Quali sono gli ingredienti segreti dei migliori A/B test

24 febbraio, 2020 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Ogni strategia ha i suoi segreti. E nel marketing, gli ingredienti di un A/B test sono diventati un tesoro ben serbato dai responsabili del marketing intelligenti.

In effetti “il 90% di qualsiasi azione è inutile“. Non importa il campo, l’industria o la specialità. Il 90% di qualcosa prodotto, raccomandato o discusso non ne vale la pena. Questo vale anche per il marketing e tutte le sue strategie. Ed essere informato sugli elementi di un A/B test, in questo caso, ti aiuterà a colpire ed evitare di toccare quella percentuale pericolosa.

Un A/B test ti aiuta a prendere decisioni in base ai dati invece di lasciare al futuro il tuo business. In questo modo puoi essere sicuro al 100% che una determinata tecnica funzioni sul tuo pubblico target.

Ma ti aiuterà anche a evitare la trappola dei casi studio. Cioè, in molte occasioni, i responsabili del marketing vedono campagne vincenti e agiscono automaticamente. Come? Copiandole senza essere sicuri che funzioneranno per le proprie attività. Ma come sai, ogni azienda è diversa. E ciò che funziona per alcuni, per altri può essere un vero disastro.

La soluzione qui è adattare queste strategie al tuo modello di business, anche se per questo è necessario sperimentare idee diverse. Qualcosa che gli ingredienti di un A/B test ti consentono di sviluppare perfettamente.

Abbattere un test A / B

Gli A/B test sono processi in cui vengono condotti esperimenti simultanei tra due elementi per vedere quale funziona meglio. E questo può essere applicato a qualsiasi canale. Sia nell’email marketing, su un sito Web o su una landing page specifica, tra gli altri.

Si tratta di un metodo per convalidare che qualsiasi nuova aggiunta o modifica a una landing, ad esempio, servirà effettivamente a migliorare il tasso di conversione.

Pertanto, un A/B test consiste nella creazione di pagine alternative a una landing specifica. Anche se deve essere chiaro che puoi lavorare solo con due diverse versioni. E ognuno di essi deve avere una variazione specifica. In questo modo, ogni landing viene mostrata a una percentuale specifica di visitatori e ne viene studiato l’impatto.

In effetti, vengono spesso utilizzati per sperimentare opzioni di progettazione. Tra questi la posizione di un testo, l’immagine, il colore di sfondo, la struttura di navigazione, ecc.

Pertanto, conoscere gli ingredienti di un A/B test è vitale per ottenere un approccio strutturato che migliora i tassi di conversione. In effetti, un sondaggio condotto da Econsultancy e RedEye, sottolinea che il 74% delle attività che ha un approccio strutturato alla conversione ha migliorato le proprie vendite.

Ingredienti di un A/B test

Conosci già le migliori pratiche per creare test di prova ottimali, ma è essenziale conoscere gli ingredienti di un A/B test per portarli ad un altro livello. In questo caso ce ne sono tre e devi usarli e tenerne conto in ogni parte del processo di creazione.

Veniamo al dunque.

1.- Creare un’ipotesi collegata a una metrica specifica

I test sono fondamentali per qualsiasi azienda. Ma se fai ogni cosa che viene in mente, puoi trasformare quel comportamento in una pratica abbastanza pericolosa per la tua attività. Se provi qualcosa è perché hai in mente un obiettivo. Non serve il “fare per fare”.

 

Il modo migliore per garantire che un test abbia un obiettivo è collegarlo a una metrica specifica.

Il modo in cui puoi assicurarti che un test abbia un obiettivo è collegarlo a una metrica specifica. Il kit di ipotesi di Craig Sullivan è un buon punto di partenza per comprendere il primo degli ingredienti di un A/B test. Fondamentalmente evidenzia tre passaggi o comportamenti principali.

  • Qualsiasi azienda dispone di dati e riceve feedback dal proprio target.
  • Grazie a tali informazioni, vengono apportate modifiche. E un cambiamento dovrebbe produrre un effetto.
  • Di conseguenza, le modifiche vengono misurate per vedere i risultati.

Forse con un esempio lo capisci meglio. Vedi, immagina di capire che il tuo potenziale pubblico mobile non si sta trasformando in una landing page specifica. Lavori con strumenti per visualizzare il comportamento degli utenti, come una mappa di calore, e scopri che solo il 20% degli utenti scorre in basso per vedere la tua CTA. Il resto è perso.

Con questo problema in mente, puoi creare la tua ipotesi come segue:

  • Tenendo conto del fatto che solo il 20% visualizza la CTA,
  • Modificando il pulsante della CTA del sito, le conversioni potrebbero aumentare.
  • Sarà misurato tenendo conto del tasso di conversione di quella CTA.

