Qual è il tuo churn rate e in cosa consiste?

Qual è il tuo churn rate e in cosa consiste?

3 luglio, 2020 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

churn rate e in cosa consiste

Nell’area di business ci sono molti termini ed è necessario conoscerli tutti per non perdersi nel mercato. Pertanto, apprendere cos’è il churn rate è una sfida interessante. Più che altro perché scoprirai il potere di impedire agli utenti di abbandonarti.

Sai già che l’obiettivo di qualsiasi azienda alla fine dell’anno è quello di essere in grado di ottenere il massimo beneficio possibile ed essere leader nel suo mercato. Per aumentare questo vantaggio, è necessario tenere conto di queste due considerazioni:

  1. Da un lato, è importante ridurre i costi che la stessa azienda ha internamente. Come possono essere i costi di produzione. E anche quelli relativi a fattori esterni.
  2. Inoltre, un vantaggio maggiore può essere il risultato dell’aumento delle vendite e iscrizioni.

I clienti sono l’oggetto più prezioso delle aziende. Senza di loro non ci sarebbero affari. Avere una clientela fedele è come un tesoro per l’azienda e chi non ce l’ha, ha un problema.

È molto importante prendersi cura di loro ed attivare diverse strategie per essere in grado di trattenerli. Tuttavia, non succede sempre e gli utenti ci abbandonano. Il numero di abbandoni potrebbe essere un problema per l’azienda.

Come fai a sapere se il churn rate è troppo alto? Grazie al tasso di abbandono, questo problema è risolto. Scoprirai di cosa si tratta, come viene calcolato e cosa serve. Inoltre, se vuoi ridurre questa percentuale per migliorare la situazione aziendale, ti segnaleremo alcune linee guida da seguire.

Sai già qual è il churn rate del tuo brand?

qual è il churn rate
Se non lo conosci ancora, dovresti sapere qual è il tasso di abbandono legato al tuo brand, conosciuto anche come tasso di cancellazione del cliente. È il tasso che indica il numero di abbonati che l’azienda ha perso in un determinato periodo.

È la percentuale di clienti che annulla l’iscrizione a una pagina precedentemente sottoscritta a o da un altro tipo di database.

È un concetto che viene molto spesso utilizzato nel campo del marketing. Ma è anche usato in altre aree. Sebbene a prima vista il rapporto ottenuto non dica nulla, può fornire molte informazioni. Fondamentalmente per aiutare a determinare se le strategie attuate sono ben orientate o meno.

La cosa più importante è usarlo per concentrarsi sullo scoprire perché il tasso di cancellazione dell’utente è aumentato.

Come viene calcolato il tasso di abbandono?

tasso abandono formula
Con un semplice calcolo puoi scoprire qual è il tasso di abbandono: Churn rate= (Numero di iscritti persi durante un periodo di tempo / Numero di iscritti che la società aveva all’inizio del periodo) x 100.

Maggiore è questa percentuale, peggiore sarà la situazione. Avrai ottenuto più disiscrizioni durante il periodo esistente. Al contrario, minore è questa percentuale, minore è il numero di consumatori che hanno annullato l’iscrizione durante il periodo.

Deve essere chiaro che un rapporto di questo parametro uguale a zero è impossibile. Ma in generale è meglio averlo il più basso possibile (anche se questo non sempre). Non esiste una percentuale esatta uniforme per tutte le società.

Perchè ogni settore e / o azienda ha una diversa percentuale di significatività. Si potrebbe dire che dal 15% sia importante per iniziare a fare un giro e pensare a strategie per ridurlo. Di seguito sono riportati alcuni esempi di diversi settori e operatori di mercato con le rispettive percentuali di cancellazione. Prendi nota:

  • Le società di carte di credito americane hanno spesso tassi di cancellazione dei clienti di circa il 20%.
  • Società di telefonia mobile tra il 20% e il 38%.
  • Le società di telecomunicazioni statunitensi più competitive oltre l’1%.
  • Le società SaaS (Software as a Service) presentano un tasso di cancellazione compreso tra il 5-7%.
  • Banche con PMI e privati ​​come clienti tra il 20-25%.
  • Nel 2003 il tasso di cancellazione per gli abbonamenti ai quotidiani negli Stati Uniti era del 58%.

Perché queste informazioni sono importanti?

Decline in customers from churn
È un indicatore ampiamente utilizzato, come hai visto, in molte aziende. Ti aiuta e facilita la conoscenza della portata dell’azienda. È un modo di misurare per valutare il comportamento dell’azienda.

Aiuta a perfezionare il prodotto o il servizio offerto dalle rispettive aziende. In questo modo i tassi di abbonamento aumentano il meno possibile.

È importante perché la percentuale di annullamento ti fornisce informazioni sulla strategia che la società sta attuando. La cosa più importante per un’azienda è fidelizzare i clienti, catturarli e trattenerli.

