Quale font scegliere per la tua newsletter?

9 settembre, 2020 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?
[mr_rating_form]

font per la newsletter

Molte volte durante la creazione di un design, le persone dimenticano l’importanza del font. Pertanto, è necessario che impari a scegliere il font per la newsletter che meglio si adatta al messaggio che vuoi dare. Si tratta di dare un tocco personale in grado di rappresentare il tuo brand. Ricorda che agli utenti piace vedere idee nuove e autentiche.

Che tu ci creda o no, l’email marketing tiene conto del tipo di font che utilizzi. In effetti può influenzare il successo o il fallimento delle tue campagne email. Per questo motivo, è importante che analizzi molto bene le tue opzioni prima di effettuare i tuoi invii.

Tieni presente che è un canale di comunicazione e diffusione con una portata elevata. Non vuoi commettere errori nella scelta del font della newsletter e alterare il tuo messaggio. Questo elemento è in grado di trasmettere emozioni agli utenti, che possono influenzare positivamente o negativamente la loro decisione di acquisto.

Aspetti importanti dei font

font per la newsletter
È vero che devi usare la tua creatività per distinguerti dagli altri, ma secondo le possibilità. Ed è necessario tenere presente che non è possibile utilizzare un font qualsiasi per la newsletter. È possibile utilizzare solo i caratteri predefiniti su tutti i computer.

L’idea è che il font sia riconosciuto da uno qualsiasi dei client di posta elettronica, che si tratti di Gmail, Outlook, Thunderbird, Apple Mail, tra gli altri. In caso contrario, l’esperienza dell’utente potrebbe essere compromessa, poiché se non è un font standard, il dispositivo lo sostituirà con un altro.

Ciò potrebbe influire sulla visualizzazione della newsletter per i destinatari che l’hanno ricevuta. D’altra parte, se utilizzi un font che è tra le alternative predefinite, puoi essere certo che il contenuto raggiungerà ciascuno dei tuoi utenti così come lo hai creato.

Fattori legati al font tipografico

Non c’è dubbio che il font che usi è fondamentale per attirare e generare emozioni negli utenti. Tuttavia, ci sono diversi fattori ad esso correlati ed è essenziale che tu li conosca, poiché influenzano il destinatario:

A.- Dimensione del font

font per la newsletter: Dimensione del font
La dimensione del font gioca un ruolo fondamentale nell’esperienza dell’utente. Devi pensare che, in questa era digitale, le persone leggono i contenuti non solo sui loro computer, ma anche sui loro dispositivi mobile e tablet. Per questo motivo, devi concentrarti sulla ricerca della dimensione perfetta.

Nel caso del corpo della newsletter, si consiglia di utilizzare il 12. Anche se alcuni professionisti del marketing consigliano anche 14 e alcuni fino a 18. Queste ultime dimensioni sono proposte tenendo conto della distanza tra il monitor e il viso del lettore. Inoltre, pensano a coloro che navigano sul proprio cellulare.

Sebbene l’intestazione possa essere inferiore a 36, l’idea è che si distingua dallo sviluppo. Ma attenzione, questa misura si applica solo ai titoli. Il tuo obiettivo è che l’utente possa avere una lettura confortevole che possa produrre emozioni positive che lo incoraggino a continuare a leggere e intraprendere l’azione finale.

B.- Interruzioni di paragrafo o spaziatura

Interruzioni di paragrafo o spaziatura
Un altro fattore che influisce nella scelta della migliore font per la newsletter è la spaziatura tra le righe. Questo perché, in generale, i lettori tendono a scansionare le informazioni piuttosto che leggerle.

È un modo per cercare tra i paragrafi le informazioni che li interessano davvero. E in questo caso, le interruzioni di riga sono ideali per ottenere questo effetto.

Al contrario, se non usi questa funzione, il tuo testo sarà senza separazione, come se fosse un muro di parole. Il che genererebbe un effetto negativo, poiché stancherebbe o annoierebbe visivamente il destinatario, che finirebbe per abbandonare il contenuto.

Ma devi stare attento con la spaziatura che ti offre la piattaforma di posta elettronica, perché può rivelarsi una semplice interlinea. Si consiglia di cambiarla in 1.4 o 1.5 invece di 1.0. Nel caso di utilizzo di uno sfondo scuro, è possibile aumentarlo a 1.7. Lo scopo è che le persone possano digerire il testo più facilmente.

Non esagerare in ogni caso, perchè l’uso di interlinea di 2.0 o più può rendere la tua newsletter disorganizzata. Inoltre, distorce la continuità visiva, il che renderà difficile per l’utente seguire la lettura.

