Sintomi del fatto che è ora di cambiare la tua strategia di email marketing

12 marzo, 2021 per Redacción
Ti è piaciuto il nostro articolo?

cambiare la tua strategia di email marketing

L’email marketing è considerato il pane quotidiano per le aziende che lavorano con strategie di marketing. Pertanto, è importante sapere quando è il momento di cambiare la tua strategia di posta elettronica.

Considera questo esempio: stai guidando verso il tuo posto di lavoro e improvvisamente, in mezzo alla strada, la tua auto inizia a fare strani rumori. Dal motore inizia a uscire del fumo, l’auto vuole spegnersi e, quindi, ti stressi pregando di non rimanere bloccato sulla strada per l’ufficio.

Lo stesso può accadere con la tua strategia di marketing digitale. Quando si avvicina la fine del mese, ti senti un po’ ansioso, poiché noti che qualcosa non funziona e non raggiungi i tuoi obiettivi. Tuttavia, non devi preoccuparti, perché non sei solo.

Ci sono molti marketer che si sentono persi quando cercano di scoprire dove stanno fallendo. Pertanto, in questo post troverai alcune indicazioni che ti diranno se è il momento di cambiare la tua strategia di posta elettronica. Quindi, puoi risolvere i tuoi problemi e raggiungere i tuoi obiettivi.

Come fai a sapere se la tua campagna ha un problema ed è ora di cambiare la tua strategia di posta elettronica?

Grazie a diverse applicazioni di email marketing, come quella offerta da MDirector, potrai conoscere molti dati statistici che ti aiuteranno a scoprire come i destinatari interagiranno con i tuoi contenuti.

La tecnica di inviare email solo per vedere cosa succede, è passata alla storia. Esperti e imprenditori sono sempre più interessati a poter analizzare quali saranno gli effetti che avrà la loro azione di email marketing. In questo modo potranno capire, in modo chiaro, quali sono gli aspetti che dovrai migliorare nelle campagne future.

Mentre analizzi i parametri statistici, sarai in grado di scoprire se la tua campagna funziona in modo corretto o se ha un problema che deve essere corretto.

Sintomi che indicano che dovresti cambiare la tua strategia di email marketing

Il tipo di contenuto, la frequenza, la qualità del tuo database, la reputazione e i giorni delle campagne sono fattori che influenzeranno i risultati statistici delle tue campagne. Pertanto, è importante conoscerli per sapere dove stai fallendo e migliorare i tuoi invii.

1.- Disiscrizioni volontarie

Disiscrizioni volontarie
Le opzioni di disiscrizione, che si trovano in fondo alla newsletter, permettono ai tuoi utenti di revocare la loro iscrizione al tuo database. Normalmente a questa funzione viene attribuita una percentuale inferiore al 3%. Tuttavia, se questo indice aumenta, scoprirai che c’è un problema.

Quando il tasso di disiscritti aumenta, devi chiederti se sei costante nelle tue campagne, poiché può essere un dato importante. Molti brand inoltre finiscono per dire sempre la stessa cosa nelle loro newsletter.

È essenziale osservare la frequenza degli invii e i tuoi contenuti, poiché è essenziale affinché il tasso di disiscrizione non salga alle stelle. È anche importante disporre di un database pulito.

2.- Rimbalsi

Rimbalsi
Se hai una frequenza di rimbalzo superiore al 5% nelle email che invii, significa che hai un database non completamente ottimizzato.

Le cause principali che fanno crescere i rimbalzi sono l’acquisto di database inaffidabili, nonché database vecchi e sporchi.

L’utilizzo degli strumenti di email marketing ti aiuterà a eliminare i database che hanno rimbalzi ricorrenti, elaborando tutte le richieste in maniera adeguata. Questa è la chiave per ridurre la frequenza di rimbalzo.

3.- Elevato numero di contatti e poche letture

Un altro segnale che dimostra che dovresti cambiare la tua strategia di posta elettronica è avere un numero elevato di contatti e poche letture. Ciò indica che il tuo database non è ben fatto o che i tuoi contenuti non interessano i tuoi iscritti.

Meno del 3% delle letture è considerata una percentuale negativa, denotando un grosso problema che devi correggere. È necessario analizzare se il database è molto vecchio, per fare un’autocritica sul fatto che i tuoi contenuti siano banali, per poter monitorare l’argomento, la frequenza di invio, il design della tua newsletter, ecc.

