Trasforma i visitatori in clienti con le mail personalizzate - MDirector.com

Trasforma i visitatori in clienti con le mail personalizzate

15 luglio, 2019 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Come usare le mail personalizzate per attirare i visitatori, convertirli in clienti e trattenerli, fidelizzarli è uno dei dilemmi a cui pochi sanno far fronte al giorno d’oggi.

Anche se tutti i responsabili marketing intelligenti sanno che generare engagement è una delle chiavi per gestire questo processo, pochi sanno come farlo bene attraverso le mail.

La realtà è che la chiave si trova nel contenuto. Servono molte analisi e prove per creare l’elemento perfetto. Ma non dimenticarti che ciò che può essere utile a un utente magari non lo è per un altro.

Inoltre non pensare che per imparare come usare le mail personalizzati devi basarti solo sul contenuto delle mail stesse. Elementi come i subject, l’orario di invio, la frequenza ecc. intervengono nel processo.

Una campagna di email marketing personalizzata ben pianificata ti aiuterà a trasformare i visitatori in clienti. Per questo è essenziale fare un passo alla volta.

Per prima cosa devi avere un database pulito e di qualità. è il primo passo che devi fare per creare mail personalizzate se il tuo obiettivo è attirare utenti. Se non segmenti bene il tuo database, ti sarà impossibile approfittare di questa tendenza nelle tue campagne di email marketing.

Segnati questo: l’email è il canale con il miglior ROI. Quindi nnon c’è modo migliore per lanciare queste strategie. Ti serve solo un tocco di personalizzazione.

Come interviene la personalizzazione in questo processo?

Nonostante la crescente popolarità del social media marketing, le campagne di email sono ancora le azioni più efficaci e redditizie per entrare in contatto con gli utenti.

Per esempio, The Radicati Group ha segnalato che da gennaio del 2017 gli utenti che utilizzano questo canale in maniera attiva hanno ottenuto una crescita considerevole. Da quel momento 3.700 milioni di persone si sono decise a utilizzare questo canale. E le previsioni segnalano che la cifra continuerà a crescere.

Inoltre un altro studio segnala che l’email marketing genera il 174% in più di conversioni rispetto a Facebook e Twitter. Infatti ottiene un ROI di 44 dollari per ogni dollaro investito.

Ovviamente per ottenere questi risultati serve qualcosa di più di un messaggio generico.

Il consumatore di oggi vuole legarsi a livello individuale e il modo per farlo è imparare come usare le mail personalizzate. È l’unico modo per dire all’utente che è unico, importante e che viene considerato in ogni momento. Così si ottiene credibilità, engagement e fiducia.

La personalizzazione delle mail è così efficace che basta inserire il nome dell’utente nel subject per ottenere il 26% di possibilità in più di aperture. Una mail personalizzata fa crescere il tasso di conversione anche di sei volte.

Non ci credi? Pensi che non sia necessario imparare a gestire una mail personalizzata?

Prendi nota di questi dati:

  • Le mail segmentate hanno un 14% in più di probabilità di essere aperte.
  • Le campagne di email marketing dirette a segmenti specifici aumentano le entrate anche del 760%.
  • La personalizzazione delle immagini secondo l’ubicazione del destinatario della mail permette di migliorare i clicks del 29%.
  • In media le aziende sperimentano un aumento del 20% delle vendite dopo aver personalizzato il contenuto.

Come usare le mail per ottenere clienti

Sapevi che l’83% dei brand non gestisce una buona analisi del proprio database? Questa percentuale utilizza sistemi basici di segmentazione per personalizzare le sue mail. Per questo è importante capire come usare le mail una volta segmentato il database.

1 – Crea segmenti di contatti specifici

L’obiettivo di qualsiasi campagna di marketing personalizzata è allontanarsi dal modello unico che tratta tutti gli utenti come se avessero le stesse necessità e interessi.

E parte del motivo per cui le campagne personalizzate generano vendite è perché garantiscono che la mail in questione sia rilevante per il destinatario. Ma per farlo devi segmentare il tuo database.

La segmentazione ti permetter di creare contenuti molto specifici per segmenti determinati. E una delle conseguenze è che generai meno disiscrizioni e segnalazioni spam.

I segmenti più comuni da cui poi cominciare sono:

  • Ubicazione geografica
  • Demografia
  • Mercato e settore
  • Attività di emailing anteriore
  • Attività del flusso di lavoro
  • Buyer personas

Anche se senza dubbio il modo più semplice per ottenere questa segmentazione è attraverso i form. O semplicemente chiedendo agli utenti, in una delle tue prime mail, che decida quali informazioni vuole ricevere e con che frequenza.

