Le migliori strategie di inbound marketing per la tua azienda

Le migliori strategie di inbound marketing per la tua azienda

5 dicembre, 2018 per NewsMDirector

Le strategie di inbound marketing hanno preso piede nel mondo del marketing digitale. Di fatto queste strategie sono un elemento fondamentale in qualsiasi azione che ha come obiettivo il consumatore. Perché propongono contenuti e esperienze non invasive.

Le strategie di inbound marketing si rendono visibili di fronte al consumatore in maniera naturale. E per questo scommettere sui contenuti di qualità è essenziale.

In questo modo il posizionamento web, i contenuti e i social, gestiti in maniera congiunta, sono indispensabili affinché le strategie di inbound marketing funzionino. Ma sai quali sono i principali benefici per i brand che scommettono su questo tipo di marketing?

  • Attirare leads di qualità. il fatto di combinare un buon contenuto con diverse tecniche di marketing attira leads di qualità sul tuo sito.
  • Migliora il branding e la brand perception.
  • L’automatizzazione del marketing. La capacità di attirare e educare l’utente mediante messaggi e interazioni automatizzate è un aspetto da considerare per qualsiasi azienda. Inoltre la personalizzazione è uno degli elementi fondamentali per ottimizzare qualsiasi strategia.
  • Si fidelizzano gli utenti. Oltre a attirare clienti nuovi, le strategie di inbound marketing facilitano la fidelizzazione utilizzando un tipo di comunicazione non intrusiva.

I dati dimostrano che le persone che scelgono di interagire con un brand in maniera naturale convertono meglio. Di fatto, guarda il seguente esempio. Chi pensi che abbia più probabilità di acquistare una casa nuova, una persona che ha ricevuto una mail che dice “compra questa casa” o una che ha effettuato la ricerca in autonomia?

Elementi chiave per le strategie di inbound marketing

L’aspetto positivo delle strategie di inbound marketing èche permettono ai brand di andare oltre al marketing tradizionale. Non si tratta di sostituirlo ma di applicare alcuni elementi che permettono di individuare una strategia delle vendite a lungo termine. E in maniera efficiente. Quindi si lavora su tre fasi:

  • L’attrazione del traffico qualificato
  • Conversione dei clienti potenziali
  • La fidelizzazione degli stessi

Ma come si ottimizzano i contenuti in maniera che rispettino le tre fasi? Cosa dobbiamo farne? Dove si applicano? Questi sono alcuni dei canali che ogni strategia di inbound marketing deve considerare:

1 – Content marketing

Il content marketing si appoggia agli owned media per la sua distribuzione. Gli owned media sono i media a o canali che i brand possiedono. Spazi attraverso cui i brand comunicano con i clienti e gli utenti. Ossia è l’azienda che ha il potere e l’esclusiva sulla pubblicazione. Ciò che detta le regole del gioco.

Ovviamente è importante capire che fare content marketing non è come creare un corporate blog. È molto più di questo. Considerando il comportamento, le necessità e le parole chiave legate alla buyer persona a cui si dirige il brand, sarà molto più semplice determinare che tipo di contenuti creare e condividere.

È vitale che i tuoi contenuti risolvano i problemi degli utenti e siano sempre rilevanti.

2.- SEO

SEO e strategie di content marketing sono la combo perfetta per migliorare il posizionamento web sui principali motori. E per questo è molto importante imparare a redigere contenuti ottimizzati per la SEO.

Altrimenti non aumenterai il traffico organico del tuo sito. E non c’è nulla di meglio che sfruttare il posizionamento naturale. Avere un sito web di qualità e un contenuto ottimizzato garantisce che la tecnologia di Google identifichi e indicizzi il contenuto del tuo sito affinché compaia in maniera naturale agli utenti interessati.

Esistono molti elementi che intervengono nella SEO. Dalle parole chiave al modo in cui altri siti linkano i tuoi contenuti nel web. Ma a volte ottimizzare la SEO è semplicemente questione di assicurarsi che il tuo sito sia strutturato in maniera che i motori di ricerche possano comprenderlo.

Inoltre, devi considerare che le strategie di content marketing on site e off site sono essenziali per ottenere visibilità sui motori. Mentre il content marketing on site beneficia del posizionamento interno, l’off site ti aiuta a ottenere backlinks e aumentare il tuo page rank.

3 – I social ti aiuteranno a entrare in contatto con i clienti potenziali

Nelle strategie di inbound marketing, offrire un buon contenuto non è tutto. Di fatto se a ciò aggiungi una conversazione fluida, interessante e costante con la tua audience, avrai successo.

