Come applicare un piano media nell’email marketing

27 gennaio, 2021 per Redacción
Ti è piaciuto il nostro articolo?

piano media nell'email marketing

Avere un perfetto piano media per l’email marketing è una delle chiavi che fa risaltare alcuni brand. Non solo perché permette di anticipare le esigenze del cliente nei tempi giusti. A maggior ragione perché aiuta a definire gli elementi sostanziali che segneranno il futuro delle diverse campagne.

Tuttavia, devi stare attento a non cadere in nessuno dei due grandi errori che vengono commessi durante la creazione di un piano media nell’email marketing:

  1. Fallo in modo indipendente, senza tenere conto del resto dei canali di contatto che l’azienda ha con i suoi utenti. Questo è un errore che può portare conflitto. Un buon piano media di email marketing deve essere coerente con il piano media generale del brand.
  2. Se non si dispone di una piattaforma di emailing professionale e semplice come MDirector, sarà inutile avere il miglior piano media nell’email marketing. Potete pianificare le spedizioni da un gestore di posta elettronica come Gmail? Ti consente di incorporare tutti i tipi di contenuto? Sai chi apre e chi fa click sui link? Sono domande essenziali che faranno sì che un buon piano media nell’email marketing finisca nel nulla.

Cos’è un piano media

Tuttavia, prima di continuare è interessante analizzare che cos’è esattamente un piano media. È un documento presente in tutte le strategie? Un calendario con le date indicate per ogni campagna? Un excel in cui sono indicati i flussi di spedizione? Un calcolatore che indica quanto del budget dovrebbe essere destinato a ciascuna area?

È tutto quanto sopra ma non separatamente. Perché se una qualità deve avere un piano media, è che sia uno strumento che riunisce le risposte a tutto quanto sopra.

Quindi, secondo Wikipedia, la pianificazione dei media è la disciplina della pubblicità incaricata di far arrivare i messaggi pubblicitari al maggior numero di persone nel pubblico target. Lo si fa selezionando i supporti più adatti per ogni occasione e cercando sempre il minor costo possibile”.

Combina media e messaggi per raggiungere gli obiettivi

Pertanto, un piano media è un documento che analizza, ricerca e definisce sia i messaggi che dovrebbero essere utilizzati per promuovere il brand e il pubblico, i media e le piattaforme attraverso cui vengono lanciate le comunicazioni.

Per fare ciò, cerca di stabilire la migliore combinazione di mezzi per raggiungere gli obiettivi pianificati. Tutto questo secondo un budget generato ad hoc.

Come puoi vedere, in questo caso vengono discussi tutti i media, i canali e le piattaforme. Quindi un piano media nell’email marketing è focalizzato sulle strategie di email marketing.

Perché è necessario avere un piano media?

Perché è necessario avere un piano media?
L’obiettivo finale di un piano media è raggiungere il successo di una campagna di marketing digitale. E per questo è necessario ottimizzare la combinazione di tutti i fattori coinvolti. Pertanto, è uno strumento che consente a qualsiasi brand di migliorare continuamente i propri sforzi di marketing.

Naturalmente, richiede uno sforzo preventivo che molte aziende non capiscono. È meglio soffermarsi a pensare e definire con chiarezza uno specifico lasso di tempo piuttosto che fare ciò che di solito è più comune: rispondere in maniera adeguata.

Vantaggi della creazione di un piano media

Quali sono i vantaggi di avere un piano media ben strutturato? Ecco un elenco non esaustivo di motivi per cui se non hai ancora dedicato del tempo alla creazione del tuo piano media, devi trovarlo:

  • Aiuta a stabilire una pianificazione chiara e nota. È interessante che sia condiviso da tutte le persone in azienda. Sapranno quali sono gli obiettivi, i messaggi chiave ei canali che si desiderano utilizzare. Questo, a sua volta, contribuirà a rafforzare il feeling di squadra.
  • Ti consente di definire il pubblico a cui indirizzare i messaggi. Raggiungere un cliente fedele non è la stessa cosa che cercare di catturare un vantaggio temporaneo. Né il formato né l’orario di invio sono uguali. Questo è il motivo per cui è essenziale sapere con chi stai cercando di connetterti.
  • Puoi ottimizzare il budget che hai. Se non conosci l’investimento appropriato affinché un canale sia efficace, è probabile che finirai per buttare i soldi. Con un piano media, saprai quando, dove e quanto devi investire affinché la strategia abbia effetto. Un controllo degli investimenti necessario per qualsiasi azienda.
  • È essenziale preparare il contenuto in anticipo. Quindi avrai tempo per ottenere la creatività adeguata.
  • Permette di quantificare gli obiettivi. Che ti porterà a valutare se i risultati ottenuti sono stati raggiunti. Oltre a poter fare confronti che facilitano il processo decisionale basato sui dati.
  • Puoi anticipare le possibili opportunità. Definire tutto in modo chiaro e in anticipo ti aiuterà a identificare nuove idee che miglioreranno la tua strategia.

