andati al negozio fisico. Soprattutto le generazioni più anziane e i millennial. Ora, non c’è altra scelta che rimuovere le vecchie abitudini e concentrarsi sull’ambiente online.

Adatta la strategia al percorso del consumatore dopo il coronavirus

Sapendo che nel percorso dei consumatori dopo il coronavirus, lo shopping online e mobile sono due fattori importanti, non è difficile chiarire la necessità di adattare tutte le strategie a questo modello digitale.

Accompagnare il cliente durante il suo viaggio è l’obiettivo di qualsiasi campagna di marketing digitale. Indipendentemente da dove si trovi l’utente nell’imbuto, bisogna catturare la sua attenzione e guidarlo verso la conversione.

Per questo, è essenziale che tutte le azioni siano adeguatamente pianificate. Inoltre, devono essere eseguite attraverso i canali più efficaci per raggiungere il pubblico previsto. Questi sono alcuni dei consigli per adattare la tua strategia al percorso del consumatore dopo il coronavirus che dovresti valutare:

1.- Concentrati su cura e connessione

I consumatori si aspettano di vedere i brand empatici verso la situazione. Pertanto, è della massima importanza comprendere la mentalità del pubblico e prendere provvedimenti per soddisfare i bisogni prima ancora che vengano espressi.

Ora è il momento di essere umani, di usare l’intelligenza emotiva. Il percorso del consumatore dopo il coronavirus sarà molto segnato dalle emozioni. Pertanto, è fondamentale imparare a utilizzare le informazioni a livello emotivo per guidare il pensiero e il comportamento dei clienti verso il brand.

Uno dei modi migliori per fidelizzare i clienti è mostrare loro che viene fatto tutto il possibile per proteggerli e servirli. Evita di concentrarti esclusivamente sui profitti e cogli l’opportunità di lavorare sul tuo brand.

2.- Mentalità mobile first

È chiaro che la prima fase del percorso del consumatore dopo il coronavirus continuerà a passare attraverso il cellulare. La permanenza in casa ha promosso l’uso dello smartphone, specialmente tra le giovani generazioni. Secondo i dati raccolti in vari studi, la maggior parte dei paesi ha registrato un aumento dei tempi di utilizzo degli smartphone.

Se vuoi essere presente durante tutte le fasi del viaggio dell’utente dopo il coronavirus, sarà essenziale progettare l’intera strategia di contenuto adattata a questi dispositivi. Ciò garantirà che l’esperienza del cliente sul proprio telefono cellulare sia più fluida e quindi meglio percepita.

3.- Scommetti sul social marketing

Aumentare la frequenza di pubblicazione sui social network sarà anche una buona strategia dopo il coronavirus. In precedenza, la frequenza poteva essere più ridotta. Ora sembra che una volta al giorno non sia abbastanza.

Con il distanziamento sociale e il confinamento in casa, le persone trascorrano più tempo sui social media che mai. Pertanto, i brand devono sfruttare questa circostanza per portare il loro contenuto al pubblico, lavorare sul proprio brand e fidelizzare i clienti. Soprattutto, tenendo presente che non può ancora funzionare normalmente.

La partecipazione ai social media è un ottimo modo per mantenere attivo il brand e continuare a offrire valore ai clienti, anche se in modo diverso e nuovo. Questa è un’opportunità per essere visibili e interagire con i clienti in un ambiente meno formale.

4.- Adatta le tue strategie di marketing digitale alla nuova realtà

Se ora tutta l’attenzione si è spostata sull’ambiente online, la cosa intelligente da fare sarebbe anche quella di adattare e migliorare il marketing digitale. Ad esempio, le campagne di email marketing potrebbero avere una frequenza più elevata. Se era normale inviare comunicazioni molto distanziate prima del coronavirus, le circostanze sono cambiate.

Puoi approfittare per inviare e-mail più informative e rimanere nella mente dei consumatori. Le e-mail continueranno a essere una delle forme di comunicazione più efficaci per accompagnare gli utenti nel percorso del consumatore dopo il coronavirus.

L’aumento delle transazioni online sono anche l’occasione perfetta per interagire con i tuoi clienti. Parla con loro e ascolta i loro commenti e opinioni!

Per accompagnare i tuoi clienti durante il loro viaggio, puoi contare su MDirector, una piattaforma di Email Marketing professionale per inviare e-mail di massa, automatizzate e segmentate e avere un impatto sul tuo pubblico.

Whitepaper gratuito Landing Page
Landing Page efficaci: consigli che ti porteranno al successo

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?