Come generare più visite al mio sito con l’inbound marketing

Tips per generare più visite sul mio sito con l’inbound marketing

21 giugno, 2019 per NewsMDirector

In che modo posso generare più visite sul mio sito con l’inbound marketing adeguato? Esiste una guida standard che mi dica i passi da compiere? O devo fare a modo mio? Che tipo di tecniche di inbound marketing dovrei attivare? Tutte le aziende devono seguire gli stessi passi per migliorare il traffico web?

È probabile che in un determinato momento ti siano sorti questi dubi. Soprattutto durante gli ultimi anni quando l’inbound marketing ha vissuto il suo boom. Ma perché?

Generare più visite sul mio sito con l’inbound marketing” è una delle ricerche tipiche sui motori. Chiaramente la domanda è focalizzata dato che le tecniche di inbound marketing sono le migliori per migliorare il traffico verso il tuo sito. L’obiettivo di qualsiasi strategia di questo tipo è attirare clienti in maniera organica. Quindi qualsiasi azione dovrà mirare a questo obiettivo.

Ovviamente una delle idee da considerare fa riferimento a quanto segue. Le strategie di inbound marketing arrivano in maniera naturale all’utente. Ossia, arrivano in forma di contenuti. Per questo creare una buona strategia di content marketing e condividere contenuti di qualità è fondamentale.

Quindi la domanda “Come generare più visite al mio sito con l’inbound marketing” si risolve con una combo di strategie: il posizionamento web, il content marketing e i social. Così potra raggiungere obiettivi come:

  • Generazione leads di qualità.
  • Miglioramento considerevole del branding e del riconoscimento.
  • Potrai automatizzare il marketing e personalizzare il contenuto per educare l’utente in ogni fase dell’imbuto di conversione.
  • Come conseguenza la fidelizzazione sarà più semplice.

Approfondimento sull’inbound marketing

‘Voglio generare più visite al mio sito con l’inbound marketing. Cosa devo fare?” Prima di tutto devi capire perché l’inbound marketing è una delle migliori soluzioni e in cosa si differenzia dalle tecniche di marketing tradizionali.

Principalmente la differenza tipica si basa sul modo in cui l’utente riceve il messaggio da parte del brand. Non si tratta di sostituire qualsiasi altra tecnica di marketing usata fino ad oggi ma di completarla attraverso 4 fasi principali dell’imbuto di conversione.

  1. Attrazione del traffico qualificato
  2. Conversione dei clienti potenziali
  3. Educazione: dopo aver convertito i clienti ricevono informazioni utli e complementari
  4. Fidelizzazione

Le strategie di inbound marketing modificano le tue pratiche attuali perché si adattino alle tendenze di acquisto degli utenti in ogni momento e ogni fase. Per questo è vitale che tu conosca il tuo cliente target: come si muove, che gusti e necessità ha e come prende le sue decisioni. Devi arrivare esattamente nel momento adeguato con contenuto utile.

Crea la tua buyer persona

Per generare più visite al mio sito con l’inbound marketing dovrai sempre definire la tua buyer persona ideale. Si tratta di qualcosa di imprescindibile. Al contrario non raggiungerai i tuoi obiettivi.

Indipendentemente dal fatto che tu voglia generare più traffico o fidelizzare i tuoi clienti, la tua strategia di inbound marketing non funzionerà se non hai una visione generale sui tuoi clienti reali. Va bene avere in mente possibili clienti futuri. Ma non devi mai dimenticare il tuo target principale. E per questo è consigliabile dirigersi agli utenti specifici basandosi su dati come:

  • Chi compra il mio prodotto?
  • Perché o da chi è influenzata questa persona quando deve prendere le sue decisioni di acquisto?
  • Che interessi hanno i miei lettori e iscritti attuali?
  • Quali sono gli aspetti che muovono il processo di acquisto?

Come generare più visite al mio sito con l’inbound marketing

Ottenere più visite al mio sito con l’inbound marketing è solo l’inizio. Anche se è uno dei passi più importanti. Considera che con le tecniche di inbound marketing adeguate ti assicurerai che gli utenti siano totalmente interessati ai prodotti e servizi che offri. E che quindi attirarli non risulterà un lavoro difficile.

È consigliabile combinare contenuti di qualità con le diverse tecniche di inbound marketing. Solo così attirerai leads della migliore qualità verso il tuo sito. Ecco le tecniche che potresti ottimizzare:

1. – Una buona strategia di content marketing

La creazione di un buon blog è fondamentale per generare più visite al mio sito con l’inbound marketing. Per aumentare il traffico una delle priorità aziendali è ottenere più visibilità. E per questo il posizionamento SEO è molto importante.

Ottenere un buon posizionamento sui motori in maniera organica dipende dal tuo content marketing. E per questo la creazione e ottimizzazione di un blog è un passo vitale della tua strategia digitale. Quindi la creazione di un blog sarà la priorità del 60% dei brand, come segnalano i dati di content marketing.

Il tuo blog è uno strumento eccellente per aumentare il traffico del tuo sito web. Immagina che domande potrebbero farti i clienti potenziali e quali sfide affrontano continuamente, quali ricerche effettuano su Google in cerca di risposte…
Utilizza il tuo blog per rispondere in maniera educativa, divertente e per intrattenere gli utenti. Ma soprattutto per fare in modo che il tuo contenuto sia interessante e venga condiviso.

