Le e-mail di benvenuto peggiori: le attività da evitare

25 novembre, 2019 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

La prima impressione è importante. Questo principio è valido per la vita quotidiana ma anche per le strategie di email marketing. L’e-mail di benvenuto è la chiave per stabilire questa prima impressione con i tuoi utenti. Ma in queste e-mail non tutto va bene. Sai cosa dovresti evitare nelle e-mail di benvenuto peggiori?

Esistono innumerevoli modi per utilizzare un’e-mail di benvenuto. Le e-mail di benvenuto possono proporre video, offerte speciali, un modulo di registrazione o semplicemente un saluto amichevole per stabilire una relazione con un nuovo contatto.

Quando invii un’email di benvenuto a un nuovo utente del tuo blog o newsletter o a un nuovo cliente che ha acquistato uno dei tuoi prodotti, dai una prima impressione a nome del tuo brand. Per assicurarti che sia la prima impressione migliore possibile, dovresti evitare gli errori di alcune delle peggiori e-mail di benvenuto che vedrai di seguito.

Perché è fondamentale non creare pessime e-mail di benvenuto

Le e-mail di benvenuto sono la tua occasione per raggiungere un vantaggio costante. Perdere questo tipo di opportunità è la cosa peggiore che puoi fare.

Questi messaggi ottengono alti livelli di coinvolgimento dei clienti. In effetti, secondo uno studio di Experian, le e-mail di benvenuto vengono aperte quattro volte di più rispetto alle normali e-mail promozionali.

Ciò rappresenta un’opportunità unica per aprire il canale di comunicazione e iniziare a costruire la fiducia fin dall’inizio. Questi tipi di e-mail non vengono inviati solo per creare una prima impressione positiva per i tuoi clienti. Servono anche a:

  • Incontrare nuovi clienti con la tua azienda.
  • Mostrare il valore che offri.
  • Prepararli per ciò che verrà dopo.

La chiave qui sono i due endpoint. Se desideri che i tuoi clienti ottengano il meglio dal tuo messaggio di benvenuto e abbiano un rapporto completo con la tua attività, non puoi saltare questi passaggi. Questi due esempi delle peggiori e-mail di benvenuto mancano del tutto di questa opportunità.

Email di benvenuto standard

In questo tipo di e-mail perdi l’opportunità di andare oltre nel tuo rapporto con il cliente. Tanto che l’unico modo per continuare a coinvolgere il cliente è un piccolo invito all’azione per visitare il sito Web dell’azienda, in questo caso l’abbigliamento.

L’email dice “la prossima volta che acquisti da noi puoi pagare più facilmente“. Perché non incitare un primo acquisto ora? Potrebbe essere un buon modo per l’utente per creare la prima conversione.

E sarebbe perfetto se fosse incluso un piccolo sconto sul primo acquisto. Sebbene il messaggio non sia stato progettato perfettamente o visivamente accattivante, almeno uno sconto richiede l’acquisto.

Esempio 2 delle peggiori e-mail di benvenuto

Questo è un altro esempio delle peggiori e-mail di benvenuto, soprattutto perché non viene utilizzata quasi nessuna immagine. E in questo caso, invece di creare un invito all’azione, viene aggiunto un collegamento che porta all’account appena creato.

Questa è senza dubbio un’altra occasione mancata. L’invito all’azione dovrebbe portare almeno al tuo sito Web per continuare il processo di formazione dei lead e stabilire relazioni più durature e più profonde con un utente che ha recentemente mostrato interesse per il tuo brand.

Personalizzazione in un’e-mail di benvenuto

Le e-mail di benvenuto sono un esempio del potenziale della personalizzazione. Accogliere gli utenti e creare un oggetto personalizzato è fondamentale. Le percentuali di lettura delle e-mail di benvenuto sono altamente predittive di come gli utenti si impegneranno successivamente.

In cambio di alcune righe di codice per personalizzare la tua e-mail, i tuoi utenti hanno maggiori probabilità di aprire, interagire e partecipare a un rapporto duraturo con la tua azienda. Prenditi il tempo aggiuntivo necessario per personalizzare le tue e-mail. E se puoi andare oltre la semplice aggiunta del nome, è ancora meglio.

La personalizzazione ha senso per creare una catena di e-mail di benvenuto efficace. Si tratta di conoscere il tuo utente per poter successivamente generare altri messaggi a cui l’utente sia interessato. Email che mirano a stabilire un rapporto migliore con gli utenti in modo che siano finalmente clienti fedeli.

Cosa una buona e-mail di benvenuto dovrebbe includere

1.- Riproporre la tua proposta di valore

Fornisce alcuni vantaggi significativi. Il più ovvio è che fornisce al cliente la certezza di aver preso la decisione giusta al momento della registrazione. Non è mai male ricordare ai clienti perché hanno creato quell’account.

