8 tips per costruire il tuo personal branding

11 luglio, 2018 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

personal-brandUno dei motivi di base per cui devi conoscere i tips per costruire un personal branding è perché si sta trasformando nel nuovo Curriculum Vitae. E, di fatto, si sta trasformando in un fattore determinante per crescere professionalmente.

Avere la capacità di esprimere le proprie qualità e capacità è garanzia di successo. Ma non significa che tutti siano pronti per farlo in maniera adeguata.

Il marketing è passato dall’essere una tecnica di vendita a trasformarsi in un processo misto di promozione e branding. Esistono migliaia di aziende che offrono lo stesso tipo di prodotti e servizi. E anche così portano avanti le loro azioni sul mercato.

Si tratta del brand. Essere un brand di successo porta con sé un’identità unica. Una base che mostri al mondo chi sei, cosa vuoi raggiungere e cosa vuoi trasmettere.

E il branding non ha valore solo per le aziende. Attualmente tutto è un brand. Quindi è importante conoscere i tips necessari per costruire il personal branding. Per prima cosa chiediti chi sei.

Cos’è il personal branding

how-to-create-personal-brand

Il tuo brand personale è la tua essenza, ciò che lasci quando non ci sei. È ciò che dicono di te quando non sei presente. E per assicurarti che se ne parli bene, devi lavorare.

Guarda cosa dicono i professionisti sul personal brandin.

  • Seth Godin assicura che il personal branding è un insieme di aspettative, ricordi, storie e relazioni che rappresentano la decisione di un consumatore di voler scoprire un prodotto o un servizio.
  • Tim Ferriss invece pensa che il personal branding sia la gestione della tua persona, indipendentemente dal fatto che tu abbia un’attività o no. “Se vai a un appuntamento, sicuramente chi ti ha contattato avrà verificato cosa risulta, con il tuo nome, su Google. E se vai a un colloquio, succederà la stessa cosa”.

Non dimenticarlo, viviamo nell’era di Google. Tutte le informazioni che ti servono su qualcosa o qualcuno sono a tua disposizione con un click. Per esempio attualmente non ha più possibilità di trovare lavoro chi ha più esperienza. Nell’era digitale, chi ha più possibilità è chi sa muoversi in maniera intelligente e ha più visibilità.

E la stessa cosa accade con le attività. Per questo ti servono i tips per costruire il tuo personal branding. Devi creare la tua identità e renderla forte. Il generico è noioso. Tu devi emergere, cercare ciò che ti rende unico. Ciò in cui nessuno è specializzato.

Come puoi vedere nell’infografica di Coaching tecnologico, sarà la tua miglior presentazione. Quindi è il momento di metterti al lavoro.

Tips per costruire un personal branding

1.- Impara a rilevare i tuoi valori

swot

Chi sei? Cosa offri? Quale valore apporti sul mercato? Cosa ti rende differente dal resto? Quali valori ti caratterizzano?

Queste sono alcune delle domande che dovresti farti per costruire il tuo personal branding. Se non sai come emergere, non ci sarà nessun punto di partenza.

La cosa migliore in questo caso è fare un’analisi DAFO o FODA di te stesso. Così non farai l’errore di cercare di proiettare gli attributi ideali che vorresti avere ma proietterai ciò che hai di buono.

Tra gli attributi personali più richiesti ci sono la creatività, il carisma, l’efficacia, la specializzazione, l’adattabilità, l’etica, ecc. ovviamente non tutti sono validi per creare un personal branding.

2.- Analizza il tuo settore e verifica la concorrenza

Uno degli elementi chiave per costruire un personal branding è essere aggiornati. E ciò implica conoscere le ultime tendenze del tuo settore, le notizie più rilevanti e avere chiaro dove sta la tua concorrenza.

Per questo la cosa migliore che puoi fare è un’analisi della concorrenza digitale. E farlo spesso. Se conosci il modello di attività di un’azienda, saprai come lavora per farsi notare e magari ci sono persone come te, con le tue stesse conoscenze e con caratteristiche similari che hanno creato il proprio personal branding per emergere di fronte al pubblico target, mentre tu ci stai ancora pensando.

Rilevare queste persone e fare un’analisi ti servirà come una delle migliori fonti di informazione. Non solo per essere aggiornato sul tuo settore ma per sapere cosa piace, cosa no, cosa funziona e cosa non funziona tra i tuoi competitors.

3.- Sii visibile e accessibile

2-person-back-to-back

Non puoi nasconderti nel tuo ufficio dietro a un PC sperando di costruire il tuo brand. Ciò di cui hai bisogno è uscire e farti vedere. Non serve a niente essere un professionista se in realtà nessuno ti conosce. Per questo il networking è uno dei punti chiave per guadagnare visibilità e creare il proprio brand.

Ma fai attenzione. Molti fanno networking in maniera errata. Non presentarti al mondo focalizzandoti sulle tue necessità e cercando il tuo beneficio personale. Non devi mai ignorare completamente le necessità e i desideri di chi ti circonda. È lì dove puoi costruire il tuo personal branding.

