Email marketing per la generazione Z: come sedurla

29 marzo, 2019 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

La generazione Z è la centrale di acquisto del futuro. Ma nel presente è ancora un mistero per molte aziende e responsabili marketing. Anche se questa generazione ha un’età non molto diversa da quella dei millennials, i suoi desideri sono opposti quando si tratta di comunicare con i brand e la pubblicità.

Per questo fare email marketing per la genrazione Z è una delle sfide attuali. Le regole del gioco sono cambiate e bisogna adattarsi. Inoltre si pensa che la generazione Z, che riguarda qualsiasi persona che abbia attualmente meno di 21 anni, rappresenti il 40% dei consumatori totali nel 2020. Cosa devi sapere riguardo alla generazione Z per avvantaggiarti e adattare le tue strategie? Cosa potresti fare per ottenere l’attenzione della massa?

Imparare a utilizzare l’email marketing per la generazione Z

Diversi studi hanno analizzato le sfide legate alla generazione Z per i brand. Questa generazione è più difficile da raggiungere e coinvolgere.

La generazione Z è cresciuta con la tecnologia ed è abituata a essere bombardata da informazioni. Quindi non solo ha imparato a assimilare di tutto ma ignora automaticamente ciò che non ritiene rilevante. Saltano annunci, utilizzano adblockers costantemente e eliminano contenuti intrusivi.

Non tutte le strategie di marketing si creano come facciamo oggi. Devi definire il tuo target e approcciarlo adeguatamente. Cosa ti serve per realizzare una campagna di email marketing per la generazione Z? A cosa vai incontro? Che caratteristiche ha questo segmento?

1 – La generazione Z preferisce la pubblicità tradizionale

L’ultimo studio di Kantar Millward Brown ha dimostrato che la generazione Z è più aperta al marketing out of home che alla pubblicità digitale. Ciò è forse dovuto al legame forte che la generazione Z ha con internet. Ossia non vogliono che gli inserzionisti ‘invadano’ la loro privacy.

Considerando che la generazione Z utilizza lo smartphones per accedere a internet come principale mezzo di comunicazione e intrattenimento, non vuole vedere annunci mentre naviga e utilizza più adblockers che mai.

Quinidi come deve essere una campagna efficace per la generazione Z? Semplicemente bisogna rilevare ciò che la generazione Z cerca, cercando di offrire un’esperienza personalizzata e un messaggio poco commerciale.

2 – La generazione Z è abituata al fast content

Quindi non solo dovrai ottimizzare la tua strategia di email marketing per la generazione Z per attirare la sua attenzione ma devi adattare il contenuto delle tue mail perché sia conciso e utile.

Gli utenti che formano la generazione Z non sono disposti a concederti più che qualche secondo del loro tempo. Indipendentemente da quanto sia ottimizzata la tua mail. Non ti regaleranno più di 5 secondi per interagire con il tuo contenuto e non investiranno più di 30 secondi per trasmettere il tuo messaggio prima di passare ad altro.

Il tuo lavoro consiste nel farti notare. Il tuo lavoro comincerà dall’ottimizzazione del subject che, chiaramente deve includere emojis. Ciò significa che devi focalizzarti su contenuto creativo, rapido e interessante. I video, le immagini, le infografiche, ecc. funzionano bene nell’email marketing per la generazione Z.

I Gen Zers interagiranno con il contenuto scritto ma prima devono avere un’immagine chiara del brand.

3 – Cercano di fare in modo che la comunicazione sia integrata con i social

Penalizzano le aziende che non offrono un buon servizio via mobile ma anche quelle che non hanno a che fare con i social e quelle che non rispondono via chat.

Nel caso dell’email marketing per la generazione Z ti consigliamo di far notare che il brand gestisce profili sui canali richiesti da questo target e non dimenticare di includere i pulsanti social. Così i destinatari potranno trovarti.

4 – Un’audience aperta alle cause sociali

Gli utenti che formano parte della generazione Z sono preoccupati per la responsabilità sociale sia nella loro vita sia riguardo ai brand di cui si fidano. Ossia sono disposti a pagare di più per un prodotto che rispetti aspetti come la natura, il riciclo, il biologico, ecc.

Inoltre la generazione Z è più informata e legata a temi polemici come l’uguaglianza razziale, di genere o l’ambiente. Quindi si aspettano che anche i brand siano coinvolti.

