7 elementi di una landing page che converte

7 elementi di una landing page che converte

10 giugno, 2020 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Ogni landing page ha un grande obiettivo: convertire il potenziale cliente. In pratica sembra facile, ma raggiungere l’obiettivo con successo è più complicato di quanto sembri. Una landing page efficace si ottiene solo dopo ore di lavoro e test. Per questo, è essenziale conoscere e padroneggiare gli elementi di una landing page che converte.

Indipendentemente da ciò che fa il tuo brand, è importante soddisfare questi requisiti di base. E per questo dovrai basarti su creatività, curiosità e perseveranza. Inoltre, un altro punto essenziale per rendere efficace una landing page è il rispetto di alcune best practices.

Costruire una landing richiederà tempo, ma avere questi elementi sempre a mente ti aiuterà a prendere la strada giusta.

I 7 elementi di una landing page che converte

Quando si progetta una landing, è necessario seguire una tabella di marcia che semplifichi il lavoro. Il seguente elenco elenca gli elementi principali di una landing page che converte:

1.- Un titolo che interessa

È la prima cosa che l’utente leggerà ed è decisivo per continuare a navigare nella landing. Se quella frase non lo cattura, il tuo potenziale cliente chiuderà la finestra e continuerà con le sue faccende.

Per evitare ciò, il titolo deve essere descrittivo e persuasivo, oltre a contenere le parole chiave principali. Inoltre, deve essere posizionato in modo prominente nell’intestazione. Ogni titolo che aspira ad essere efficace deve soddisfare i seguenti requisiti:

  • Deve essere chiaro e conciso.
  • Deve avere il potere di attirare l’attenzione dell’utente sin dal primo momento.
  • Le parole chiave principali devono essere incluse.
  • Il contenuto della landing page deve essere chiaro alla prima lettura.
  • Il design deve essere accattivante e, a sua volta, piacevole per gli occhi.
  • Deve usare un font ideale per i contenuti e coerente con il design della landing page.
  • Nessun elemento appariscente deve essere inserito in modo che il lettore non sia distratto.

2.- Includi immagini e video

Come dice la frase popolare, un’immagine vale più di mille parole. Un articolo che vende da solo può essere la cosa più interessante della tua landing page. Se stai offrendo un articolo, ti consigliamo di utilizzare un’immagine o una breve clip illustrativa per evidenziare le caratteristiche principali al cliente.

Se vendi magliette originali, mostra quelle con i disegni più carini. D’altra parte, se stai cercando utenti per provare uno strumento, proponi un’infografica che include le funzionalità principali. E se vuoi che ti forniscano i loro dati, fai sentire all’utente come se avesse il prodotto tra le mani.

Usa la tua immaginazione per lavorare gli elementi di una landing page che converte. Usa sempre immagini di qualità e cerca di non usare immagini gratuite. L’utente apprezza la ricezione di e-mail e notifiche originali. Se non disponi di un abile graphic designer interno, puoi scegliere di scaricare immagini e video di qualità da diverse fonti.

3.- Un invito all’azione chiaro e diretto (CTA)

Un invito all'azione chiaro e diretto

Tra gli elementi di una landing page che lo distingue, la CTA è di fondamentale importanza. Devi darle la priorità, poiché è quello che ci consente di ottenere lead o conversioni. È il punto a cui vuoi attirare l’utente e tutti gli elementi della pagina devono indirizzare l’attenzione su questo elemento.

Pertanto, deve essere chiara, diretta e concisa, il che incoraggia il destinatario a compiere l’azione desiderata. Posizionala nell’area chiamata above the fold. Questo termine è usato per riferirsi all’area della pagina che viene visualizzata sullo schermo quando la pagina viene caricata. Per vederla l’utente non ha bisogno di scorrere.

La CTA deve essere ben visibile in grassetto e accanto al modulo. Pertanto, l’utente saprà cosa deve fare per ottenere ciò che proponi.

La frase o il termine che inserisci in questo invito all’azione non deve essere definitivo. Vai a fare diversi test fino a trovare quella che ti dà i migliori risultati. A volte una leggera modifica può capovolgere il tasso di conversione.

4.- Elenca i principali vantaggi

L’utente deve essere consapevole dei vantaggi che il tuo prodotto fornirà. L’attenzione dell’utente non è infinita, quindi non andare troppo oltre. L’ideale in questi casi è che l’elenco segnali 4-5 vantaggi.