Hai creato contenuto di qualità, lo hai condiviso sul tuo sito e cosa fai dopo? Devi attirare lettori nuovi e promuovere il tuo contenuto in rete. Pensa che la creazione del contenuto è solo una piccola parte del puzzle. Per garantire che il contenuto arrivi agli utenti pertinenti, devi continuare a lavorare.

Determinare quali piattaforme sono più rilevanti per il tuo pubblico target è uno dei primi passi che devi gestire. Un compito arduo ma necessario. I social sono una piattaforma ideale affinché le aziende e gli utenti interagiscano e scambino opinioni. Inoltre i diversi social ads permettono un elevato livello di segmentazione.

E come se fosse poco, i social sono lo scenario ideale per ottenere viralità. E nulla ti farà ottenere più traffico e visibilità di fronte ai tuoi clienti potenziali come fare in modo che i tuoi contenuti diventino virali.

4 – Email marketing e lead nurturing vano di pari passo

Le newsletter si basano sulla fornitura di contenuti agli utenti. Contenuti personalizzati e di qualità che promuovono la retention e permettono di creare un flusso di traffico ricorrente verso il tuo sito.

Quindi non devi utilizzare l’email esclusivamente come mezzo di vendita o promozione dei prodotti e servizi. Inoltre è importante usarlo come strumento di fidelizzazione in cui le mail automatizzate giocano un ruolo fondamentale.

Inoltre è molto importante creare un processo di lead nurturing affinché i clienti potenziali effettuino le azioni desiderate. Come sai non tutti i leads si comportano allo stesso modo per arrivare alla conversione. Quindi devi considerare questa tappa dell’imbuto di conversione e agire in maniera conseguente.

Esempi di strategie di inbound marketing efficaci

1.- Sewickley Academy

Una delle strategie di inbound marketing da segnalare è l’uso di Pinterest di questa scuola americana. L’approccio è uno dei migliori per capire che, per attirare la corretta buyer persona, non serve fare pubblicità intrusiva ma serve una strategia di content marketing focalizzata sull’aiutare il target ideale.

Quindi, crea contenuto che l’audience richiede affinché i possibili clienti capiscano che mandare i propri figli in questa scuola è la migliore decisione che possano prendere.

Per completare la strategia, il blog è pieno di consigli e novità orientati ai genitori.

2.- Iberia, Me gusta volar

Il blog di Iberia è un chiaro esempio di come creare una buona strategia di inbound marketing. Se dai uno sguardo vedrai che è un blog specializzato in viaggi, aeroporti e aerei. Quindi qualsiasi persona che sta pensando di volare o dirigersi verso una destinazione concreta, può essere interessata.

Offre informazioni di ogni tipo legate a questo tema. Da cosa fare in una determinata destinazione fino al funzionamento di un aeroporto. Per non parlare della sezione orientata ai passeggeri che hanno paura di volare, che include contenuto redatto da specialisti con consigli per aiutare a superare questo trauma.

In questo modo, Iberia non solo attira leads di qualità ma si posiziona tra i primi risultati delle ricerche di Google e genera contenuto virale sui social. Il brand si situa nel top of mind come linea aerea legata ai propri utenti.

3.- Listerine, Obiettivo 21 giorni

Le strategie di inbound marketing possono promuovere diverse abitudini. E se sei legato al consumo di un determinato prodotto, meglio.

Questa campagna di Listerine spinge a comprare un prodotto e a tenere lo scontrino. Da qui gli utenti devono registrarsi sul sito e fare prove per passare ai livelli successivi.

In questo modo, attraverso questionari e giochi, il cliente si diverte. Anche se è incitato a condividere queste azioni sui social per ottenere visibilità e viralità. La gamification può giocare a tuo favore per attirare clienti e fidelizzarli.

4.- Bayer, Diabetes Care

Bayer ha sviluppato diverse strategie di inbound marketing per attirare leads e portarli alla conversione. Una di queste si è focalizzata su un pubblico target molto ben definito: i diabetici.

Ma la creazione del blog con consigli e contenuti rilevanti per gestire meglio la malattia, non solo è orientata ai malati ma anche al loro mondo.

Come vedi l’obiettivo delle strategie positive di inbound marketing è cambiare il modo di fare marketing tradizionale. Il brand non cerca di attirare il cliente ma è il cliente che si avvicina grazie ai contenuti proposti sui diversi canali.

Per questo non c’è nulla di meglio che usare una piattaforma di digital marketing come MDirector con cui puoi gestire tutti i canali attraverso un unico strumento. Un vantaggio che ti aiuterà a focalizzarti sugli aspetti importanti: offrire contenuti di valore agli utenti. Vuoi avere più informazioni su MDirector?

Whitepaper gratuito Landing Page
Landing Page efficaci: consigli che ti porteranno al successo

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?