Come includere video e gifs nelle tue mail

Come includere video e gifs nelle tue mail

4 gennaio, 2019 per NewsMDirector

Includere video e gifs nelle mail è un’azione ricorrente di alcuni brand, fondamentalmente quelli che cercano di sperimentare al massimo le capacità e le opportunità del materiale audiovisuale. Ma non è facile da applicare.

L’email marketing si posiziona ancora come uno dei canali più importanti nel digital marketing. Man mano che gli anni passano ha sperimentato uno sviluppo considerevole riguardo ai formati utilizzati. All’inizio il protagonista era il testo. Che a volte era accompagnato da immagini.

Negli ultimi anni, e grazie al miglioramento delle tecniche audiovisuali come le nuove tecnologie, altri formati sono comparsi in ogni canale digitale. Il video e i gifs sono i protagonisti di questa storia. Ma questi due formati hanno incontrato molti problemi nell’adattarsi alle mail.

Attualmente non sembra che le cose siano cambiate. Ci sono ancora problemi nell’includere video e gifs nelle mail. Alcuni gestori di mail non accettano video e altri sono difficili da riprodurre ma la realtà è un’altra.

Nonostante le complessità esistono metodi che aiutano a includere video e gifs nelle mail. Persta attenzione per utilizzarli nelle tue prossime campagne di email marketing.

Come puoi includere video e gifs nelle mail

L’engagement che provoca un video non si ottiene con altri formati. Per questo il video si è trasformato in uno dei formati più utilizzati in molte campagne di digital marketing. Esistono molti fattori per cui succede. Uno di questi è la facilità di vedere un video e la rapidità con cui è visualizzabile.

Inoltre, non c’è dubbio che un video impatti molto di più. Ma quando si tratta il tema video nelle mail le cose cambiano. Sono molti i problemi generati da questo formato nelle mail. Includere video e gifs nelle mail non è facile. Vuoi sapere perché?

Motivi per cui i video non funzionano nelle mail

Questa tavola con tutti i client esistenti mostra alcuni dei motivi per cui includere video e gifs nelle mail non è ancora una buona idea. Come vedi alcuni sembrano accettare i video nelle mail. Ma sono pochi.

Tutto ciò ha un perché. La mancata compatibilità con HTML5. Molti di questi client non supportano questo codice HTML e perdono la possibilità di riprodurre un video in maniera normale. I client che accettano il codice ottengono più conversioni. Rappresentano oltre la metà di quelli presenti sul mercato.

Alcune app di email come Apple Mail o Samsung email hanno già permesso la riproduzione di qualsiasi video. Mentre Gmail e tutti i dispositivi Android continuano a mostrare un’immagine “falsa” che ridirige gli utenti a una landing reale. Ed è qui che viene riprodotto il video.

La chiave è nel linguaggio HTML5

Il codice HTML5 supporta i seguenti formati video:

  • MP4.
  • OGG.
  • WebM.

Apple per esempio ha deciso di accettare solo il formato MP4 nelle mail e browser. Ciò a causa di temi legati alla proprietà intellettuale del formato. Considerati i problemi che possono causare gli altri formati nelle mail. Per questo ti consigliamo di usare il formato MP4 se vuoi che i tuoi utenti riproducano il video nelle mail che invii.

Il problema è che la maggior parte dei client non accetta il codice HTML5. Così molti di questi gestori di mail hanno deciso di mostrare un’immagine con il simbolo della riproduzione. Una falsa immagine di video che porta a una landing dove il video può essere riprodotto.

L’altra alternativa è l’uso delle gif animate convertite dalle immagini del video. Questa altra opzione ha cominciato ad essere usata molto dato che è un formato accettato da tutti i client. L’unico non compatibile è Microsoft Outlook.

Infine, esiste un formato di previsualizzazione accettato via webmail in cui si permette di visualizzare il video nella mail.

Metodi alternativi per la riproduzione dei video nelle mail

Esistono 3 possibili metodi per cercare di includere video e gifs nelle mail e che funzionino. Sono i seguenti.