Al giorno d’oggi, le persone vogliono tutto e subito, una ragione forte per non dare spiegazioni approfondite. Vai dritto al punto, con frasi brevi e dirette. La lingua, ovviamente, deve anche essere pulita e di facile comprensione. Evita tecnicismi che allontanano la stragrande maggioranza dei lettori.

È importante occuparsi del copy di questo elenco; devi scriverlo pensando al pubblico che hai definito come target. Devi capire che, quando il messaggio viene letto, crea nel lettore l’urgente necessità di acquistare il prodotto.

È anche importante utilizzare parole chiave. Pertanto, non scrivere i testi solo pensando alla SEO. Ricorda che vuoi raggiungere il cuore della persona, non il cuore (robotico) di Google.

5.- Includi testimonianze dei clienti e altri elementi persuasivi

testimonianze dei clienti

Commenti e valutazioni sono sempre più determinanti per affrontare un processo di acquisto. Le recensioni degli utenti generano più fiducia delle descrizioni dettagliate del venditore.

Ma è importante che queste opinioni non siano costruite. Devi ottenerle da persone con cui è possibile identificarsi. Il potenziale cliente deve capire che altri come lui stanno già migliorando la propria vita grazie ai tuoi servizi. In questo modo, raggiungerai un primo grande obiettivo: costruire la fiducia.

Fai attenzione alla classica dichiarazione + schema fotografico. Spesso questa formula nasconde una recensione irreale. Una frase fredda, insieme a una foto scattata da Internet, non produce alcuna empatia. Si consiglia di includere nome, cognome, posizione e azienda accanto alla foto del cliente e un testo di più righe che spieghi la sua esperienza con il servizio.

Per dare più valore a ciò che vuoi vendere, puoi scegliere di indicare i riconoscimenti che l’azienda ha ricevuto. Puoi anche includere le caratteristiche del prodotto che ti interessa evidenziare, le certificazioni che il prodotto ha, ecc.

6.- Immettere un secondo invito all’azione

Aggiungi un “ultimo invito all’azione” alla fine del tutto, in modo che gli utenti che non hai convinto abbiano ancora la possibilità di agire. Sono lead che non vengono convertiti ora, ma che in futuro potrebbero diventare clienti.

I pulsanti dei social media sono un invito a iniziare a seguirti sulle tue piattaforme social. In questo modo gli utenti possono continuare a ricevere informazioni sui tuoi prodotti e servizi. Allo stesso modo, puoi incoraggiarli a condividere il contenuto della landing con i loro amici.

Puoi anche includere l’accesso a una versione gratuita del servizio che stai offrendo. E perché non un catalogo scaricabile con le caratteristiche del prodotto? Le opzioni sono illimitate. Spremi le meningi per attirare i tuoi potenziali clienti.

7.- Forma semplice

Forma semplice

Il modulo è uno degli elementi più importanti di una landing page. Deve contenere diversi campi che l’utente deve compilare. Naturalmente, non inserirne troppi, in caso contrario, spaventerai gli utenti. Tieni sempre presente che less is more.

Richiedi le informazioni di cui hai veramente bisogno. Questa necessità determinerà il numero di campi che il modulo avrà. Se sono sufficienti tre dati, progetta un questionario con tre campi. Se hai bisogno di dieci informazioni, implementa dieci campi. Più è complesso, meno possibilità di successo avrai.

È importante che alla fine del modulo ci sia una CTA che susciti l’interesse dell’utente. Non essere obsoleto e ignora le classiche opzioni “conferma” e “accetta”. Attiva l’immaginazione e cerca alternative che divertano il consumatore. «Voglio ricevere il mio regalo», «Sì, voglio … iscrivermi», »Voglio essere l’invidia dei miei amici con queste scarpe» … l’immaginazione al potere!

Infine, il questionario deve trovarsi in un’area visibile della landing. Posizionalo sopra, in modo che sia visibile senza dover scorrere. Se la landing è molto lunga, è consigliabile inserire un altro modulo simile nella parte finale. Così gli utenti non dovranno tornare all’inizio per inserire i propri dati.

Questi sono gli elementi di una landing page che devi conoscere per ottenere più contatti. Ma se stai cercando una soluzione più professionale, Landing Optimizer, il software di generazione di landing page di MDirector, è la tua soluzione. In pochi minuti puoi progettare le tue landing page ottimizzate per desktop e dispositivi mobile. Registrati ora e provalo gratuitamente per 30 giorni.

Whitepaper Esclusivo
Come configurare SPF e DKIM
Configurati SPF e DKIM e fare campagne di email marketing funzionano meglio

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?