Questi sono elementi che ti aiuteranno a correggere il problema. A volte è essenziale analizzare se un contatto non ha aperto le tue mail negli ultimi 8 e 12 mesi. Il modo migliore è cancellarlo o metterlo in un gruppo separato dagli utenti attivi.

4.- Avere molte letture, ma pochi click

Avere molte letture, ma pochi click

Di fronte a questa situazione, dovresti sapere che hai un problema nel contenuto che stai fornendo. È vero che stai avendo successo ma pochi utenti fanno click.

Se hai meno del 5% di click sulle letture totali, è segno che il contenuto non è interessante.

Per risolvere questo problema devi analizzare se il contenuto che stai fornendo è davvero interessante per il tuo utente. È anche necessario sapere se non ripeti sempre la stessa cosa, o controlla che la tua newsletter non sia formata solo da link che rendono difficile la comprensione.

5.- Molti click, ma alto abbandono

Questo è un altro dei problemi frequenti che ti dicono che dovresti controllare la tua strategia di posta elettronica. Una campagna che ha tra il 20% e il 30% di click mostra un risultato considerato ottimale. Ma quanti utenti raggiungono la tua landing page e la lasciano subito?

Se ciò accade, è molto probabile che il servizio o il prodotto che offri nella newsletter che invii non corrisponda a ciò che proponi sul web.

Questo è frustrante per i destinatari, poiché credono a ciò che la newsletter dice loro e quando raggiungono il web trovano qualcosa di completamente diverso. Questo è un problema che provoca disagio nell’utente, aumentando così la sfiducia nei confronti del brand.

6.- Non hai un flusso costante di potenziali clienti

Non hai un flusso costante di potenziali clienti

Se ti affidi ancora delle call fredde per ottenere più clienti, non lo stai agendo correttamente. Stai spendendo troppo per ottenere un tasso di rendimento che non sarà molto alto.

Le strategie di inbound marketing per attirare più clienti, dove i tuoi utenti saranno davvero interessati a consumare i tuoi contenuti, hanno una percentuale di successo comprovata. Questo ti garantisce un migliore ritorno sull’investimento.

7.- Le tue campagne stanno perdendo valore

Pensi che i tuoi messaggi finiscano nel cestino con un solo click o siano rimasti in una lista infinita di email che non vengono lette? I tassi di apertura stanno diminuendo e stai perdendo contatti?

La cosa migliore è controllare sempre il database, molte volte è lì che si trova il problema. Se aggiungi sempre contatti ma non ne elimini mai nessuno, ci sono buone probabilità che quelle email non esistano più.

8.- La tua concorrenza lo fa meglio di te

È sempre difficile riconoscere quando non sei il migliore in qualcosa. Ma migliorerai solo quando analizzerai come resisti alla concorrenza. Studia molto bene il tuo settore e i tuoi concorrenti. Prova ad iscriverti alle loro e-mail in modo da sapere quali azioni intraprendono e quali mancano dalle tue strategie.

Mentre li osservi, prova ad analizzare quanto segue: frequenza dei post, risposte automatiche all’iscrizione, utilizzo di messaggi personalizzati, qual è lo scopo del tuo blog, gli inviti all’azione che stanno usando o di cosa stanno parlando.

È molto importante conoscere sempre la concorrenza, poiché se sta facendo meglio di te, è un altro segno che è ora di cambiare la tua strategia di posta elettronica. Impara sempre da loro; considerali come una risorsa e non come una minaccia.

9.- Ti senti insicuro nel misurare le tue campagne

Ti senti insicuro nel misurare le tue campagne

Per prima cosa devi rispondere a queste domande: hai chiari i tuoi obiettivi? Hai definito i tuoi obiettivi SMART con una data precisa per raggiungerli? Avere molti abbonati e un gran numero di visite sul tuo sito web è importante. Ma cosa ottieni?

Il ROI sarà al centro di tutto. Quanto guadagna la tua azienda con il lavoro che svolgi? Questa è la domanda principale che dovresti sempre tenere a mente. La risposta è che stai generando valore per la tua strategia di email marketing.

Ora conosci gli aspetti principali dovresti prendere in considerazione per cambiare la tua strategia di posta elettronica. Ora sta a te valutarli per risolvere il problema in tempo prima che i tuoi invii ne risentano.

Ma se hai bisogno di aiuto per farlo, in MDirector ti offriamo la nostra piattaforma di Email Marketing. Non aspettare oltre e provala subito!

Whitepaper esclusivo
Email Marketing, il perfetto alleato dell'e-commerce
Scopri come migliorare le vendite del tuo e-commerce con l'Email Marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?