Caratteristiche del video perfetto per le tue landing pages

22 marzo, 2019 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

video landing pages statistics

Secondo uno studio di Eyeview basato su diversi ecommerce, utilizzare video nelle landing pages può aiutare a incrementare le conversioni dell’86%. Un dato che Ryan Mull di Imavex migliora fino al 130,5% se si aggiunge un video a una landing page in una campagna PPC (Pay per click).

Non sono gli unici dati importanti su questo aspetto come si osserva nell’immagine superiore come nelle seguenti statistiche.

  • Il 64% degli utenti è più disposto a fare un acquisto online dopo aver visto un video del prodotto (ComScore).
  • Includere un video in una campagna di email marketing incrementa del 200-300% il tasso di clicks. Click-Through-Rate (ComScore).
  • L’80% delle persona ricorda il contenuto di un video degli annunci visualizzati negli ultimi 30 giorni (Online Publishers Association).
  • Il 36% dei consumatori digitali si fida degli annunci che includono video (Nielsen Wire).
  • Un minuto di video equivale a 1,8 milioni di parole (Dr.James McQuivey, Forrester).
  • Il 92% degli utenti video sul mobile condivide video con altri utenti (Invodo).
  • Più del 60% degli utenti passa almeno due minuti guardando video che offre informazioni su un prodotto che vuole comprare (MarketingCharts.com).
  • Il 59% dei professionisti preferiscono video rispetto alla lettura di testi (Forbes).
  • Il 90% degli utenti segnala che un video su un prodotto che gli interessa aiuta in un processo di decisione di acquisto (Digital Sherpa).

Come deve essere il video nelle landing pages

video landing pages animoto

Una buona landing page deve interessare gli utenti in pochi secondi. Alcuni studi hanno stabilito in 8 secondi la barriera di attenzione di un utente prima di decidere di abbandonare la landing. Per questo ogni landing deve utilizzare elementi adatti per motivare l’utente affinché arrivi alla call to action che garantisce la conversione.

Testi che motivino i visitatori a compilare il form. Titoli impattanti che aiutano i visitatori a restare nella landing. Immagini con persone che coinvolgono gli utenti. Sono alcuni degli elementi con cui una landing page cerca di raggiungere i suoi obiettivi.

Ovviamente sembra evidente che includere video nelle landing page ti dà un vantaggio quando vuoi generare leads e raggiungere gli obiettivi fissati. Ma per approfittarti dell’efficacia, è importante conoscere le caratteristiche fondamentali che devono avere i tuoi video:

1 – Inserisci il video nella parte superiore della landing page

video landing page vidyard sfondo completo

Da tempo sono diventati di moda i video a fondo completo. È una posizione perfetta affinché il video permetta alla landing di raggiungere gli obiettivi fissati. Se ciò che cerchi è che siano i video a migliorare le conversioni è importante situarli in spazi principali della landing.

Per questo devi evitare che attorno al video nella landing ci sia molto testo. O che per vederlo sia necessario uno scroll. Il video deve essere situato in quello che si conosce come ‘above the fold’, ossia nella metà superiore della landing page. Nello spazio che si vede quando apri la pagina.

video landing page crazyegg

Ovviamente, come si vede nell’esempio di CrazyEgg, non è necessario che il video nella landing page occupi tutto lo schermo. Di fatto nella maggior parte delle landing pil video è un elemento in più che aiuta a fare in modo che le conversioni migliorino.

In questo caso, l’importante è che il video abbia l’importanza necessaria. Ma deve essere allo stesso tempo connesso con il messaggio trasmesso dagli altri elementi: dal titolo alla lista di vantaggi o alla call to action che chiude il form.

2 – Non abusare della funzione autoplay

woman pressing play button

Le norme basiche di usabilità web consigliano di non utilizzare le tecniche dell’autoplay mediante il quale un video si attiva in maniera automatica. Questa tecnica di interruzione, più utilizzata in passato, annoia la maggior parte degli utenti che rispondono in maniera negativa. Generalmente abbandonando la landing.

Sembra che a nessuno piaccia un sito web e cominciare ad ascoltare un video che si autoesegue. Per questo in condizioni normali dovresti disattivare questa funzione se utilizzi video nelle landing pages.

A/B test per considerare l’autoplay dei video

Ovviamente in alcune situazioni l’autoplay funziona a tuo favore. Per esempio se un utente è arrivato alla landing page da un link che indicava che avrebbe visto un video, la cosa più logica è che il video si autoesegua in maniera automatica. Perché è ciò che il visitatore si aspetta. Al contrario dovrà cliccare sul pulsante per effettuare la conversione.

In ogni caso il modo migliore per sapere quando usare l’autoplay nei video delle landing pages è effettuare A/B Test frequenti. Crea due versioni della tua landing page con video: in una di queste devi inserire l’autoplay e nell’altra sarà l’utente a lanciare il video.

