Come ottenere abbonati paywall con l’email marketing

15 gennaio, 2021 per Redacción
Ti è piaciuto il nostro articolo?

abbonati paywall

Qualcosa che è cresciuto in modo significativo nell’ultimo decennio sono stati gli abbonati ai paywall.

Al giorno d’oggi sono molte le domande che gli utenti si pongono in merito alle innovazioni che hanno questi wall, alla loro efficacia e al modo in cui guidano gli abbonamenti che hanno contenuti digitali a pagamento.

Inoltre, i modelli di abbonamento a pagamento stanno diventando ogni giorno molto più interessanti per diversi media digitali. È un approccio in cui viene offerto un gran numero di vantaggi per le pubblicazioni legate alla diminuzione di liquidità.

Questo calo di redditività è in parte dovuto alla diminuzione dei ricavi pubblicitari, oltre che alla grande incertezza del mercato a causa dell’attuale crisi sanitaria. Le entrate generate dagli utenti sono diventate essenziali per molti editori.

Sfide derivate dall’aumento degli abbonati ai paywall

La necessità di un paywall sembra essere una conseguenza inevitabile. Da un lato, serve trovare un modo alternativo di monetizzazione che integri la pubblicità. Dall’altro, è un modo per migliorare la qualità dell’informazione dei media.

Pertanto, non va dimenticato che, quando si utilizza un paywall, le società di notizie devono fare un investimento maggiore nella strategia che stanno sviluppando per catturare l’attenzione del pubblico e invogliarlo ad abbonarsi al contenuto.

Aumenta il valore aggiunto e la qualità dei contenuti

abbonati ai paywall
I paywall sono una funzione inclusa in un sito Web, solitamente con contenuti di notizie, che limita l’accesso ai contenuti gratuitamente. Questa strategia è stata implementata dagli editori digitali che promuovono contenuti a pagamento in modo da rendere redditizio il mezzo di comunicazione e continuare a lavorare nel mercato.

L’obiettivo finale degli editori è guadagnare da tali abbonamenti. Tuttavia, questi wall vengono utilizzati anche per accedere in modo incrementale al contenuto. Cercano di offrire uno scambio di valore che possa essere adattato ad ogni visitatore.

Ad esempio, con gli abbonati al paywall, un sito web deve garantire che la qualità dei contenuti sia elevata e che si tratti di informazioni di valore sufficiente affinché il pubblico sia disposto a pagarle.

Migliora la strategia digitale per ottenere abbonati

Un abbonamento digitale consente agli utenti di accedere a tutti i contenuti sul sito Web di un editore senza limitazioni. Normalmente, i paywall consentono ai non abbonati di accedere a un certo numero di contenuti. Una volta coperta la quota, chiederanno l’abbonamento a pagamento per poter godere del resto.

Pertanto, è imperativo offrire vantaggi esclusivi agli abbonati. Non solo in termini di limiti di notizie, ma anche altri vantaggi come un club esclusivo, accesso a contenuti top, download di applicazioni, ecc.

Molti di questi abbonamenti digitali sbloccano esperienze utente migliorate, ad esempio contenuti senza pubblicità, accesso esclusivo ai giornalisti e molto altro ancora.

Quanto sono disposti a pagare gli utenti per contenuti legati ai paywall?

pagare gli utenti per contenuti legati ai paywall
Le tariffe di abbonamento variano sempre. Per i siti specializzati in media, i visitatori generalmente pagano 5 euro al mese. Tuttavia, tieni presente che sono organizzazioni di media premium in cui ci sono brand di grande rilevanza.

Non è affatto facile creare un sito Web per iniziare a far pagare l’accesso agli articoli, soprattutto quando le persone non conoscono i dettagli di questo modello di business.

Ottieni abbonati paywall con l’email marketing

Se pensi che i tuoi contenuti online meritino un paywall, dovresti prendere in considerazione alcuni aspetti che rendono questa strada praticabile. L’implementazione di un modello di abbonamento a pagamento non è adatto a tutti i media. E questo, soprattutto, ha molto a che fare con la qualità del contenuto e il modo in cui viene presentato.

Ma se vuoi attirare il pubblico attraverso l’email marketing per far pagare i tuoi contenuti, è importante strutturare una buona strategia di comunicazione.

1.- Identifica la tua proposta di valore

Identifica la tua proposta di valore
Devi dare alle persone un motivo che le convinca a pagare per l’accesso. Per renderlo possibile, devi evidenziare la tua proposta di valore e promuoverla tramite e-mail, poiché questo è il canale di comunicazione che ha più forza.

Un esempio per questo è il caso del quotidiano britannico “The Guardian”. Questa azienda ha trasformato l’idea di giornalismo libero e indipendente semplicemente utilizzando la sua proposta di valore.

