Aumenta l’engagement dei tuoi utenti con email personalizzate

Aumenta l’engagement dei tuoi utenti con email personalizzate

2 gennaio, 2019 per NewsMDirector

Aumentare l’engagement dei tuoi utenti verso i brand è, probabilmente, una delle priorità di qualsiasi campagna di marketing. E non è affatto semplice. Di fatto è un lavoro che richiede costanza, attitudine e capacità di rischiare. Rischiare molto.

Per farlo, la prima cosa da fare è uscire dalla routine. Come? Mediante uno degli strumenti più potenti: le mail personalizzate.

L’elemento chiave per aumentare l’engagement con i tuoi utenti mediante le mail è, principalmente, attirare la loro attenzione. E per questo devi sapere quali sono i suoi interessi. Perché dovresti inviargli contenuto rilevante e le mail personalizzate sono il trucco magico che rinforzerà i legami con il tuo cliente.

Segmentazione della tua lista utenti

C’è chi pensa che per rinforzare l’engagement la chiave sia nei contenuti delle mail. Ossia, nel testo scritto. Ma in realtà sono diversi i fattori che entrano in gioco per raggiungere questo obiettivo. Tutto comincia col dominare gli strumenti che possono aiutarti a conoscere il tuo cliente. Perché senza l’infrastruttura adeguata difficilmente resterai nel top of mind del consumatore.

Per questo, per cominciare a inviare mail personalizzate devi assicurarti che il tuo database sia correttamente segmentato. Solo in questo modo potrai fare in modo che ogni utente ottenga informazioni personalizzate. Per farlo devi considerare questi passi:

  1. Identifica il profilo degli utenti a cui ti dirigerai
  2. Determina quali obiettivi hanno le azioni che effettuerai
  3. Definisci le variabili da considerare
  4. Focalizzati sui segmenti che apportano valore alla tua attività

Il segreto per aumentare l’engagement con le mail personalizzate è che, prima di tutto, tu sia cosciente della potenza di uno strumento come l’email per persuadere gli utenti.

Inoltre, strumenti di retargeting possono essere ottimi alleati per impattare sull’audience che vuoi raggiungere mentre naviga su internet. Tutto ciò più una buona campagna di email marketing può darti ottimi risultati.

Elementi chiave delle mail personalizzate

Se conosci le best practices delle mail capirai molti dei punti che seguono. Per potenziare il legame dei tuoi clienti con il brand devi gestire le mail passo passo. Senza dimenticare alcune delle caratteristiche, per semplici che possano essere. È possibile che tu gestisca questi aspetti ma se non lo fai, è il momento di scoprire gli elementi chiave su cui basarsi.

1.- Il subject

Come in tutte le strategie, la casa non si comincia mai dal tetto. E nelle strategie di emailing vale la stessa regola. Il subject è il primo elemento che il tuo cliente vede quando invii una mail. Ma sono pochi i brand che lo sfruttano. Di fatto, molti non lo capiscano e scrivono subject lineari che non dicono nulla.

Il trucco migliore per attirare l’attenzione degli utenti attraverso il subject è che sia corto. Dimenticati dei testi lunghi. Ricorda che la maggior parte dei destinatari lo vedrà tramite mobile. Vuoi che legga solo una parte del subject?

Come trucco ti consigliamo di non superare mai i 50 caratteri. Cerca frasi di poche parole che impattino. Devi considerare che il tuo messaggio non è l’unico che l’utente riceve. Il tuo obiettivo è farti notare. Considera che se il tuo subject non si fa notare tutto il lavoro sarà vano.

Ti segnaliamo 15 consigli per scrivere subject interessanti:

  • Scrivi un testo corto.
  • Identificati sempre.
  • Personalizzalo.
  • Non fare false promesse e non tradire il consumatore.
  • Segmenta il pubblico.
  • Utilizza un linguaggio conciso.
  • Comincia con un verbo.
  • Fai in modo che il cliente si senta speciale.
  • Potenzia la sensazione di urgenza.
  • Utilizza numeri per riassumere il messaggio.
  • Le domande sono un buon sistema.
  • Usa giochi di parole.
  • Non abusare delle maiuscole.
  • Scegli bene l’ora di invio.
  • Potenzia gli aspetti positivi.

Se c’è un elemento importante nelle mail è il subject. Scegliere un subject sbagliato è uno degli errori più comuni. Per questo devi gestirlo al meglio.

