Trucchi per segmentare il tuo database - MDirector.com

Trucchi per segmentare il tuo database

6 febbraio, 2019 per NewsMDirector

I trucchi di segmentazione per un database sono l’arma segreta di molti responsabili marketing che lavorano giorno dopo giorno per ottimizzare le loro strategie di email marketing.

Ed è evidente.

Vuoi migliorare i tuoi tassi di paertura, i clicks e ridurre le disiscrizioni? I veri responsabili marketing intelligenti utilizzano i trucchi di segmentazione per migliorare drasticamente l’efficacia delle loro campagne.

Inoltre i dati svelano il potere della segmentazione. Per cominciare le mail segmentate hanno il 14% in più di possibilità di essere aperte rispetto a quelle massive. Inoltre una mail personalizzata aumenta i tassi di conversione fino a 6 volte.

Trucchi di segmentazione

La cosa migliore è che le mail personalizzate hanno 6 volte più probabilità di ottenere conversioni. E, ovviamente, il 70% dei brand fallisce in questo processo.

Sono buone notizie per te. Ancor di più se sai approfittare di questa guida con diversi trucchi di segmentazione che, ovviamente, ti ispireranno.

1 – Segmentazione dei nuovi iscritti

Non dimenticare i tuoi nuovi utenti dopo che si sono iscritti. Hanno bisogno di un caloroso benvenuto. E ci sono vari trucchi di segmentazione che possono aiutarti a gestirlo.

Per esempio, Lululemon utilizza la mail di benvenuto come remind dei vantaggi degli utenti iscritti. Anche se l’ideale in questi casi è prendere esempio da questo caso, che avvisa l’utente della periodicità dell’invio delle mail.

Ciò che devi avere chiaro è che la mail di benvenuto è uno dei messaggi che non devono mai mancare nelle tue strategie, per due motivi:

  • È l’unica mail che gli utenti si aspettano. La mail di benvenuto è l’ultimo elemento del processo di lead generation. Quindi dopo questo invio l’utente e il brand cominciano a lavorare sulla relazione.
  • Inoltre questa mail contiene qualcosa che gli utenti vogliono: che sia un link per il download o un codice di attivazione, o la conferma di un acquisto o, anche, informazioni specifiche sulla consegna.

2 – Frequenza di opt-in/accettazione

Alcuni dei tuoi utenti sceglieranno uno dei tuoi lead magnets, mentre altri possono sceglierne diversi.

Crea un segmento di utenti che hanno scelto più di un lead magnet e sarà più semplice rilevare quelli ricettivi alle tue comunicazioni.

Come sai, il lead magnet è una tecnica che ti permette di aumentare il numero dei tuoi utenti in cambio di contenuto gratuito. Quindi la lista di utenti come il contenuto, sono di qualità.

3 – Segmenta in funzione dei carrelli abbandonati

I trucchi di segmentazione che si basano sul recupero dei carrelli danno luogo a mail più che efficaci per qualsiasi attività. Soprattutto perché sono mail automatizzate e ti risparmiano lavoro, portando conversioni.

4 – Segmentazione in funzione dello storico acquisti

Un consiglio: utilizza lo storico degli acquisti dei tuoi clienti per fare cross selling con le tue mail. Il principio di questa tecnica si trova nel primo acquisto. Dopo questo contatto ti consigliamo di fare tutto il possibile perché questo utente torni al tuo negozio e effettui un acquisto. E, come sai, ci sono diverse tecniche per fare retention post acquisto, soprattutto grazie alle mail.

Per esempio Dollar Shave Club invia una mail prima della preparazione dell’ordine, con la possibilità di aggiungere articoli.

5.- Tasso di apertura

Utilizza l’informazione sul tasso di apertura di ogni utente per segmentare gli utenti in funzione della loro interazione con le tue mail. In questo modo potrai stabilire parametri in funzione dell’attività di ognuno.

Per esempio potresti ricompensare i tuoi utenti più interessanti offrendo loro opportunità speciali. Accessi beta alle tue apps, sconti, ecc.

6 – Trucchi di segmentazione in funzione dell’inattività

Se i tuoi utenti sono stati inattivi per un determinato tempo, uno dei trucchi di segmentazione più efficaci è lanciare mail personalizzate di riaggancio.

Webflow usa le prove social per attirare gli utenti inattivi verso la piattaforma.

7.- Preferenze

Un altro dei trucchi di segmentazione è dividere le tue mail in funzione delle preferenze degli utenti.

Professionisti di marketing come Amy Gesenhues segnalano che le preferenze sono un’area dove i brand sbagliano. Di fatto solo il 7% dei brand considera le preferenze dei clienti per determinare i canali di marketing adeguati.