Come puoi vedere, il primo degli ingredienti di un A/B test è creare un’ipotesi che, oltre a essere testata, abbia un obiettivo. Lascia da parte l’idea che qualsiasi articolo possa essere testato.

2.- Creare un’ipotesi basata su dati qualitativi e quantitativi

Non fidarti, non tutti gli ingredienti di un potente A/B test sono semplici da elaborare come la prima ipotesi. In effetti, i problemi che sorgono con i siti Web sono spesso molto più difficili da rilevare.

Cioè, la soluzione di solito non è così ovvia come nel caso della precedente CTA.

Naturalmente, gli strumenti di analisi del comportamento degli utenti sono di grande aiuto per farsi un’idea di ciò che potrebbe non funzionare. Ma per quanto riguarda le soluzioni, l’ideale è andare alle registrazioni della sessione dell’utente.

In questo modo puoi non solo vedere come si comporta il visitatore. Ma sarai consapevole degli errori che commetti nella tua navigazione. Cioè, sarai in grado di vedere come si sposta il mouse, dove fa click, su quale tipo di contenuto passa più tempo, ecc. E ad esempio, se vedi che sta compilando un modulo, salta un pop-up e se ne va, capirai perché il processo potrebbe non essere concluso.

Tutte queste informazioni ti aiuteranno enormemente a trovare più spunti emotivi che ti permetteranno di apportare cambiamenti grazie alla tua empatia con l’utente. E come puoi immaginare, arrivare qui non sarebbe possibile con strumenti come quelli usati finora.

Un altro dato qualitativo che puoi prendere in considerazione è il feedback dei tuoi clienti. Non c’è niente di meglio che usare le reti, lanciare moduli o e-mail per analizzare la situazione.

3.- Non farti ossessionare dalle ipotesi

Idealmente, sarai automaticamente in grado di collegare la tua ipotesi a una metrica specifica, tenendo conto di tutte le informazioni raccolte sia in termini quantitativi che qualitativi. Questi sono gli ingredienti di un A/B test senza eguali. Ma non fidarti di te stesso.

L’esecuzione di un A/B test non è sinonimo di successo. In effetti, le modifiche potrebbero non funzionare affatto e potrebbero esserci più variabili ad aumentare gli investimenti finali.

Ovviamente, controlla i tempi necessari per configurare bene sia lo strumento analitico sia lo strumento di test, ma, una volta fatti e ottenuti i dati, verifica il risultato che ottieni e vai avanti. Inoltre, un test fallito non è sinonimo di errore o fallimento. Significa che hai più dati su cui basare le tue prossime ipotesi.

Tuttavia, ci sono alcuni passaggi che non è possibile saltare nel processo di creazione di un A/B test:

  1. Testare gli articoli corretti. Se non misuri i dati corretti, il percorso che troverai non sarà quello giusto.
  2. Prestare attenzione alle dimensioni del campione.
  3. Assicurati che i tuoi dati siano affidabili.
  4. Crea l’ipotesi corretta.
  5. Pianifica correttamente i tuoi A/B test.
  6. Imposta la durata corretta di ciascuno di essi.
  7. Non apportare modifiche nel mezzo del test.
  8. Prova un singolo elemento in ogni test.
  9. Tieni sotto controllo le variazioni.
  10. Presta sempre attenzione ai dati.
  11. Non smettere mai di cercare di ottenere successo.

C’è qualche strumento o software per farlo?

La risposta è si. In MDirector abbiamo lo strumento Landing Optimizer. È un software progettato per semplificare il processo di conduzione degli A/B test delle landing page. Grazie a MDirector puoi creare landing page con caratteristiche diverse. E ti permetterà di creare test per trovare la landing che converte meglio.

Landing Optimizer misura automaticamente i tassi di conversione di ciascuna versione della landing. Inoltre, reindirizza il traffico verso ogni pagina in base alla percentuale selezionata. I test di MDirector sono facili, semplici e veloci.

Ma gli ingredienti di un potente A/B test possono essere applicati anche ad altre aree come l’email marketing. In MDirector semplifichiamo questo compito con il servizio gratuito di A/B test del nostro software di email marketing. Usando il nostro A/B test puoi verificare rapidamente quale creatività o soggetto funziona meglio e MDirector invierà automaticamente la versione vincente per gli utenti che fanno parte della campagna.

È possibile determinare una riga del subject del test, il colore di sfondo dell’e-mail, la CTA, ecc. Ti piace?

Whitepaper gratuito Landing Page
Landing Page efficaci: consigli che ti porteranno al successo

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?