È un aspetto importante e devi considerarlo nella tua strategia di email marketing per la generazione Z. Ma non solo nell’email ma in ogni strategia digitale devi dimostrare che rispetti le cause sociali e che pensi a queste problematiche.

Promuovere la tua mission sociale può essere un modo eccellente per attirare la generazione Z in maniera rapida e efficace. Un messaggio social può interessare immediatamente la popolazione Z. Non dimenticare inoltre che il contenuto visuale potenzia il tuo messaggio.

5 – La generazione Z vuole conoscere la storia del tuo brand

Nell’email marketing per la generazione Z, approfittare di risorse come lo storytelling può aiutarti a creare un’audience specifica o di nicchia:

  • La generazione Z utilizza la coscienza sociale per scegliere tra i brand più adatti al proprio modo di pensare.
  • Sceglie i prodotti in funzione della storia del brand e i suoi valori. Per esempio se gli utenti della generazione Z devono decidere tra un brand di dentifrici che utilizza ingredienti ecologici o un brand che offre prodotti per i paesi in via di sviluppo si creeranno due segmenti diversi.

La missione del brand si trasforma nel tuo valore distintivo. Il modo in cui il tuo brand interagisce con la responsabilità sociale determina come interagiranno i tuoi clienti con il brand.

Ciò significa che devi essere qualificato e specifico nell’esprimerti. La tua strategia di email marketing per la generazione Z non può mostrare semplicemente un prodotto. Deve avere un messaggio chiaro che racconti una storia o trasmetta la tua missione.

6 – Vogliono essere coinvolti

La generazione Z non solo vuole ascoltarti mentre parli dei prodotti o dei servizi ma vuole essere parte del tuo brand. Per questo potrai ottenere facilmente l’interesse di questo gruppo se offri le opportunità di interazione necessarie.

Per esempio un geofiltro di Snapchat permette agli utenti di interagire con un brand per creare le proprie stories. Un altro esempio è un hashtag che i clienti possono usare nei loro Tweets o foto su Instagram. È anche un modo eccellente per ottimizzare il passa parola. La generazione Z spesso condivide i propri acquisti sui social promuovendo il brand senza incentivi.

Nel caso dell’email marketing per la generazione Z puoi approfittare del contenuto generato dagli utenti (UGC) e creare un pezzo in cui il destinatario si senta coinvolto.

7 – Si fidano delle recensioni

L’engagement che generano i social e il passa parola è essenziale per ottenere nuovi clienti. Uno studio di Media Post ha scoperto che le madri Millennials preferiscono fare una ricerca di prodotti sui siti web con recensioni degli utenti e lo fanno su piattaforme come Google Business o Amazon prima di interpellare i brand.

Ovviamente le madri della generazione Z ricorrono a altre fonti. Verificano le recensioni, i social e i siti dei brand che includono commenti di altri professionisti.

Ciò significa che nella tua strategia di email marketing per la generazione Z non puoi lasciare da parte le recensioni. Le emozioni stanno acquisendo un ruolo decisivo nelle decisioni dei clienti. E la tua mail deve essere umana, professionale, credibile e potente.

8 – La generazione Z apprezza il contenuto personalizzato e automatizzato

L’automatizzazione e l’autoservizio sono tendenze che sono sempre più presenti nel mondo dell’email marketing per la generazione Z. Ovviamente la chiave perché ciò funzioni è quella di disporre di un sistema di automatizzazione che esegua i compiti correttamente.

Le aziende di oggi devono assicurarsi che la grafica e la tecnologia siano superiori. Per questo, elementi come il contenuto dinamico sono essenziali. Sono elementi perfetti affinché una strategia mail possa adattarsi a questa generazione. Soprattutto perché deve soddisfare le sue aspettative.

Quindi è dimostrato che l’email marketing per la generazione Z dovrà essere curato.

Devi solo disporre del software adeguato per personalizzare e segmentare i tuoi messaggi e migliorare i risultati. In MDirector disponiamo del miglior software di email marketing. Comincia a provarlo e raggiungerai i tuoi obiettivi.

Whitepaper Esclusivo
Come configurare SPF e DKIM
Configurati SPF e DKIM e fare campagne di email marketing funzionano meglio

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?