Lo hai visto nella mail di benvenuto. Non c’è nulla come informare riguardo alla periodicità di invio. Ma se vuoi applicare trucchi di segmentazione che ti portino a un livello più professionale, chiedi agli utenti con quale frequenza vogliono ricevere le tue comunicazioni. Oltre a dare l’opzione di selezionare il tipo di mail che vogliono ricevere.

Bonobos è l’esempio ideale di come applicare questi trucchi di segmentazione.

8 – Per il tipo di acquisto

Nel caso in cui tu abbia diversi prodotti, segmentare i tuoi clienti in funzione degli acquisti effettuati è un modo eccellente per determinare quali sono i suoi interessi.

9 – Cambi nell’engagement

Ogni utente può vivere diverse situazioni che fanno sì che il legame con il tuo brand cresca o si riduca a seconda del periodo. Di fatto, è possibile che i più fedeli smettano presto di interagire con le tue mail. E ciò può accadere indipendentemente da ciò che fai.

Ovviamente, se li lasci andare, è possibile che non ci sia soluzione.

Duolingo è sensibile e capisce che il suo cliente è stato occupato. In questo modo, quando l’utente non avvia la sessione per un po’, viene lanciata una mail specifica con una call to action determinata. In questo caso, affinché il tuo utente impari una lezione da 5 minuti prima di tornare alla normalità.

10 – Clienti che non hanno lasciato una recensione

Pochi considerano uno dei trucchi di segmentazione più potenti e persuasivi: le recensioni.

I tuoi clienti sono i migliori difensori del brand. Ma solo se fai qualcosa affinché condividano la loro esperienza con i tuoi prodotti o servizi.

Pochi scommettono sull’invio di mail personalizzate affinché gli utenti lascino una recensione. Ovviamente TradeGecko conosce il potere delle recensioni e non ha dubbi sull’usare questa mail.

11 – Segmenta per lo storico delle visite al tuo ecommerce

Se prima si puntava sul carrello abbandonato, esistono anche altri trucci di segmentazione similari senza la necessità che l’utente includa un articolo nel carrello.

Puoi utilizzare i dati delle visite al tuo sito per inviare campagne personalizzate a seconda delle pagine visitate.

Per esempio puoi lanciare offerte che scadono a breve. Come invii gratuiti o sconti.

12 – Interessi

Utilizza i tuoi dati sugli interessi degli utenti per determinare quale contenuto invierai a ognuno in funzione dei suoi gusti.

Per esempio, Rdio fa uso dei dati sulla musica che ascoltano gli utenti per creare mail specifiche con consigli personalizzati.

13 – Per l’attività sul sito

Se controlli l’attività dei tuoi utenti sul tuo sito, saprai cosa cercano. Per esempio Canopy raccoglie questi dati e seleziona articoli specifici per il cliente.

14 – Per l’inattività sul sito

Puoi anche utilizzare l’inattività degli utenti sul tuo sito per applicare alcuni trucchi di segmentazione e portarli sulle tue landings.

15 – Segmentare per date di compleanno

Realizzare segmentazione per le date di compleanno e anniversari, è sempre una buona idea per fare in modo che i tuoi utenti si sentano speciali.

Inviando loro mail specifiche con offerte speciali o semplici auguri, creerai connessioni più forti con gli utenti.

Come puoi vedere in questo esempio di Facebook non necessariamente devi regalare qualcosa. Dopo di tutto a chi non piace ricevere gli auguri di compleanno?

16 – Segmentazione in funzione del clima

Pensi che il clima non abbia un ruolo fondamentale nelle tue strategie? Può servirti più di quanto pensi. Di fatto, utilizzarlo come arma puà aiutarti a fare in modo che l’utente compia l’azione desiderata.

Per esempio, Airbnb ha inviato questa mail a un segmento di utenti che vivono in una determinata area degli Stati Uniti dove il clima era freddo in quel momento. La mail invita gli utenti a fare un viaggio con un copy interessante.

17 – Segmentazione in base all’ubicazione

Uno dei migliori trucchi di segmentazione è utilizzare la location degli utenti per personalizzare le mail.

Il fattore geografico è un elemento di segmentazione imprescindibile. L’ubicazione dei clienti e la distanza che percorrono fino al lavoro può offrirti molte opportunità per farti notare.

18 – Scadenze

La versione di prova sta per scadere? Ci sono trucchi di segmentazione che ti aiuteranno ad agire.

Ecco un esempio di Apple Music molto semplice e efficace. Soprattutto perché permette un rinnovo automatico.

Tutti questi trucchi di segmentazione possono aiutarti a conoscere quali sono i clienti più fedeli e a ricompensarli per trattenerli.

Una volta che hai gestito il tuo database, è il momento di passare all’azione e creare una strategia di email marketing perfetta. Per questo, la cosa migliore è disporre dei servizi di un’azienda come MDirector che ti permette di aggiornare costantemente il tuo database e fare i cambiamenti dovuti.

Whitepaper gratuito Landing Page
Landing Page efficaci: consigli che ti porteranno al successo

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?