Il form standard di solito richiede informazioni come nome, data di nascita e ubicazione. Ma puoi includere qualsiasi altro campo che ti aiuti a conoscere altri dettagli.

Una volta che hai raccolto i dati sufficienti, potrai creare i tuoi segmenti per cominciare la tua campagna.

2 – Approfitta del tracking dell’utente sul tuo sito

Fare il tracking di un utente che naviga sul tuo sito è uno dei movimenti più positivi per le tue future mail. Soprattutto perché dopo, grazie a piattaforme come Google Analytics, otterrai informazioni utili sui movimenti dei tuoi visitatori.

Questa tecnica è ideale per valutare il rendimento delle tue campagne di email marketing. Questi tracciamenti ti daranno una visione più profonda del percorso dell’utente attraverso il tuo sito, da quando apre la tua mail fino al momento in cui effettua un acquisto.

Cosa significa?

I tag di tracciamento analizzano i KPI più importanti come i tassi di click, rimbalzo o conversioni e considererà informazioni come l’ubicazione dell’utente o il suo comportamento. E tutto ti aiuterà a migliorare le tue campagne per il futuro.

Se vuoi sapere come usare le mail personalizzate che ti permettono di tracciare i movimenti, fai attenzione. Piattaforme professionali come MDirector ti permettono di creare tag di tracciamento delle tue campagne di email e ottenere i risultati desiderati.

3 – Come usare le mail personalizzate con contenuto dinamico

Come i testi dinamici ottimizzano le landing pages, i contenuti dinamici personalizzano le mail.

Il funzionamento è il seguente. Estrai le informazioni delle tue liste e modifica il contenuto nella mail in funzione del destinatario. Il tutto in base a due criteri:

  • Una prova o test: man mano che si inviano email con immagini, CTAs, offerte, ecc agli utenti, si analizzano e misurano i risultati. A partire da qui e in funzione dei risultati estratti si riducono le opzioni e si ottimizzano quelle che hanno ottenuto il miglior CTR.
  • Il contesto dell’utente: questa misurazione si effettua in base a fattori come:
    • Momento, giorno e ora in cui si riceve la mail.
    • L’ubicazione da dove si apre la mail.
    • Dispositivo da cui si apre o visualizza la mail.

Questi due criteri sono fondamentali per sapere come usare le mail personalizzate con contenuto dinamico.

Inoltre questa tecnica è perfetta per garantire che i prodotti arrivino alle persone adeguate nel momento opportuno. In questo modo ci saranno più probabilità di ottenere vendite.

4 – Automatizzazione per segmenti

Infine, se vuoi sapere come usare le mail personalizzate dovresti avere chiaro che devi automatizzare i tuoi messaggi e che devi farlo per segmenti.

Questo processo ti permette di creare mail che vengono inviate automaticamente in funzione di dati, eventi specifici e l’attività degli utenti sul tuo sito o a seconda della loro interazione con i tuoi contenuti.

L’automatizzazione delle mail per segmenti utilizza l’attività degli utenti per personalizzare i tuoi contenuti. In questo modo, oltre a risparmiare tempo e risorse non facendolo manualmente, ti assicurerai che i tuoi contenuti raggiungano le persone adeguata nel momento giusto.

Inoltre i dati estratti da The transactional Email Report, segnalano che automatizzare email non solo offre migliori risultati ma generano un miglior engagement. Gli utenti li leggono in diverse occasioni e generano più entrate. Per questo devi approfittare dell’occasione. Se sai che aspettano i tuoi messaggi e che, inoltre, li leggono non gestire email standard. Lavorale.

L’automatizzazione in funzione di segmenti adatta il tuo contenuto alle necessità e aspettative dell’utente singolo. In questo modo, aumentano le possibilità che le tue mail siano aperte, lette e permettano di attivare le azioni.

Ma solo se segmenti il tuo database potrai rilevare i gusti e le abitudini dei tuoi contatti e solo così potrai personalizzare ogni messaggio.

Vuoi creare campagne di email marketing che raggiungano in maniera adeguata i tuoi clienti? Prova MDirector, impara come usare le mail personalizzate e in pochi minuti potrai disporre di templates professionali adatti sia a pc sia a dispositivi mobile. In pochi minuti!

Whitepaper esclusivo
Email Marketing, il perfetto alleato dell'e-commerce
Scopri come migliorare le vendite del tuo e-commerce con l'Email Marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?