Come usare un buon contenuto visuale per i social

Come usare un buon contenuto visuale per i social

7 novembre, 2018 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

È importante il contenuto visuale per i social? Partendo dalla base che un’immagine vale più di mille parole, tutto segnala che è un fattore essenziale. In un campo in cui l’interazione, l’informazione e la pubblicità predominano è fondamentale farsi capire nel modo migliore. E ancor di più se si vuole lavorare e aumentare il livello di fiducia con gli utenti.

In questo modo i social si trasformano nel principale veicolo di questi contenuti. Immagini, video, grafici…quanto più visivo è il tutto, meglio è. Di fatto non è un segreto che la maggior parte dei contenuti che si condividono su queste piattaforme sono sempre più elaborati.

Dai uno sguardo intorno a te. Vedi pubblicazioni che non sono completate da video e foto? Non le troverai. I brand lavorano sempre più per generare contenuti visuali potenti, interessanti e impattanti. Ma il loro obiettivo non è condividere pubblicazioni più belle ma apportare valore.

Perché sono così importanti i contenuti visuali?

Su piattaforme come Twitter, Facebook o Instagram a volte può essere complicato spiegare qualcosa di complesso. Non puoi pensare che gli utenti dedichino il 100% della loro attenzione a comprendere ciò che vuoi dire. Per questo una delle principali ragioni per cui si utilizza contenuto visuale per i social è quella di semplificare le informazioni. Fare in modo che siano facilmente comprensibili.

Come viene indicato nell’infografica superiore, il 90% del contenuto che viene inviato al cervello è visuale. E il cervello processa 60.000 volte più rapidamente il contenuto visuale rispetto ai testi. Quindi se hai bisogno di trasmettere qualcosa di completo, appoggiati a loro.

Secondo i dati pubblicati da Quick Sprout, i social sono composti per il 63% da immagini e un 66% di contenuti visuali in generale. Gli utenti non solo caricano immagini e video, ma li condividono anche. Cosa che aiuta la viralità.

Sai perché quasi non si trova contenuto privo di immagini? Perché il contenuto visuale per i social ha migliori risultati. Le pubblicazioni con immagini rilevanti ottengono il 94% in più di impatto e visite rispetto a quelle che non ne hanno.

Benefici del contenuto visuale per i social

Secondo HubSpot, le pubblicazioni su Facebook che contengono immagini, ottengono il 53% in più di likes rispetto a quelle che non ne hanno. Ma dovresti sapere che è una regola che non si applica solo ai social. Continuando con i dati che condivide Quick Sprout, bisogna rilevare che su Twitter l’impatto è ancora maggiore. Un tweet con immagini ottiene il 150% in più di retweets rispetto a uno che contiene solo testo.

Inoltre i profili di Linkedin con fotografie hanno 7 volte più probabilità di essere visti rispetto a quelli che non ne hanno, quindi tutto conta.

Il contenuto visuale costituisce il 93% di tutta la comunicazione umana. Per questo dobbiamo creare contenuti potenti. Inoltre l’aspetto visuale ci facilita la trasmissione di emozioni. L’aspetto emozionale vende di più.

E non solo serve per aumentare le conversioni. Ti aiuterà anche a rinforzare l’engagement con i tuoi utenti e persuaderli. Sai qual è uno degli aspetti più importanti per ottimizzare la persuasione? Il colore. Secondo Natalie Nahai, una psicologa web, il colore è uno degli strumenti determinanti affinché la persuasione sia efficace.

Tipi di contenuti visuali

  • Immagini. Tra i diversi tipi di contenuti visuali per i social, le immagini sono quelle che sono in cima al ranking. Sono facili da ottenere e non hanno quasi costi, con un alto tasso di condivisione. Inoltre, se le identifichi con le tue keywords ti aiuteranno a migliorare il tuo posizionamento.
  • Video. È il re del contenuto visuale ma l’unico inconveniente è che richiede più tempo, risorse e denaro per la produzione. Secondo Moz i contenuti con video vengono condivisi tre volte di più rispetto a quelli che hanno solo testo. Sono la strada perfetta per trasmettere emozioni.
  • Grafici. Sono la migliore alternativa per spiegare informazioni complesse.
  • Gifs. Sono il formato perfetto per rinforzare l’engagement. Si condividono facilmente e sono molto interessanti per gli utenti.
  • Meme. Sono molto popolari. Ti permettono di interagire con gli utenti che amano condividerli. Il principale vantaggio è che sono semplici da creare. Ma devono essere aggiornatissimi. Approfitta delle notizie o dei fatti più recenti che hanno causato un impatto per creare meme interessanti.
  • Webinars. Non ci focalizziamo solo sui webinars di Youtube. Ora il video sta raggiungendo nuovi limiti e lo streaming è il futuro. Basati sui video in diretta di Facebook dei brand. Dalla redazione dei mezzi di comunicazione ai tutorials di cucina. Puoi utilizzarli per tutto. Riassumi il contenuto e offri solo gli elementi principali.
  • Screenshot. Sono uno degli elementi che si utilizzano quando si fa riferimento a qualcosa di concreto.
  • Infografiche. Le pubblicazioni che contengono infografiche crescono del 12% rispetto a quelle che non le includono. La piattaforma essenziale è Pinterest.
  • Disegni. L’esempio più tipico sono le pubblicazioni di Mr.Wonderful.
  • Ebooks. Aiuteranno a rinforzare la tua brand image.

