Genera Branded Content attraverso l’email marketing

3 Agosto, 2018 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Avevi mai pensato di generare branded content attraverso l’email marketing? O fino ad oggi lo hai fatto solo attraverso diversi tipi di contenuti che condividevi su altri canali?

È sempre più importante curare la fidelizzazione degli utenti. E non basta lasciare da parte i messaggi più commerciali e la pubblicità intrusiva ma è necessario scommettere su altre strade che generino engagement e rinforzino l’immagine del brand. In questo caso l’ideale è il branded content. Ma perche? Cosa può fare per te?

Il branded content ha la capacità di identificare un brand attraverso emozioni e intrattenimento. E non pensare che si tratti di creare strategie fuori dal comune. Di fatto il primo passo per creare branded content è avere chiaro quanto segue:

  • A chi vuoi arrivare
  • Cosa vuoi che il tuo pubblico target faccia
  • Come misurare il tuo successo
  • E ovviamente definire come agire

Una tecnica per generare fiducia

In un articolo di Forbes, Steve Olenske ha definito il branded content e la sua relazione con il consumo: “Il branded content è il contenuto creato da un brand per promuovere valore aggiunto dedicato al consumatore, come intrattenimento o formazione. Quindi è creato per generare fiducia e affinità con il brand. Non per vendere prodotti o servizi.”

Come sai, si utilizzano diversi tipi di contenuti e mezzi per raggiungere questo obiettivo:

  • L’83% dei brand genera branded content attraverso il proprio sito
  • Il 69% distribuisce diversi tipi di contenuti attraverso altri mezzi
  • Il 67% lo fa con fini pubblicitari

Non ti manca uno dei canali più diretti e personalizzati quando interagisci con gli utenti?

Perché fare branded content con l’email marketing

Magari quando è ora di generare branded content la prima opzione è quella di pensare ai social. Fai bene. i social non solo offrono informazioni valide sul tuo target come i gusti o le preferenze ma sono ideali per farti conoscere.

Di fatto, sono ideali per umanizzare il brand e condividere contenuti in forma di video o immagini che trasmettono meglio le tue idee.

Ma generare branded content attraverso l’email marketing è un’altra delle alternative che spesso non si considera. L’email è uno dei mezzi con maggior engagement per i tuoi clienti. Per questo motivo condividere contenuti interessanti attraverso questo canale è una buona opzione.

Email marketing per il lead nurturing

In generale il branded content ti permette di ottenere notorietà e affinità con i clienti attraverso storie impattanti e contenuti che non devono per forza avere a che fare con l’aspetto commerciale dell’azienda. L’email è un mezzo ideale per creare storie e mantenere gli utenti interessati.

Il segreto è nel trovare ciò che ti rende differente e creare storie a riguardo. Da qui l’importanza dello storytelling e del content marketing.

Ma non farti ossessionare dal tema. Uno degli errori più tipici quando si genera branded content nell’email marketing è focalizzarsi solo sui contenuti. Ma considera che riguardo al mondo dell’emailing bisogna gestire tutti gli elementi:

1.- Qualità prima di quantità

Non è un tema nuovo ma vale la pena ricordarlo. Chi si dedica al content marketing sa che ‘less is more’. E ciò, tradotto in una strategia di branded content nell’email marketing, può essere analizzato secondo il numero di invii che effettui al tuo database.

In relazione alle mail, la segmentazione è essenziale per generare engagement. Più personalizzati sono i contenuti più arriveranno ai tuoi utenti. Ma se si tratta di raccontare una storia? E se ciò che vuoi è condividere la mission, la visione e i valori del tuo brand? Dovresti segmentare la tua lista di contatti?

Se effettui un invio massivo a migliaia di persone, meno della metà aprirà la comunicazione. E saranno loro a interagire con il contenuto del messaggio.

In realtà una buona pratica è quella di generare branded content nell’email con quegli utenti che sono fedeli e sai che risponderanno adeguatamente. Questa pratica cerca di generare audience e fare comunicazione senza essere troppo commerciale. In fin dei conti vuoi che tutta la tua audience ti noti.

2.- I link non possono mancare

Ovviamente se ciò che vuoi è che la tua strategia di branded content nell’email marketing si noti, devi rendere la vita facile al destinatario. Ti interessa che il tuo contenuto venga condiviso, che si interagisca e che si generi visibilità. Quale miglior modo se non quello di utilizzare i social per condividere la tua newsletter?