L’ideale è assicurarti che le persone si chiedano cosa puoi offrire e che tu possa creare relazioni. È molto importante riprendere i contatti, organizzare eventi, partecipare a congressi e seminari di settore…tutto ciò che ha a che fare con il farsi notare e circondare da persone che ti interessano.

4.- Mostra la tua personalità e sii trasparente

Valori come la coerenza, l’autenticità, la naturalezza o la trasparenza prevalgono quando crei la tua immagine personale. Sono i principi basici per far sì che la tua immagine si consolidi in maniera forte e duratura. E per rinforzare la tua reputazione.

È fondamentale trasmettere credibilità e sicurezza in tutti i canali. Uno studio su come gli utenti vedono le aziende sui social svela che una delle chiavi di successo per generare fiducia è mostrare la tua personalità.

Vai oltre il mostrare ciò che vendi o il legame che hai con i tuoi prodotti o servizi. Devi trasmettere, attraverso tutti i canali, ciò che rappresenti. E mantenere un’attitudine ferma in tutti gli aspetti per avere uno stile tutto tuo.

5.- Non cercare di essere un tuttologo, emergi e crea contenuto

Come imprenditore in un determinato ambito professionale devi cominciare a condividere le tue conoscenze. Solo così potrai posizionarti come vero professionista, rinforzare la tua reputazione e credibilità.

Una delle chiavi di successo per costruire un personal branding è offrire un contenuto di qualità. Si tratta di uno dei modi di dimostrare al resto del mondo che sai di cosa stai parlando, che conosci perfettamente il tuo mondo e che lo domini. E per questo devi utilizzare un linguaggio adatto e al livello delle persone che ti cercano.

Ossia, se vuoi fare personal branding e rinforzare la tua immagine come professionista nell’educazione infantile, probabilmente dovrai trasmettere fiducia, creatività, carisma e empatia. E i contenuti che condividi devono essere legati a questi aspetti. Anche il linguaggio deve essere adatto al tuo target.

In cambio, devi fare branding come professionista tramite l’email marketing, i tuoi tecnicismi, i tuoi contenuti. Tutto il messaggio deve essere coerente.

6.- Mantieni aggiornato il tuo database

Man mano che il tuo brand cresce, cresceranno i contatti. Per questo è importante mantenere una lista di contatti aggiornata e segmentata, dato che è possibile che ad alcuni possono interessare determinati contenuti, e ad altri no.

Tutto ciò può servirti anche come fonte di ricerca quando hai bisogno di qualcosa. Ma anche questi contatti possono essere un riferimento quando hai un’opportunità. La questione è che hai bisogno di rafforzare le tue relazioni, condividendo conoscenza.

7.- Non dimenticarti del lavoro sui social

I social sono un canale di marketing online di vitale importanza quando crei il personal branding, per questo è importante progettare il tuo logo online. La sua funzione non è solo per comunicare e diffondere ma man mano devi essere in grado di collaborare con influencers, persone o aziende di rilievo che interagiscano, collaborino e stringano legami professionali.

Per questo, crea la tua Fan Page su Facebook e lavora per posizionarla adeguatamente, ottimizza il tuo profilo su Linkedin, il tuo account Twitter, Pinterest, Instagram o Google+.

8.- Email Marketing per costruire il tuo personal branding

Ti sei chiesto dove puoi proporre il tuo contenuto e come puoi creare valore attraverso di esso? È molto semplice. Una delle chiavi per costruire un personal branding è essere attivi su tutti i canali in cui la tua audience si trova. Sia offline sia online.

Hai già un profilo social e stai ottenendo successo. Ma è sufficiente? L’email marketing è un canale accessibile, utile e che non richiede molte risorse economiche per farlo funzionare. Devi essere costante e dedicarti a questa attività. Soprattutto per fare personal branding.

In questo senso, è essenziale utilizzare un software di email marketing che ti permetta l’uso di tutti i canali disponibili per contattare i tuoi utenti. E ti offra la flessibilità adeguata affinché gli utenti comprendano la relazione in maniera unica.

Le newsletter sono di fatto la migliore opzione per attirare i clienti. Questo canale può aiutarti a raggiungere diversi obiettivi come:

  • Fidelizzare gli utenti
  • Attirare i clienti potenziali
  • Generare più traffico

Nel momento in cui sei nel top of mind egli utenti, avrai ottenuto ciò che desideri. Se riesci a creare un legame e aumentare la fiducia dei tuoi utenti, sarai a un passo dal trasformare i tuoi utenti in difensori del brand.

Se vuoi assicurarti che i tuoi messaggi siano adeguati per ogni utente del tuo database, è importante utilizzare una piattaforma di email marketing come MDirector che ti permetta conoscere a fondo il tuo pubblico e avere tutte le informazioni per generare un impatto efficace.

Whitepaper esclusivo
Email Marketing, il perfetto alleato dell'e-commerce
Scopri come migliorare le vendite del tuo e-commerce con l'Email Marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?