Tipi di font per newsletter

Sebbene il font della newsletter sia limitato ai caratteri predefiniti, non devi preoccuparti, perché ci sono diverse opzioni. Se non sai cosa sono, dai un’occhiata alle seguenti informazioni in modo da conoscere i tipi di font che puoi utilizzare:

1.- Times New Roman

Fonts per la newsletter: Times news roman
È uno dei font serif più usato al mondo e sembra che sia un’opzione che non passa di moda. Le lettere del Times New Roman sono caratterizzate da piccole “ali” negli angoli. Essendo così ampiamente utilizzato, produce una sorta di familiarizzazione nelle persone che leggono.

È una buona opzione se vuoi mantenere un font semplice, ma con un tocco elegante. Tutto dipenderà dai tuoi gusti e se questo font si adatta all’aspetto del tuo brand.

2.- Georgia

Apparentemente, il font tipografico Times New Roman ha un concorrente molto forte. Si tratta di Georgia, un font tipografico diventato popolare tra i professionisti del marketing. Secondo Typedia, questo tipo di font è “elegante e fluido” grazie al suo corsivo. Ciò lo rende un font tipografico con alta leggibilità.

È paragonato al precedente per la sua somiglianza. Tuttavia, questo font ha un aspetto più ampio e arrotondato ed è piacevole per gli occhi di chi ne fa uso.

3.- Arial

BFonts per la newsletter: Arial
Sicuramente se ti viene chiesto di nominare un font ampiamente utilizzato, penserai immediatamente ad Arial. Ed è normale perché tutti ad un certo punto hanno scritto un progetto con questo font. È un font tipografico nato nel 1982, anno in cui è stato creato per diventare il concorrente di Helvetica.

Ti starai chiedendo quanto bene possa funzionare nella tua newsletter? La risposta è semplice, se lo usi nei titoli può essere utile. Tuttavia, non è una buona idea applicarlo nel corpo del messaggio, poiché non è così attraente per il lettore.

4.- Courier

Un altro font che appartiene alla famiglia serif è Courier. La sua caratteristica principale è che è un tipo di font a spaziatura fissa. Ciò significa che ogni lettera o segno di punteggiatura occupa la stessa quantità di spazio orizzontale sulla pagina. È il candidato ideale per allineare colonne orizzontali.

Va notato che non è uno dei caratteri preferiti dai lettori o dagli esperti di marketing. Anche se dipenderà anche dalla nicchia di mercato che vuoi raggiungere. La sua estetica è rustica ma gradevole, è simile a un documento scritto su una macchina da scrivere.

5.- Verdana

Troverai anche Verdana nell’elenco di font predefiniti. È un font sans-serif che è stato creato con l’obiettivo di correggere le carenze dei vecchi Helvetica e Arial. Questo font è più aperto, aggiungendo spazio tra le lettere per dare loro una sensazione più uniforme.

Grazie alle sfumature che utilizza, aiuta a migliorare la leggibilità, che a sua volta evita al lettore di affaticarsi. Questo modello di font tipografico ha la capacità di trasmettere gioia e informalità, due caratteristiche molto positive per la tua newsletter.

6.- Tahoma

Fonts per la newsletter: tahoma
Una scelta eccellente per il font tipografico di newsletter è Tahoma, anch’esso appartenente alla famiglia dei sans-serif. Ma sicuramente ti chiederai perché. Questo font ha il grande vantaggio (a differenza di Georgia e Verdana) di avere caratteri “Unicode”. Ciò significa che supporta caratteri asiatici e non latini, nonché lettere latine con accenti.

Quindi, se la tua newsletter è diretta ad altre latitudini, dove viene gestita un’altra lingua, questo font è adatto. Ma devi tenere presente che può presentare problemi di compatibilità, a causa di alcuni caratteri che possono essere mostrati in maniera errata.

7.- Comic Sans

Il suo nome indica tutto, questo font tipografico è diventato popolare nel mondo dei fumetti. Il font Comic Sans presenta tratti sinuosi, il che significa che ha curve e ondulazioni. Ha un aspetto che genera una sensazione ludica e informale, per questo motivo se ne sconsiglia l’utilizzo per questioni formali.

Ora, se vuoi proiettare aspetti giocosi nella tua newsletter, non esitare a usarlo. È ideale per le aziende che vendono prodotti per bambini. Quindi, se questo è il tuo caso, potrebbe essere il font giusto.

Ora hai tutte le informazioni necessarie per scegliere il tuo font per la newsletter. Devi solo analizzare qual è quello che meglio si adatta alla tua nicchia di mercato.

Quando hai creato la tua newsletter, non resta che inviarla ai tuoi iscritti. Se hai bisogno di aiuto, in MDirector mettiamo a tua disposizione la nostra piattaforma di Email Marketing con cui puoi distribuirla in maniera massiccia. Provala!

Whitepaper Esclusivo
Come configurare SPF e DKIM
Configurati SPF e DKIM e fare campagne di email marketing funzionano meglio

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?