Consigli per ottimizzare il contenuto

1 – Promuovi le interazioni

Per risaltare rispetto agli altri e spingere gli utenti a interagire, adotta strategie che incitino alla partecipazione. Per questo i giochi, i misteri o le domande sono una buona alternativa dato che l’utente, anche, anche se non sembra intenzionato a interagire con il brand, si fermerà.

E ciò genererà un ricordo del brand migliore. Otterrai più conversioni se riesci a creare curiosità nei tuoi followers. Fai in modo che pensino e ti dedichino alcuni secondi.

2 – Incentivali ad essere creativi

Ciò che genera più conversioni e migliora l’engagement verso un brand è fare in modo che l’utente partecipi e condivida opinioni. Riguardo a questo aspetto le tattiche migliori che puoi utilizzare sono lanciare concorsi o promozioni.

Uno dei brand che gestisce più concorsi sui social è Rimmel London. I passi normalmente sono sempre i medesimi: si crea un hashtag e si chiede all’utente di essere creativo e condividere le sue foto con il prodotto. Il più originale vince.

Ciò farà sì che tu ottenga notorietà e migliorerai la tua brand image. Per ottenere questi risultati devi avere una grande community di followers. Se invece hai pochi followers potrai utilizzare questa tecnica per farti conoscere.

Uno dei brand che ha ottenuto la migliore viralità con questo tipo di contenuto visuale per i social è Coca Cola. Anche se può sembrare raro, la campagna #Shareacoke prevede un prima e un dopo per il brand. la campagna è stata creata per raggiungere i millennials e ha avuto successo. Il logo Coca Cola è stato visto da 9 milioni di persone ed è stato condiviso 70.000 volte.

L’opportunità di personalizzare il prodotto con il nome di ogni utente ha fatto in modo che la campagna si trasformi in virale. Molti hanno condiviso le foto con la loro lattina personalizzata. E non è stato l’unico brand ad adottare questa strategia: anche Nutella ha utilizzato questo formato.

3 – Esprimi il potere dei video

Ogni social ha caratteristiche determinate per l’uso dei video. Per esempio alcuni social permettono di riprodurre video con audio attivato di default. E altri attivano riproduzioni automatiche.

Puoi trasmettere emozioni che ti permettono di renderti virale. Uno dei grandi esempi di video che funzionano sui social è quello della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA).

Se lo ricordi, il movimento è diventato famoso l’anno scorso e la viralità ha raggiunto il mondo intero. L’obiettivo era lanciare un’iniziativa per raccogliere fondi e generare coscienza sulla malattia. Ogni utente doveva versarsi in testa una bacinella d’acqua nominando altre 3 persone.

In poche settimane la somma totale delle donazioni ha raggiunto i 100 milioni. Immagina l’impatto che ha avuto dato che l’associazione, prima del lancio dell’iniziativa, aveva raccolto solo 2 milioni.

4.- Gioca con le GIFs

Le GIFs, immagini animate, possono esserti molto utili se sai come utilizzarle. Il contenuto visuale per i social non sempre deve focalizzarsi su immagini e video. L’uso delle GIFs apporta un tocco di humor e divertimento.

5 – Utilizza il Real Time Marketing

Una delle tecniche per sfruttare al meglio i contenuti visuali sui social è utilizzare il Real Time Marketing. Ossia, saper sfruttare le notizie e i successi più recenti.

Non solo ottengono un grande tasso di interazione ma genererai anche un ricordo del brand potente. Stai attento alla quotidianità e sfrutta tutto ciò che esula dal normale.

6 – Utilizza lo humor

Lo humor e, in definitiva, i messaggi positivi sono le emozioni più contagiose per utilizzare il digital marketing. Approfitta di questo sentimento e condividi informazioni gradevoli.

Una volta che gli aspetti positivi hanno raggiunto la tua audience, gli utenti saranno più ricettivi verso le tue informazioni. Ma non devi forzare situazioni divertenti. Prima di tutto sii realista. E ciò significa che ciò che prevale è la naturalezza.

7.- Rischia

Tutti i consigli che ti abbiamo dato fino ad ora sono utili e funzionano. Ma è probabile che ciò che più ti interessa sia emergere rispetto alla concorrenza e richiamare l’attenzione.

Per questo non ti resta che rischiare. Sperimenta e rischia. Mostra la tua personalità e condividi sui social ciò che ti definisce e esprime il tuo humor.

Ora ti mancherà solo il fatto di gestire questi consigli. Non dimenticarti che ogni social ha le sue particolarità. Quindi non potrai pubblicare lo stesso contenuto su tutti i social.

Di fatto ogni social ha un pubblico diverso. Ciò che rende indispensabile pianificare una strategia cross channel adeguata che ti permetta di adattare un messaggio pe rogni canale di comunicazione.

Whitepaper esclusivo
Email Marketing, il perfetto alleato dell'e-commerce
Scopri come migliorare le vendite del tuo e-commerce con l'Email Marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?