Per scoprire se la società sta andando bene, il churn rate rende più semplice la comprensione della portata dell’azienda. È l’indicatore che aiuta a quantificare gli abbandoni. E può aiutarti a riflettere sul perché.

È anche importante ricordare che tramite questo calcolo, oltre a sapere quanti follower hai all’inizio del periodo e alla fine del periodo, puoi rilevare quale sia stato lo schema; vale a dire, quando sono state effettuate le principali disiscrizioni per essere in grado di capire il perché. Ad esempio, se hai inserito determinati annunci sul Web a metà periodo e improvvisamente la percentuale di annullamento è aumentata, hai già uno dei motivi su cui lavorare.

Suggerimenti per non perdere gli abbonati

non perdere gli abbonati
Qui di seguito verranno forniti diversi suggerimenti per ridurre il churn rate attraverso strategie diverse che renderanno il consumatore soddisfatto.

1.- Identifica bene i clienti

Come è stato detto prima, i clienti sono l’oggetto più prezioso di qualsiasi azienda. Perché è da lì che derivano tutti i benefici. I consumatori si registrano su una piattaforma perché vedono un’offerta di un prodotto o servizio che li interessa molto.

Per non annullare l’iscrizione, la percezione di soddisfare le esigenze dei clienti deve durare. In caso contrario, cercheranno il prodotto tra i concorrenti nello stesso settore, annullando l’iscrizione al tuo database. Pertanto, è molto importante creare valore aggiunto rispetto ai concorrenti e innovare.

2.- Migliora le tue offerte

Il cliente che si iscrive al database di un’azienda si aspetta di soddisfare le proprie esigenze. E ovviamente aspettarsi una certa qualità. Quando il cliente si registra su una piattaforma, si sta fidando dell’attività. Pertanto, l’azienda deve sempre offrire il meglio.

Come strategia aziendale, devi sempre offrire il meglio ai tuoi clienti e la migliore qualità. In modo che sentano che ciò che ricevono non lo riceveranno in nessuna delle altre società.

3.- Esegui una buona segmentazione

Sii chiaro riguardo al tuo consumatore chiave, a chi vuoi vendere il tuo prodotto o a ciò che offri. Molte volte ci sono aziende che non hanno questo concetto ben chiaro e coprono diversi segmenti contemporaneamente e non è un aspetto positivo. Le parti interessate devono essere ben identificate e devono essere create strategie specifiche.

4.- Studia le precedenti campagne pubblicitarie

Gli effetti positivi o negativi che hanno generato devono essere studiati in modo approfondito al fine di migliorare e / o creare nuove campagne pubblicitarie. In questo modo sarai in grado di aumentare il numero di abbonati, ma soprattutto, di trattenerli.

5.- Migliorare il servizio o il prodotto offerto

È necessario migliorare costantemente il prodotto o il servizio offerto ai consumatori abbonati alla piattaforma in modo che non perdano interesse e continuino a essere connessi e interessati. Dobbiamo dare un’immagine professionale e dimostrare che c’è impegno per un costante miglioramento per il benessere dei consumatori.

6.- Sfrutta il tuo brand per aggiungere valore

La più grande caratteristica che renderà un’azienda grande è che i suoi attuali clienti non la abbandonino, è il valore aggiunto rispetto ai suoi concorrenti. Se l’azienda soddisfa le aspettative, offre un prodotto e / o un servizio speciali (e se può essere solo migliore), i clienti saranno soddisfatti.

Questo porta alla riduzione del tasso di cancellazione. L’innovazione costante può aiutare tutto questo. È anche importante ascoltare gli utenti, preoccuparsi degli aspetti che vedono migliorare, può indicare in quale direzione andare.

7.- Costruire la fedeltà dei clienti

Se c’è una comunicazione costante con il cliente, e lui vede che la sua opinione è presa in considerazione generando costantemente miglioramenti, la soddisfazione sarà grande. Una grande soddisfazione farà sì che gli abbonati non vogliano annullare l’iscrizione.

In conclusione, il riassunto di ciò che è il churn rate è molto importante per le aziende di oggi. Essere in grado di vedere quali sono i punti deboli in cui l’azienda fallisce e di essere in grado di migliorare è essenziale. La cosa più importante è che ci sia un cambiamento costante grazie alle proposte di quelle persone che sono già iscritte.

Ora sai cosa sia il churn ratee i suoi vantaggi. Se vuoi realizzare una campagna di email marketing di successo, fallo con una piattaforma di invio di email che ti aiuti a raggiungerlo. Non cercare oltre, usa la piattaforma MDirector.

Whitepaper esclusivo
Aumenta le tue vendite a natale con l'Email Marketing
Tutte le tecniche per incrementare le tue vendite a Natale, grazie all'Email marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?