10 statistiche di email marketing che dovresti conoscere nel 2021

16 giugno, 2021 per Redazione
Ti è piaciuto il nostro articolo?

statistiche di email marketing

È inutile avere una buona strategia se non analizzi i risultati e, quindi, per valutare i tuoi risultati devi sapere quali sono le principali statistiche di Email Marketing del 2021. Ti saranno di grande aiuto quando deciderai di studiare le campagne che hai realizzato.

Molte aziende optano per l’invio di e-mail per la loro efficacia, ma non tutte prestano attenzione ai risultati. Si tratta di un errore, poiché i dati trovati nei rapporti ti diranno se la tua campagna sta andando bene e quali sono gli elementi che dovresti migliorare.

Pertanto, è fondamentale identificare le statistiche di Email Marketing del 2021 che dovresti tenere a mente quando effettui le tue analisi. In questo modo avrai una visione più chiara di come si stanno sviluppando le tue campagne attraverso questo canale.

Quali sono le statistiche dell’Email Marketing 2021

Conoscere ogni cifra o percentuale può aiutarti ad avere un’idea più chiara del perché l’email marketing è una buona opzione. Se fai uno studio approfondito, sulla base dei dati che troverai nei report, puoi garantire il successo della tua strategia.

Di seguito troverai alcune delle statistiche di Email Marketing del 2021 che non puoi ignorare:

1.- Portata potenziale totale

La prima cosa che dovresti valutare è la portata che stanno avendo le tue campagne di Email Marketing, poiché sono i dati che riflettono il numero di persone che raggiungi. Secondo Statista, 4,03 miliardi di persone in tutto il mondo utilizzano la posta elettronica. Una cifra che potrebbe salire a 4.480 milioni entro il 2024.

Va notato che finora non esiste un’altra piattaforma che si avvicini al potenziale ambito dell’email marketing. La prova di ciò si riflette nelle statistiche di Facebook che indicano che ci sono più di 2.200 milioni di utenti attivi mensili. Anche aggiungendolo agli oltre un miliardo di persone su Instagram, non si arriva allo stesso numero.

Ma non solo, per quanto riguarda il tasso di penetrazione, la posta elettronica raggiunge il 90,3% degli utenti Internet negli Stati Uniti, mentre rispetto a Facebook questo social network raggiunge il 69% degli adulti americani.

2.- Dati demografici

Adobe-email

Ora, se ti chiedi quale fascia di età utilizzi maggiormente la posta elettronica, i dati indicano che, anche se sembra una follia, i millennial si distinguono. Secondo uno studio di Adobe, i nati tra il 1981 e il 1996 trascorrono molto tempo, in particolare 6,4 ore al giorno a leggere le loro caselle di posta elettronica.

Tanto che il 41% di questi utenti controlla la posta elettronica di lavoro a letto, prima o dopo l’orario di lavoro. Mentre gli impiegati di età superiore a quella fascia d’età dedicano 5 ore al giorno a questo compito.

Sembra che questo sia il canale di marketing preferito dalle generazioni più anziane. Tuttavia, le aziende a livello globale sono ancora gestite quasi al 100% tramite e-mail. Quindi si può dire che questo non sia un canale in pericolo di estinzione.

3.- Dispositivi utilizzati per aprire le e-mail

statistiche dell’Email Marketing

È una statistica che può essere più prevedibile oggi, ma non fa male vederla riflessa in una percentuale per conoscerne l’impatto. È indiscutibile che ogni giorno gli utenti trascorrano la maggior parte della loro navigazione utilizzando dispositivi mobile.

Secondo gli studi di Litmus, quasi il 42% di loro apre le e-mail da applicazioni mobili. Mentre il restante 58% è suddiviso in 18,2% per applicazioni desktop e 39,8% in applicazioni web come Gmail, Outlook, ecc.

Ciò significa che è molto probabile che almeno quattro su dieci dei tuoi utenti leggano l’e-mail che hai inviato dai loro dispositivi mobile. Qualcosa che dovresti tenere a mente quando progetti le tue newsletter e quando scrivi le righe dell’oggetto, poiché i caratteri che puoi usare sono ridotti.

4.- Segmentazione del pubblico

Le statistiche mostrano anche che le e-mail segmentate sembrano funzionare meglio di quelle inviate in blocco a un intero pubblico. Ma puoi vederlo attraverso i numeri, la percentuale di click per le campagne mirate è superiore del 100,95% rispetto a quelle che non sono state sottoposte a questo processo.

Pensa che ogni utente ha il doppio delle probabilità di agire tramite le e-mail che riceve. Il che può avere un impatto significativo sui tuoi profitti. Ecco perché devi valutare molto bene la tua strategia analizzando le statistiche di Email Marketing del 2021 prima dell’invio.

5.- Tassi di apertura per settore

apertura per settore

Un altro fattore che influenza le statistiche è il settore in cui operi. Devi verificare il numero medio di iscritti che aprono le email a seconda della categoria a cui appartiene il brand che effettua l’invio. E il modo migliore per visualizzarlo è attraverso i canali:

Ad esempio, l’industria dei media e dell’intrattenimento ha avuto un tasso di apertura medio del 28,72%. Va notato che questo è il più alto, mentre il più basso è stato del 13,9% nel settore della vendita al dettaglio.

