Ricetta per realizzare un buon email marketing

23 giugno, 2014 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

foto22

 

L’email marketing è come un buon piatto di cucina, bisogna prepararlo con ingredienti di qualità e curarlo fino all’ultimo dettaglio perché trionfi a tavola. Saper combinare ciascuno degli alimenti nella loro giusta proporzione è la chiave per realizzare un pasto gustoso che piaccia a tutti gli invitati.

Così, abbiamo deciso di condividere con voi quella che sarebbe la ricetta perfetta per fare un buon email marketing. Abbiamo appuntato tutti gli ingredienti necessari, mettetevi il grembiule …e pronti per i fornelli!

Passo 1. Preparare un buon contenuto

Il contenuto sarà la base della nostra ricetta. Lo cucineremo a fuoco lento, non dobbiamo risparmiare al momento della preparazione perché da questo dipenderà gran parte dell’esito del piatto. Conoscere i gusti e gli interessi degli invitati (iscritti) ci aiuterà a sapere quale tipo di contenuti sarà il più adeguato da porre nella nostra ricetta.

Una volta che abbiamo ben chiaro quale contenuto andremo a realizzare, aggiungeremo 100 gr di semplicità, tenendo conto che i messaggi chiari e concisi si digeriscono più facilmente, poiché il superfluo farà sì che gli invitati si distraggano senza captare tutti i sapori che vogliamo trasmettere loro.

Passo 2. Aggiungere un cucchiaino di personalizzazione e mescolare lentamente

La personalizzazione è importante per il nostro piatto, farà sì che tutti i sapori piacciano agli invitati.  Nell’email marketing, la personalizzazione favorisce ai nostri messaggi di incontrarsi con le preferenze dei nostri iscritti. Per questo dobbiamo tener presente che non tutti i contatti del nosto database sono uguali, che possiamo fare suddivisioni e classificarli in gruppi più piccoli personalizzando il nostro piatto secondo i loro gusti specifici.

Passo 3. Aggiungere mezzo bicchiere di creatività e cuocere a fuoco lento

Una volta ottenuto l’impasto di contenuto e personalizzazione, è ora di versare la creatività. Può essere che il piatto che stai cucinando sia buono però, se non si differenzia dal resto, non catturerà l’attenzione e nessuno vorrà provarlo. La creatività è quello che dà la scintilla all’email marketing, quel tocco piccante che fa esplodere le papille gustative quando provi qualcosa e non puoi smettere di mangiarlo.

Passo 4. Mescolare i 250 gr di disegno con immagini impressionanti e agitare velocemente

L’email marketing, come un buon piatto, si mangia anche con gli occhi. Per questo presteremo attenzione alla presentazione, mescolando i 250 gr di design con 3 o 4 immagini impressionanti che ci aiuteranno nella presentazione del piatto, rendendolo appetibile agli occhi degli invitati. Punta su un design minimalista, che sia facile da leggere, con immagini che catturino l’attenzione e che completino bene il contenuto che sta alla base di questo piatto.

Tieni presente che questo piatto dev’essere anche d’asporto, per ciò è indispensabile che si possa consumare su tutti i tipi di dispositivi, che sia un pc, un tablet o uno smartphone. In questo senso sarà conveniente optare per design responsive che si adattino indipendentemente dalla grandezza dello schermo nel quale le immagini saranno visualizzate.

Passo 5. Servire a un buon numero di iscritti

Arrivati a questo punto, il nostro piatto sarà pronto per essere servito. Possedere un buon database è essenziale perché, senza quello, il nostro email marketing non arriverà da nessuna parte. Realizzare strategie per catturare utenti da inserire nel database, offrire contenuti esclusivi o prestare attenzione al nostro form d’iscrizione del sito web, ci aiuterà moltissimo in questo lavoro.

Speriamo che questa ricetta vi possa aiutare nella realizzazione di un buon piatto d’email marketing che piaccia ai vostri consumatori. Fateci sapere!

Whitepaper esclusivo
Email Marketing, il perfetto alleato dell'e-commerce
Scopri come migliorare le vendite del tuo e-commerce con l'Email Marketing

Lascia una risposta

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?