Anche tu devi utilizzare il resto dei canali per dare visibilità al tuo blog. È èossibile che molti dei tuoi clienti ti conoscano solo offline o che non abbiano mai visto il tuo blog. Perché non invii loro una raccolta dei migliori post via mail? Questa è una lista di suggerimenti relativa a dove potresti condividere i tuoi contenuti:

  • Communities Google+
  • La tua lista di mail
  • Siti relativi a nicchie di mercato
  • Social specifici del tuo settore
  • Gruppi di LinkedIn

2.- Ottimizza il tuo posizionamento SEO

Hai lavorato alla tua strategia di contenuti e, mediante i social, hai ottenuto visibilità. Ma se hai ancora il dubbio relativi a “come generare più visite al mio sito con l’inbound marketing” ci sono altri passi da compiere, a partire dal posizionamento SEO.

La creazione dei contenuti ottimizzati per la SEO è fondamentale. Per questo oltre a lavorare alla redazione per la SEO dovresti avere a portata di mano le best practices della SEO per WordPress. Se non ottimizzi i tuoi contenuti non otterrai mai il traffico organico che ti serve per avere un posizionamento natural. Per questo dovresti gestire aspetti come:

  • Le parole chiave
  • La descrizione
  • I tag
  • Immagini
  • I links
  • Ecc.

L’ottimizzazione di ogni elemento ti aiuterà a ottenere un posizionamento organico che ti farà conoscere ancora di più.

Ma se il tuo obiettivo è fare in modo che il tuo sito sia ben posizionato su Google e sia notato da molti utenti, dovresti ottimizzare il tuo sito per la SEO rispettando la UX. Solo così la tua pagina verrà indicizzata correttamente.

3.- Ottimizza la tua strategia social

I social sono l’altoparlante che ti serve per dare visibilità ai tuoi contenuti. Ma anche per fare in mod oche gli utenti parlino di te e creino UGC.

Una buona strategia di inbound marketing non si basa sul creare o condividere contenuto di qualità. A ciò devi aggiungere ciò che i social offrono. Ossia: interazioni, conversazioni fluide con i followers, capacità di creare una community solida e brand advocates che attirino nuovi clienti potenziali.

Hai il contenuto di qualità del tuo blog. Devi darlo vedere sui social. Ma il dilemma ricade sulla scelta dei canali adeguati per attirare pubblico potenziale.

Anche così non devi mai dimenticare il potenziale dei social ads, che mettono a tua disposizione un gran ventaglio di opportunità con i loro strumenti di segmentazione. Una funzione ideale per raggiungere il pubblico che desideri.

4.- Non dimenticarti del retargeting

Un altro dei modi per generare più visite al tuo sito con l’inbound marketing consiste nel generare un impatto negli utenti che hanno visitato il sito ma poi sono scomparsi. Un caso per cui il retargeting è perfetto.

L’obiettivo del retargeting è ricordare agli utenti interessati ai tuoi prodotti e servizi che sei lì e che probabilmente hai un’offerta interessante. Si lavora sul ricordo per ottenere una conversione.

Il retargeting funziona grazie ai cookies che si installano sul browser dell’utente una volta che visita un determinato sito. Quando entra in altri siti che accettano annunci di campagne terze, vengono mostrati gli annunci dei prodotti che sono stati visti precedentemente. Così recupererai gli utenti indecisi.

5 .- Automatizzazione dell’email marketing

Come segnalano i dati di un’analisi di Radicati, la mail è usata da 3,7 milioni di persone, ossia il 48,6% dela popolazione. Alcuni degli utenti hanno più di un indirizzo (in media 1,7 a testa).

L’immensa quantità di indirizzi mail rende necessario personalizzare e automatizzare il database clienti per dirigerti agli utenti adeguati nel momento idoneo e con il messaggio più impattante e necessario.

L’email non solo è il canale con migliore ROI del momento. È la scelta preferita dal 64% dei professionisti di marketing quando vogliono generare clienti potenziali. Condividere via mail il contenuto del tuo blog è un atto di potere. Ma per farlo è fondamentale segmentare il tuo database per personalizzare i contenuti.

Workflows automatici per prendere decisioni migliori

In definitiva l’inbound marketing si basa sulla mail. Quindi automatizzare la maggior quantità possibile di dati è il modo migliore per creare un workflow efficace. Nel 2019 sempre più specialisti di marketing utilizzano piattaforme di automatizzazione. Cosa che permette di prendere decisioni migliori e di gestire budget adeguati.

Chiaramente l’ultimo passo si basa su un’analisi esaustiva delle strategie. Solo così potrai sapere se realmente hanno funzionato e se hai ottenuto maggiore traffico. Non serve a nulla ideare tecniche di inbound marketing efficaci se poi non hai la certezza che stiano funzionando correttamente.

Per questo non c’è nulla di meglio che utilizzare un software di email marketing come MDirector con cui puoi gestire tutti i canali da un unico strumento. Un vantaggio che ti servirà per focalizzarti sugli aspetti importanti: offrire contenuti di valore ai tuoi utenti e generare più visite al mio sito con l’inbound marketing.

Whitepaper Esclusivo
Come configurare SPF e DKIM
Configurati SPF e DKIM e fare campagne di email marketing funzionano meglio

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?