È quindi evidente che l’industria dei media e dell’intrattenimento mantiene un tasso di apertura superiore alla media sulle diverse piattaforme. Il che potrebbe essere un’indicazione che gli utenti aprono e leggono solo le e-mail di loro interesse.

Quindi è molto probabile che le e-mail che hanno quel tocco di intrattenimento possano essere la chiave per generare la performance della campagna.

6.- Tasso di apertura delle email standard vs. le mail automatizzate

email standard mail automatizzate

Tra le statistiche per l’Email Marketing 2021, dovresti conoscere il tasso di apertura delle e-mail standard rispetto alle e-mail automatizzate. In modo che tu possa prendere una decisione per la tua strategia basata su dati reali.

Stranamente, se le lavori correttamente, le e-mail standard hanno un tasso di apertura più elevato rispetto a quelle transazionali. Secondo Outreach, il tasso di riferimento è del 27%, quasi il 10% in più rispetto alla media più bassa per i provider di email marketing automatizzati.

Ma tieni presente che le e-mail mirate hanno un grande potenziale. Ora, per essere veramente efficaci, devono rispettare le norme e i regolamenti locali sulle e-mail indesiderate. Altrimenti, il destinatario ti contrassegnerà come spam, influenzando il tuo particolare tasso di apertura.

7.- Percentuali di click per settore

Devi conoscere a fondo ogni campo, specialmente quello in cui si sviluppa la tua attività. Per farlo, è essenziale studiare le percentuali di click per settore. Questo ti darà una migliore comprensione della tua nicchia.

Ancora una volta, i media sono i leader con la percentuale di click media più alta, tra il 4,62% ​​e il 4,48%. Mentre le imprese al dettaglio ancora una volta hanno la percentuale più bassa, con l’1,6%.

Ciò conferma sicuramente l’importanza dell’intrattenimento per i consumatori di oggi. Non significa che sia l’unico settore che avrà successo, ma che è quello che si distingue di più.

8.- Frequenza di rimbalzo media

rimbalzo media

Non sempre tutto funziona nel modo in cui pensi e le frequenze medie di rimbalzo delle email sono le meno attese. Mostrano i risultati di quelle e-mail che non arrivano in modo corretto nella casella di posta del destinatario.

Può accadere per diversi motivi come indirizzi e-mail scaduti, filtri antispam. Oltre ai più comuni come errori ortografici durante la scrittura dell’account di posta elettronica. Generano una frequenza di rimbalzo media che varia tra lo 0,58% e lo 0,7%.

Come puoi evitarlo? È fondamentale eseguire l’autenticazione della posta elettronica. In questo modo, puoi evitare di finire nelle caselle di posta indesiderate. Il che a sua volta riduce drasticamente la possibilità che la tua email non venga aperta e letta.

9.- Percentuale di conversione media

conversione media

Qui è dove puoi vedere in media la percentuale di email che stanno generando vendite. Barilliance indica nelle sue statistiche di email marketing del 2021 che il tasso medio di conversione delle email è dell’1,23%. Che rappresenta poco più di una vendita ogni cento email inviate.

Forse questo dato non è molto incoraggiante per le aziende che utilizzano la posta elettronica come parte della loro strategia di marketing digitale. Ma in questo canale non devi pagare per impression o click ma solo un canone mensile che viene definito prendendo le dimensioni della tua lista.

Dovresti anche tenere presente che molte delle vendite effettuate sono vendite aggiuntive o ripetute a clienti precedenti. E risultano essere più rilevanti delle vendite che vengono effettuate in una prima interazione.

10.- ROI medio

roi media

Infine, questa è una delle statistiche di Email Marketing 2021 più attese dalle aziende. Si tratta del ritorno sull’investimento (ROI), un’informazione che misura la quantità di reddito generato dal totale investito in una campagna di marketing.

Secondo gli studi di DMA e Litmus, solo nel 2019 il ROI medio è stato di $ 42 per ogni dollaro investito in Email Marketing. Entrambi gli studi concordano con questa correlazione, nonostante siano in paesi diversi.

Ciò riflette che è molto più alto del ROI di altri canali di marketing digitale, come PPC, dove, secondo la stessa Google, ha ottenuto solo un ritorno di $ 1,5 nei casi di studio ufficiali.

Le 10 statistiche che hai appena visto sono quelle che spiccano di più non solo quest’anno ma in generale. Ma se vuoi avere buoni risultati devi gestire non solo una buona strategia ma anche avere un alleato. Ed è per questo che in MDirector ti offriamo la nostra piattaforma di Email Marketing in modo che tu possa inviare le tue campagne in modo rapido e sicuro. E sarai in grado di misurare tutte le tue azioni in tempo reale.

Whitepaper esclusivo
Aumenta le tue vendite a natale con l'Email Marketing
Tutte le tecniche per incrementare le tue vendite a Natale, grazie all'Email marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?