1 – La falsa immagine che simula un video

Come puoi osservare, questa immagine simula perfettamente un video. È un modo di ingannare l’utente affinché la sua esperienza sia positiva. Puoi farlo mediante l’uso del simbolo play come nella foto qui sopra, incitando l’utente a cliccaer.

Nel momento in cui l’utente clicca su play viene rediretto automaticamente a una pagina web in cui è presente il video. Normalmente questi portali sono Youtube o Vimeo.

Se vuoi che la riproduzione video sia più reale, puoi aggiungere a questa icona l’interfaccia completa della riproduzione video. Il risultato è che l’utente avrà la sensazione che si tratti di un video integrato nella mail.

Questo metodo è uno dei più utilizzati dalle aziende dato che simula perfettamente un video. L’utente potrà sfruttare la riproduzione video e incrementerai il tasso di click, principale obiettivo marketing.

2 – Le gif animate con immagini del video

Questa seconda alternativa sta funzionando abbastanza. Il vantaggio maggiore è che quasi tutti i gestori permettono la visualizzazione di gif animate. È essenziale dato che le animazioni creano un engagement enorme nell’utente e simulano di mostrare un video quando in realtà è una semplice gif animata del video.

Una volta che si riproduce si apre la pagina in cui è inserito il contenuto.

Nel caso dei client che non accettano gif animate, almeno viene mostrato il primo fotogramma.

3 – Preview dei servizi webmail

Questa è una delle opzioni meno note ma che può servirti molto. Il servizio che offre un webmail come Gmail, Yahoo Mail o Microsoft Live (vecchio Hotmail) è la preview.

Mediante una segmentazione del database potrai inviare mail personalizzate con video. Semplicemente devi introdurre il link o url del video nella mail. Sarà l’utente a poter riprodurre il video nella mail evitando di farlo in un’altra pagina, come succedeva prima.

I vantaggi di questo ultimo metodo sono diversi:

  • Fa in modo che l’esperienza dell’utente migliori, dato che non deve uscire dalla mail per riprodurre il video.
  • Incrementerai il tasso di clicks delle tue campagne.

Ma nonostante questi benefici, sono molti i gestori che non hanno adattato questa opzione. Il futuro determinerà la migliore opzione per riprodurre video nelle mail. Oppure i gestori di mail adotteranno in massa l’opzione HTML5 e non ci saranno ulteriori problemi.

Ha senso includere video e gif animate nelle mail?

Alcuni brand sanno che includere video e gif nelle mail permette di farsi notare rispetto alla concorrenza. Ma dipende molto dalla tua audience e dal tuo brand.

I video creano un engagement enorme nell’utente. Ma per attirare l’utente devi considerare la velocità di caricamento del video e la rapidità di riproduzione. Se permetterai all’utente di riprodurre il contenuto nella mail il risultato sarà un utente soddisfatto.

Per questo è interessante segmentare gli invii. Crea un segmento degli utenti che usano gestori di email marketing che supportano il codice HTML5. Così inviando la mail potranno visualizzare il contenuto nel messaggio.

Invece le gif animate, sono il puro riflesso di dove va la società del momento. Un ritmo di vita rapido in cui tutto si vede in un istante. Non c’è dubbio che piacciano agli utenti. Nonostante l’interesse di una gif in una mail, cerca di non esagerare.

Come utilizzi un video, un audio o un’immagine o un grafico per accompagnare il contenuto, la gif ha la stessa funzione. Inoltre ha un grande vantaggio. La leggerezza. Il peso di una gif è così ridotto che si diffonde in tutti i canali digitali.

Vuoi migliorare le tue mail aggiungendo le migliori gif e video ai tuoi contenuti? La prima cosa da fare è identificare le applicazioni necessarie. Inoltre una buona idea è utilizzare piattaforme di email professionali come MDirector per creare le tue campagne. Registrati ora stesso e comincia a creare campagne di emailing che spaccano!

Whitepaper Esclusivo
Come configurare SPF e DKIM
Configurati SPF e DKIM e fare campagne di email marketing funzionano meglio

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?