Funzionerebbe nel tuo caso? Sì, l’azienda ha iniziato a ricevere entrate con volumi che superano i 900.000 visitatori in 170 paesi. Ma dovresti sapere che questo non è accaduto dall’oggi al domani. “The Guardian” ha dovuto commercializzare il suo brand per tre anni per arrivarci.

2.- Applica analisi avanzate al tuo modello di paywall

Il futuro dei paywall sarà basato sulla conoscenza e sui dati. Si tratta di creare un’esperienza personalizzata per ogni visitatore che entra. Qualcosa che, senza dubbio, è particolarmente interessante per gli utenti.

Per questo motivo, l’utilizzo di campagne di email marketing personalizzate è una strategia che garantirà il tuo successo, e se la applicherai agli abbonati al paywall, lo sarà molto di più. Per attirarli, devi sapere quali sono i loro interessi e inviare loro contenuti in base a loro interessi.

Secondo diversi studi, infatti, questa strategia riesce a ridurre l’80% dei costi di acquisizione dei clienti, aumentando così gli abbonamenti fino a tre volte di più.

3.- Sinergia organizzativa

Sinergia organizzativa
Questo è un concetto molto importante se ti aspetti che gli utenti paghino per accedere ai tuoi contenuti.

Tutto ciò che coinvolge marketing, pubblicità, tecnologia, finanza e content creators, deve essere allineato e con obiettivi e metriche comuni per avere un risultato di successo.

4.- Usa la tecnologia giusta

Cosa significa? Che devi identificare qual è la tua strategia e quindi trovare la tecnologia più adatta. Un consiglio, non farlo il contrario, partendo dai risultati!

Evita completamente qualsiasi tecnologia che sacrifica parte della tua strategia. Cerca invece soluzioni in grado di soddisfare le esigenze della tua azienda.

Anche l’integrazione sarà importante in questo senso. Devi assicurarti che il tuo sistema di gestione dei contenuti, la soluzione per i pagamenti, il software per le relazioni con i clienti, i carrelli e la sicurezza web funzionino sempre bene.

5.- Cerca di fare sempre una buona impressione

Una frase molto popolare è che non c’è mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione. Ma non è vero quando si vogliono vendere contenuti online tramite mail.

Secondo un rapporto di Blaize, i siti web di notizie che sono stati in grado di migliorare l’esperienza dell’utente hanno visto un aumento significativo degli abbonati al paywall, nonché del coinvolgimento.

Tuttavia, tieni presente che l’esperienza utente non riguarda solo l’aspetto del sito Web, ma anche l’usabilità.

5 servizi di paywall che puoi utilizzare

Ci sono molte opzioni per implementare i servizi di paywall sul mercato. Ecco un elenco delle 5 più popolari.

1.- Laterpay

Laterpay
Laterpay è un servizio che consente agli abbonati di ottenere contenuti digitali da tutti i siti che lo utilizzano. Richiederà denaro solo una volta raggiunto il limite di $ 5.

2.- Il paywall di WordPress

WordPress
Qui puoi creare un paywall flessibile per la piattaforma WordPress per promuovere i suoi contenuti attraverso i social network e attraverso la ricerca.

Inoltre, ti fornirà il controllo dei livelli di accesso per bloccare, misurare e offrire l’accesso freemium.

È integrato con servizi di posta elettronica e CRM di terze parti.

3.- Mediapass

Mediapass
Mediapass è l’opzione migliore quando desideri che i tuoi utenti utilizzino dispositivi diversi, poiché i loro inviti all’azione verranno adattati agli schermi di qualsiasi utente senza eseguire ulteriori ottimizzazioni.

Questo servizio cerca di proteggere dagli ad blocker e dalle compressioni CRM, quindi può essere implementato molto facilmente con una riga di codice.

È un servizio compatibile con qualsiasi modello di paywall, che permette di mostrare Mediapass a un numero illimitato di persone.

4.- MemberGate

Membergate
È una piattaforma di gestione dei contenuti che consente al proprietario del sito web di controllare tutto. Puoi automatizzare gli abbonamenti, gli avvisi di rinnovo, tra il resto.

5.- Mpp Global Solutions

Mpp Global Solutions
Questo è un servizio fornito da eSuite. È un software di gestione degli abbonati in cui gli stessi abbonati potranno modificare i loro abbonamenti, configurare i loro calendari di consegna, gestire i loro dispositivi, tra il resto.

Ti darà anche l’opportunità di centralizzare l’amministrazione dei tuoi prodotti in modo da fornire una visione unica del cliente.

La piattaforma eSuite opera in tutti i paesi, con abbonamenti, codici fiscali, formato e valute localizzati.

Ora che sai come ottenere abbonati ai paywall, è tempo di metterle i consigli in pratica. Ma se non sai come farlo, in MDirector abbiamo una piattaforma di Email Marketing professionale, dove potrai creare le tue email in modo personalizzato per attirare i clienti. Non perdere l’occasione e provala subito!S

Whitepaper gratuito Landing Page
Landing Page efficaci: consigli che ti porteranno al successo

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?