I dati ti diranno esattamente quando un possibile lead è più interessato al fatto che il video si autoesegua. E ti aiuteranno a incrementare le conversioni con il video nelle landing pages.

3 – Un video con la lunghezza adeguata

video landings analytics

Uno dei fattori che definiranno il successo dei tuoi video nelle landing pages è la lunghezza. Come si osserva nella grafica superiore, la connessione degli utenti si riduce man mano che aumenta la durata. Ma è anche interessante osservare che ci sono piccole variazioni che dipendono da questa lunghezza affinché gli utenti arrivino alla fine.

Ovviamente non si può analizzare la lunghezza del video di per sé. Perché non è la stessa cosa un video da 60 secondi noioso e con molto testo, rispetto a diversi minuti ben prodotti e con informazioni di valore per i visitatori.

Quindi il consiglio è assicurarti di non annoiare il visitatore. E ridurre la lunghezza dei tuoi video al minimo possibile affinché abbia valore per l’utente.

4 – Aggiungi una call to action nel video

DynAdmicLP

Ogni video deve includere una call to action. È il modo migliore per invitare le persone che lo hanno visto a completare la conversione nella tua landing. Al contrario può succedere che un utente visualizzi tutto ciò che proponi ma non converta.

Inoltre, è importante completare questa call to action con messaggi da mostrare lungo il video. In alcuni casi si è optato per mostrare in maniera permanente e ben visibile la call to action in tutto il video. In questo modo potrai dirigere gli utenti verso la conversione in momenti strategici del video.

5 – Utilizza segnali direzionali

video landing page mixpanel

Indicare agli utenti dove devono guardare o cosa è importante ti aiuterà a far capire meglio il contenuto del tuo video. Per questo devi utilizzare segnali direzionali che dirigano gli utenti verso il principale obiettivo della landing. Alcuni di questi segnali possono essere:

  • Un’azione fisica di un persona con il dito che punta un luogo o lo sguardo rivolto verso qualcosa.
  • Un’istruzione verbale
  • Un pulsante con una call to action come l’esempio di Mixpanel in cui se clicchi su ‘See how it works’ si lancia il video a schermo intero. Nei video interattivi questo tipo di segnale direzionale guiderà gli utenti nei prossimi passi.

6 – Un video ottimizzato

Uno degli aspetti che si curano meno nei video nelle landing è l’ottimizzazione. Non solo riguardo al contenuto ma anche il fatto che sia diretto a un’audience interessata, con aspetti tecnici che permettano che non sia troppo pesante o che possa essere visualizzato in maniera corretta da qualsiasi dispositivo.

Non serve a nulla avere il miglior video del mondo con un contenuto interessante per gli utenti che vuoi intercettare con la landing. Cura l’esperienza dei tuoi utenti via dispositivi mobile perché la cifra aumenta ogni giorno.

Crea la pagina considerando ogni dispositivo attraverso il quale può essere consultata. E fai lo stesso con il video nella tua landing page.

Best practices per migliorare i tuoi video nelle landing pages

landing iversity

Queste sono 7 best practices che puoi utilizzare se vuoi che i tuoi video migliorino le conversioni della tua landing:

  1. Cura la professionalità del video. È interessante scrivere un piccolo canvas prima di produrlo.
  2. Crea video il più corti possibile. Ricorda che la finestra di attenzione che può dedicarti l’utente è piccola.
  3. Inserisci il messaggio più importante all’inizio. Così ti assicuri che qualsiasi utente lo veda. Anche quelli che decidono di abbandonare il video prima della fine.
  4. Rendi visibile la tua call to action in tutto il video e alla fine. La call to action è quella che deve indicare all’utente cosa deve fare. Solo così incrementerai le conversioni.
  5. Aggiungi il tuo video in altri spazi digitali come Youtube affinché aumenti la possibilità di visualizzazione.
  6. Ottimizza il video per la SEO. Alcuni studi indicano che un video ha 52 volte più possibilità di comparire in una pagina di risultati di Google rispetto a un articolo di testo. Soprattutto perché c’è meno concorrenza.
  7. Personalizza i video a seconda dell’audience a cui dirigi la landing page. Come definisci e segmenti il traffico per una landing page, è anche importante che il contenuto dei video risponda alle necessità di un’audience concreta.

Per mettere in pratica queste 7 best practices è essenziale utilizzare una piattaforma professionale di landing pages. Solo così potrai conoscere quali funzionano nelle tue landings.

MDirector Landing Optimizer è un software di generazione di landing page che non solo ti aiuta a creare pagine di atterraggio dinamiche ma ti permette di utilizzare templates professionali in cui potrai includere video. Vuoi provare Landing Optimizer in maniera gratuita per 15 giorni?

Whitepaper Esclusivo
Come configurare SPF e DKIM
Configurati SPF e DKIM e fare campagne di email marketing funzionano meglio

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?