10 campagne di marketing che non avrebbero dovuto essere pubblicate

17 agosto, 2020 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

cattive campagne di marketing

Pensi che tutte le pubblicità dei brand abbiano successo? La verità è che non è così. In effetti, ci sono anche campagne di marketing negative di cui potresti non essere a conoscenza e che, in alcuni casi, non avrebbero nemmeno dovuto essere promosse.

Ma nel tentativo di posizionarsi, molte aziende hanno commesso gravi errori e sono finite per essere messe in discussione e penalizzate dal pubblico.

Senza dubbio, nel mondo del marketing, gli sforzi pubblicitari sono essenziali. E sono un ottimo modo per cercare di generare coinvolgimento con il tuo pubblico target. Naturalmente, in questi tempi in cui è sempre più importante prendersi cura dell’inclusione e dell’uguaglianza, bisogna stare molto attenti quando si creano e si progettano concetti pubblicitari.

Alcuni brand non hanno tenuto conto di ciò e sono caduti in quella che potrebbe essere definita una lista nera di cattive campagne di marketing. Si dice che “commettere errori è umano” ma alcuni di essi non vengono totalmente perdonati dagli utenti. È per questo motivo che devi analizzare attentamente l’ambiente e verificare se la tua pubblicità è assertiva.

Le 10 peggiori campagne di marketing

Ci sono campagne pubblicitarie discutibili di brand molto vari: grandi, piccoli, locali, multinazionali, … Ma, come sempre, sono le aziende più riconosciute che di solito fanno parte di queste liste. Queste sono le prime 10 campagne che questi brand non avrebbero dovuto lanciare:

1.- Dove

cattive campagne di marketing: Dove
Due anni fa la prestigiosa linea di prodotti per la cura della persona Dove, ha lanciato una campagna per promuovere un sapone della sua linea schiarente. L’idea del brand era mostrare che tutte le persone, indipendentemente dal colore della loro pelle, potevano usarlo. Ma gli utenti dei social network non hanno impiegato molto a reagire e classificarla come razzista.

Perché è successo? La GIF su cui si basava la campagna mostrava una donna afroamericana che si toglieva una maglietta marrone scuro e subito è apparsa una donna bianca. Il pubblico si è concentrato sul primo cambiamento, interpretandolo come qualcosa di negativo.

La società si è scusata e ha affermato di non promuovere “alcuna attività o immagine che offenda il pubblico”. Sebbene l’annuncio sia stato rimosso, era troppo tardi, poiché molte persone avevano già catturato le immagini.

Non è la prima volta che Dove viene coinvolta in una questione di razzismo. Nel 2011 è successo qualcosa di simile, anche se in quell’occasione è successo allineando tre donne dalla carnagione più chiara a più scura per mostrare un prima e un dopo.

2.- American Apparel

cattive campagne di marketing: american apparel
Lanciare messaggi pubblicitari in tempi di crisi è davvero un rischio. E ancor di più se non mostri empatia e solidarietà. Apparentemente il brand americano American Apparel non ci ha pensato e si è concentrato solo sull’aumento delle vendite. Grosso errore!

Nel 2012 ha lanciato una promozione con uno sconto del 20% su tutti i suoi prodotti. Il problema è che proprio allora la costa orientale degli Stati Uniti è stata colpita dall’uragano Sandy. E a peggiorare le cose, hanno chiamato questa promozione, valida solo per 36 ore, SANDYSALE.

3.- Hershey

cattive campagne di marketing: Hersheys
A questo elenco di campagne di marketing sbagliate si aggiunge Hershey’s Mexico, con “Doing good taste good“. La campagna è stata lanciata nel 2018 e mostra diversi influencer nel paese, che offrono cioccolato a lavoratori e persone vulnerabili. Un’azione che è stata criticata dagli utenti dei social network, che hanno definito l’azione classista.

Hershey’s ha ritirato la campagna il più rapidamente possibile e si è scusato con il suo pubblico. Ha indicato che lo scopo di questa pubblicità era “ispirare empatia nei nostri consumatori con buone azioni che generano un impatto positivo sulla nostra comunità”. Si è inoltre rammaricato di non essere stato in grado di “trasmettere il messaggio nel modo giusto”.

4.- Ikea

cattive campagne di marketing: Ikea
La multinazionale svedese Ikea si distingue sempre per le sue campagne ma nel 2012 non lo ha fatto nel migliore dei modi. Fondamentalmente perché ha dimenticato una delle chiavi di ogni sforzo pubblicitario: l’importanza di conoscere la cultura di ogni paese in cui è presente il tuo brand e di fare uno studio di mercato prima di lanciare la campagna.

Questo famoso brand dedicato alla produzione e vendita al dettaglio di mobili, ha dovuto rimuovere le donne dal suo catalogo promozionale dall’Arabia Saudita. Questo perché non rispettava i codici di abbigliamento per le donne in quel paese.

Ovviamente le critiche non si sono fatte attendere, il che ha fatto ammettere all’azienda che questa azione andava addirittura contro i suoi stessi valori.

5.- McDonald’s

McDonald's México campagne
Chi non ha visto una campagna del gigante del fast food? Sì, McDonald’s. Sicuramente tutti, vista una profusione di pubblicità che fa presagire che ce ne siano alcune non del tutto adeguate.