2 – Includi pulsanti ai tuoi profili social

Includere pulsanti ai profili social aumenterà la reach dei tuoi messaggi. Magari non ci hai pensato ma è possibile che i tuoi utenti, anche se ricevono informazioni personalizzate, in questo momento non vogliano acquistare o non siano interessati.

Ma ciò non significa che le loro cerchie non lo siano. Invita i tuoi utenti a condividere i tuoi contenuti con i loro contatti sui social. In questo modo non solo otterrai notorietà se condividono i tuoi contenuti ma sarà l’opportunità perfetta per conoscerti meglio. E più persone ti conoscono più fiducia crei.

3 – Perché non essere divertenti?

Uno degli elementi chiave per attirare gli utenti con mail personalizzate è usare lo humor. Mediante lo humor si può conquistare chiunque. Sempre e quando non si abusi di questo aspetto, ottenendo l’effetto contrario. Ma per creare legami, una buona tecnica è cercare di essere originali.

Gli utenti sono stanchi di ricevere sempre gli stessi subject, gli stessi titoli e le stesse offerte. Se pensi di non riuscire a farti notare con i titoli, per esempio, perché non cercare altri sistemi?

In molti casi lo humor si basa su un’immagine divertente o una gif curiosa. Ma se utilizzi questi supporti verifica che siano in linea con ciò che vuoi trasmettere. E soprattutto con il tuo brand.

Per sapere che tipo di humor si adatta ai tuoi utenti, puoi provare mediante un A/B test. Se verificherai la versione più divertente potrai lanciare mail personalizzate interessanti.

4 – L’importanza del copy per personalizzare le tue mail

Il ruolo del copy è fondamentale per impattare sugli utenti. Devi gestire aspetti come la grafica, le immagini e i files. Ma è il testo a determinare il risultato.

Se vuoi un coinvolgimento degli utenti, devi lavorare sui testi perché siano funzionali. Per scrivere newsletter migliori ti consigliamo di considerare i seguenti aspetti:

  • Se vuoi promuovere un nuovo prodotto o servizio, descrivilo bene.
  • Considera sempre il pubblico a cui ti dirigi. Non devi usare lo stesso vocabolario per un millennial e una persona di 50 anni.
  • Cura il subject
  • Struttura le mail in base al seguente schema:
    • Titolo
    • Sottotitolo
    • Contenuto
    • Footer
  • Utilizza le keywords adeguate
  • Sii originale

Non dimenticarti di includere il nome nei contenuti. Aumenterà la fiducia del destinatario. Inoltre aspetti come i consigli personalizzati o newsletter rilevanti miglioreranno l’engagement.

5 – Scegli l’ora migliore e il giorno migliore per ogni segmento

Questo punto richiede prove e errori. Per trovare i momenti migliori di consigliamo di usare A/B test. Così avrai un feedback reale e rapido basato su dati fondati.

Di fatto questi test sono uno dei metodi più utilizzati per le aziende che lanciano campagne di emailing efficaci. Mediante un A/B test ben creato potrai determinare:

  • I gusti degli utenti. Ti forniranno dati mediante i quali potrai migliorare le campagne successive.
  • Avrai gli elementi necessari per fare una scelta delle immagini adeguata
  • Ti aiuteranno a scegliere i migliori titoli per ogni segmento
  • La scelta del miglior copy non sarà più un rompicapo
  • Saprai quale grafica piace di più
  • Migliorerai la brand image

La frequenza ideale dipenderà anche dai contenuti. Devi essere costante, soprattutto se ciò che vuoi è migliorare l’engagement ma non dimenticare che devi evitare di essere invadente. Tutto va bene nella giusta misura.

Anche se invii mail personalizzate devi gestirle e non essere insistente. Al contrario corri il rischio di essere segnalato come spam. E nel mondo dell’email marketing, dall’amore all’odio c’è un piccolo passo, che porta gli utenti a classificarti come spam.

Le campagne di email marketing funzionano solo se gli utenti ricevano ciò che si aspettano. Se pensi che la tua newsletter non è pronta, è meglio aspettare.

E non dimenticarti i tassi di apertura e di disiscrizione per verificare se sei sulla strada giusta. In definitiva l’utente deve sentire che lo stai considerando e che tieni conto dei suoi gusti.

Ma una buona strategia di email marketing non si può realizzare senza il software adeguato. MDirector mette nelle tue mani un software di email marketing per permetterti di configurare i tuoi messaggi come desideri e di raggiungere i tuoi clienti nel modo migliore.

Whitepaper esclusivo
Aumenta le tue vendite a natale con l'Email Marketing
Tutte le tecniche per incrementare le tue vendite a Natale, grazie all'Email marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?