Ti permette anche di spiegare cosa possono ottenere con il tuo prodotto o servizio. E ti dà l’opportunità di spiegare chiaramente qualsiasi caratteristica che offri che ti distingue dal resto.

2.- Mostra i passaggi successivi da eseguire

Ora che hai ricordato loro perché si sono registrati, è tempo di preparare questi utenti all’acquisto. Di solito, ci sono passaggi che gli utenti devono seguire dopo la registrazione per sfruttare appieno la piattaforma. Alcuni esempi includono:

  • Completa le informazioni del tuo profilo.
  • Imposta le preferenze
  • Aggiorna il tuo account o completa un ordine.

Questo è uno degli aspetti più importanti che dovrebbero essere trattati in una e-mail di benvenuto. Le e-mail di benvenuto peggiori non includono questi elementi importanti.

L’obiettivo è portare l’utente il più rapidamente possibile ai tuoi prodotti. Cosa che produrrà una migliore esperienza complessiva del cliente e, in definitiva, aiuterà la tua azienda a crescere.

Per fare ciò, è necessario identificare innanzitutto il valore fondamentale del brand e gli ostacoli o i prerequisiti che i clienti devono completare per ricevere questo valore. Quindi, puoi utilizzare l’e-mail di benvenuto per guidare i nuovi clienti attraverso queste attività.

3.- Includere risorse utili

Quello che stai cercando di fare è che l’utente veda immediatamente il valore. Ma il successo non arriva subito. A seconda della natura e della complessità del prodotto, i clienti potrebbero aver bisogno di ulteriore aiuto. Ad esempio, richiedono una guida per la risoluzione dei problemi, l’uso di funzioni avanzate o come ottenere un valore maggiore dalle funzioni principali.

È probabile che tu abbia già creato contenuti di supporto che rispondono a domande comuni dei tuoi clienti. Che si tratti di tutorial video, una pagina di domande frequenti o post di blog utili che contengono le migliori pratiche. Questo contenuto è di aiuto ed è essenziale per aumentare le conversioni dei tuoi attuali clienti.

Perché non includerlo nella tua e-mail di benvenuto? Darai loro gli strumenti di cui hanno bisogno in anticipo senza costringerli a cercare le informazioni dopo che si è verificato un problema.

Un esempio è l’immagine sopra in cui, prima di preparare l’utente per l’acquisto, il valore che viene offerto è un tutorial video per l’utilizzo della piattaforma. In modo che l’operazione sia chiara in modo che un utente che desidera acquistare non abbia dubbi. Questi tipi di e-mail migliorano anche l’immagine del brand perché si tratta di un contenuto prezioso.

4.- Fornire informazioni di contatto del servizio clienti

L’ultimo passo è assicurarsi che sappiano come contattarti. Puoi passare tutto il tempo a creare eccellenti contenuti di supporto, ma se non prevedi i principali problemi che i tuoi clienti potrebbero incontrare, perderai le conversioni.

Inoltre, non tutti gli utenti saranno disposti a studiare attentamente le risorse di aiuto per trovare la risposta alla tua domanda. Pertanto, è meglio essere diretti con i clienti e informarli su come possono contattarti per ulteriore aiuto.

L’aggiunta di queste informazioni di contatto alla tua e-mail di benvenuto è un ottimo modo per gettare le basi per la fiducia necessaria per costruire una relazione. Incoraggiare la fedeltà dei clienti. Pertanto, dovresti evitare di inviare messaggi complicati ai tuoi clienti solo per trovare un modo per porre una semplice domanda.

Progetta con cura la tua email di benvenuto

Ora che hai visto la suddivisione dei diversi elementi di un’e-mail di benvenuto efficace e perché sono importanti, questo è ciò che dovresti includere come scheletro della tua e-mail di benvenuto. Ecco cosa devi fare per creare un’e-mail di benvenuto che promuova il successo dei clienti:

  • Ringrazia il tuo cliente per la registrazione.
  • Ripensa alla tua proposta di valore.
  • Aggiungi un invito all’azione nel corpo del messaggio per mostrare i passaggi successivi da seguire
  • Aggiungi risorse utili: articoli, video, domande frequenti, ecc.
  • Includi sempre le informazioni di contatto.
  • Puoi decorare tutto con una promozione.

Utilizza il software di email marketing di MDirector per creare l’e-mail di benvenuto perfetta ed evitare le e-mail di benvenuto peggiori. Con la nostra piattaforma puoi progettare, attraverso modelli personalizzati, e-mail di benvenuto che includono tutte le informazioni necessarie.

Whitepaper esclusivo
Aumenta le tue vendite a natale con l'Email Marketing
Tutte le tecniche per incrementare le tue vendite a Natale, grazie all'Email marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?