Assicurati che la tua mail contenga i pulsanti necessari per condividere il contenuto. E che sia un’operazione facile. Inoltre verifica che siano parte del contenuto, come in questa newsletter di Starbucks in cui si indirizzano gli utenti verso Pinterest.

3.- Crea una storia interessante

Le storie sono narrazioni significative, semplici e che intrattengono e permettono alla gente di capire chi sei e cosa vuoi trasmettere.

Una buona storia per generare branded content nell’email marketing deve trasmettere il proposito e la personalità del tuo brand in forma chiara, seguendo l’immagine corporate dell’azienda e mantenendo una linea coerente riguardo alla grafica.

Per esempio, la storia su cui lavori può essere legata alla visione del fondatore del brand. il trucco è rendere semplice l’elemento centrale.

L’ideale è trovare il filo che lega diverse comunicazioni. Così sarai certo di essere visibile. Inoltre ti permetterà di creare un’esperienza positiva per i tuoi lettori, per cui devi imparare a razionalizzare le informazioni.

4.- Condividi emozioni

L’obiettivo generale del branded content è far conoscere i legami dell’azienda, i valori, il modo di agire e lavorare oltre a emozionare e fare appello ai sentimenti dei clienti.

In questo tipo di campagne il brand è qualcosa di più di un elemento promotore. Si va oltre l’esperienza della pubblicità. Potremmo dire che si promuove tutto ciò che circonda il brand, cosa lo rende unico.

Parlando di branding normalmente si fa riferimento a una serie di elementi che inglobano il comportamento dei brand. Tra di essi i tuoi prodotti, i messaggi pubblicitari o l’efficacia…mediante questi valori si crea un’immagine.

Ma non è tutto. Sono altri fattori che posizionano il brand nella tua mente. Nel processo di costruzione del brand ciò che ha meno peso è il prodotto. E ciò che pesa di più è l’empatia che il cliente ha con i suoi valori e la sua filosofia.

L’ideale è che sin dal principio si associno emozioni al tuo brand. Solo così smetterai di essere solo un brand commerciale e creerai empatia con la tua audience. Guarda il caso di Tom’s. Come questo brand, sono molti a fare riferimento a azioni sociali in grado di generare engagement piuttosto che mostrare solo i prodotti.

5.- Personalizzazione

Nel primo punto si dibatteva riguardo all’importanza o no di personalizzare i contenuti. Considerando che ciò che condividi facendo branded content è la tua storia, non è necessario che sia personalizzata. Ma ci sono elementi imprescindibili.

Assicurati che non manchino i punti chiave. Le mail che includono il nome del destinatario nel subject hanno tassi di apertura migliori, secondo HubSpot. Comincia da qui.

Inoltre rendi vicina la comunicazione e segmenta i tuoi contenuti in funzione dell’età e dei targets per adattarti ai diversi modi di parlare e pensare.

Perché scommettere sul branded content?

Google e IPG Media Lab hanno condiviso uno studio sull’efficienza del branded content. E le conclusioni affermano che si tratta del nuovo modello di pubblicità da seguire. Ossia, meno intrusivo e meno commerciale ma più umano:

  1. I consumatori sanno cos’è il branded content e lo percepiscono diversamente. Sentono che il branded content offre più informazioni ed è focalizzato sul cliente e non sul brand.
  2. L’intrattenimento è essenziale. Da qui l’importanza di generare branded content nell’email marketing attraverso le storie.
  3. Il branded content incrementa il valore del brand del 14% e le decisioni di acquisto del 9%.
  4. Questi incrementi sono dovuti alla qualità. Il contenuto di qualità piace ai consumatori.
  5. I contenuti originali fuori dal comune generano più branded content dei contenuti generici.

Ma se c’è un aspetto essenziale quando si lavora a una strategia di branded content nell’email marketing è utilizzare un software di email marketing professionale. Solo così potrai creare messaggi automatizzati che raggiungano gli utenti nei momenti adeguati.

Con una piattaforma di email marketing come MDirector sarà semplice definire quali tra i tuoi utenti sono pronti a ricevere messaggi che non siano solo commerciali: branded content nell’email marketing che apra le porte a future conversioni e con cui puoi raccontare le storie di chi sta dietro al tuo brand.

Whitepaper Esclusivo
Come configurare SPF e DKIM
Configurati SPF e DKIM e fare campagne di email marketing funzionano meglio

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?