Era il caso di “Il tamal è un ricordo del passato“, pubblicizzato nel paese natale di questo piatto. Senza dubbio, la campagna ha scatenato il fastidio dei messicani, poiché è il loro cibo tradizionale.

McDonald’s Mexico ha approfittato della celebrazione del “Candlemas Day” per presentare il suo nuovo prodotto. Loro stessi lo hanno classificato come McBurritos, con la frase “confezionato alla Mexicana“. Era logico che questa campagna sarebbe stata messa in discussione, motivo per cui hanno dovuto ritirarla e scusarsi.

6.- Protein World

campagne di Protein World
Un altro brand fortemente criticato è stato Protein World per la sua campagna “Sei pronto per un corpo da spiaggia?“. Una domanda che era accompagnata da un’immagine che mostrava una donna snella e formosa. E in un piccolo angolo i loro prodotti. Impossibile non vederlo perché presente in una linea di trasporti nel Regno Unito.

Ciò ha fatto piovere diverse critiche perché la gente ha interpretato che per questa azienda solo corpi come questo sono adatti alla spiaggia. Infatti, il sindaco della città ha promosso un’iniziativa per vietare questo tipo di pubblicità, che ha ritenuto promuovere stereotipi della bellezza delle donne.

7.- Bud Light

campagne di Bud Ligth
Bud Light ha pensato che sarebbe stata una buona idea lanciare lo slogan “Pronto a tutto“, che invitava le persone a eliminare la parola “no” dal loro vocabolario dall’oggi al domani. Tanto che l’hanno persino messo sulle etichette delle loro bottiglie. Forse pensavano che questa strategia di marketing sarebbe stata divertente. Ma non era così.

I media sono stati quelli che hanno reagito peggio a questa campagna, accusando il brand di difendere e promuovere una cultura depravata. Ciò è dovuto al fatto di cambiare tutto ciò che è un “no” per un “sì”, in una notte. Ovviamente, la reazione del pubblico ha indotto la rimozione immediata dello slogan dalle etichette e il brand si è scusato con il pubblico.

8.- Samsung

campagne di Samsung
Non c’è errore più grande in un messaggio pubblicitario che presumere qualcosa o, peggio ancora, stereotipare le persone per la loro professione o mestiere. E questo è esattamente ciò che ha fatto Samsung, cercando di promuovere la sua nuova unità esterna. C’erano tre persone: un dirigente, un giovane che apparentemente sapeva di computer e una donna che utilizzava un laptop per aiutare i suoi figli a fare i compiti.

Qual è il problema? In quest’ultimo caso, era chiaro che la donna era l’unica che non era in grado di capire il dispositivo. Cosa che è stata interpretata dagli utenti come il fatto che le casalinghe non sanno come gestire la tecnologia. Hanno questo esempio come una rappresentazione sessista.

9.- Versace

campagne di Versace
I brand della moda non vengono risparmiati. In questa selezione di campagne di marketing sbagliate compare anche il prestigioso Versace. Ed è che sebbene questa campagna sembri solo una semplice foto, non è risultata tale per il pubblico. C’è la modella Gigi Hadid con quella che sarebbe la rappresentazione di una famiglia e finora niente di strano. Ma è necessario vederla in dettaglio.

C’è una ragazzina afroamericana aggrappata al suo passeggino con alcune catene. Gli utenti hanno immediatamente criticato la fotografia e l’hanno paragonata ai giorni della schiavitù, dato che i neri erano incatenati. Per questo motivo la campagna è stata bollata come razzista e non è difficile non vederla in questo modo.

10.- LG

Campagne di LG Polonia
In questa top 10 c’è una recente campagna del brand LG Poland. Il loro obiettivo era promuovere l’accessorio a doppio schermo per LG V60 ThinQ e altri smartphone compatibili. Ma lo hanno fatto nel modo più inappropriato, un errore totale.

LG ha utilizzato il popolare social network Tik Tok per presentare il suo prodotto, ma in modo sbagliato. Mostra un uomo anziano che sta salendo delle scale e davanti a lui c’è una donna. Usa il suo dispositivo per scattare una foto del fondoschiena della giovane donna.

Lei lo nota e chiede il suo cellulare ma non riesce a trovare le foto e si scusa. Quindi l’anziano va nella gallery delle immagini per mostrare la capacità dell’accessorio che scatta foto contemporaneamente con entrambe le fotocamere. Logicamente, il messaggio è stato criticato e classificato come sessista e ha costretto l’azienda a ritirare il video.

Ti sarai stupito di questa selezione di campagne di marketing negative. Ma, senza dubbio, ti aiuterà a non commettere gli stessi errori nelle tue strategie pubblicitarie.
Vuoi creare le migliori campagne di marketing digitale? Non dovresti solo prendere in considerazione la creatività appropriata ma è necessario scommettere su una piattaforma di marketing digitale che ti permetta di raggruppare tutti i tuoi canali in un unico strumento: email, mobile, display e social.

Whitepaper gratuito Landing Page
Landing Page efficaci: consigli che ti porteranno al successo

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?