Elementi di un piano media nell’email marketing

Convinto dei vantaggi di avere un perfetto piano media di email marketing? Allora devi metterti al lavoro.

Ecco i 6 elementi fondamentali che entrano nella creazione di questo documento. Come vedrai, ognuno di loro risponde a una domanda specifica. Le risposte saranno quelle che ti porteranno in un modo o nell’altro.

1.- Cosa stai cercando? Obiettivi

Obiettivi
Le basi su cui costruire un piano media nell’email marketing sono gli obiettivi che vengono perseguiti. Se non hai le idee chiare su ciò che vuoi ottenere, non arriverai da nessuna parte. Pertanto, prima di proporre strategie, canali o budget, è necessario decidere chiaramente quale obiettivo si vuole raggiungere.

Per questo, più SMART (specifico, misurabile, raggiungibile, realistico e limitato nel tempo) è l’obiettivo, meglio è. Ma non commettere il solito errore di cercare di far sì che soddisfino tutte le caratteristiche, qualcosa di molto complicato.

2.- Con chi stai parlando? Il pubblico

Il pubblico
Un altro aspetto fondamentale è chiarire a chi si invia ogni messaggio. Per questo, è essenziale avere una definizione di ciascuno dei tipi di pubblico e del momento in cui si trovano. 3 strumenti che possono aiutarti prima di concentrarti sul piano media nell’email marketing sono:

1. Buyer persona. Partendo da una serie di domande, aiuta a creare i profili prototipo di ciascuna delle tipologie di pubblico che stai approcciando.

2. Empathy Map. Uno strumento il cui obiettivo principale è conoscere e comprendere i tuoi clienti. Per fare ciò, si usa una mappa con diverse aree che la definiscono sulla base di una serie di domande chiave:

  1. Cosa vedi.
  2. Domande su ciò che dice e fa.
  3. Cosa sente.

3. Customer journey. Definisci le diverse fasi del percorso del cliente. Oltre ai punti di contatto e alla loro identificazione come dannosi o interessanti.

3.- Come? Strategie più interessanti

Strategie più interessanti
Questo è uno degli aspetti fondamentali. Un buon piano media nell’email marketing dovrebbe essere in grado di definire quando una strategia di drip marketing è la migliore e quando è conveniente concentrarsi su contenuti specifici che possono spingere l’utente a diventare un cliente.

Esistono strategie di invio di e-mail molto diverse. E, in effetti, questo è solitamente l’elemento differenziale che fa sì che una campagna abbia successo e un’altra no. È il momento della creatività e del saper sfruttare tutti gli elementi in gioco per catturare l’attenzione dell’iscritto attraverso le email. O per portarti alla landing più efficace con un CTA efficace.

Formati di contenuto

Formati di contenuto
Affinché la strategia abbia effetto, saranno necessari tipi specifici di contenuto. Anche in questo caso, il momento del contatto con il cliente segna tutto. Un primo approccio non è simile a quando l’utente è disposto a completare l’acquisto.

Pertanto, una buona definizione dei messaggi e dei diversi formati in cui vengono visualizzati è essenziale. In effetti, questa è spesso la parte più visibile di un piano media di email marketing. Di solito consiste in un Excel in cui vengono elaborati i diversi messaggi a seconda del canale in cui verranno lanciati, della data e in base alla strategia specifica.

4.- Quando? Calendario delle azioni

Calendario delle azioni
Un altro aspetto che ha un impatto sostanziale su una campagna di email marketing è il tempo di invio. È vero che con il proliferare degli smartphone sono cambiate tutte le tariffe. Ora ogni utente porta il device in tasca e non deve essere seduto davanti a un computer desktop per consultare la mail.

Pertanto, molte delle ipotesi sono cambiate. L’invio di newsletter il martedì e il giovedì mattina non è più la norma, anche se sono molte le aziende che continuano con questa usanza.

La cosa importante, tuttavia, è che il tuo piano media di email marketing identifichi i momenti migliori per entrare in contatto con i tuoi utenti. Per fare ciò, devi creare A/B Test che indicheranno i tempi migliori per inviare messaggi informativi. O quanti minuti dovresti lasciare prima che venga lanciata un’e-mail per recuperare un carrello abbandonato.

5.- Quanto? Budget disponibile

Budget disponibile
Sapere quanti soldi hai e come distribuirli tra le azioni pianificate è uno dei compiti più complicati che puoi portare a termine. Fondamentalmente perché puoi conoscere il budget disponibile ma ogni strategia può richiedere uno sforzo maggiore o minore.

Pertanto, sebbene ci siano calcolatori automatici come quello nell’immagine sopra, il controllo del budget delle azioni di marketing è una delle discipline più complicate che esistono. Tuttavia, qualsiasi piano media di email marketing deve essere accompagnato da cifre approssimative.

6.- Come lo misuri? Analisi

Analisi
Misura, misura e misura. È un mantra che sta diventando sempre più popolare tra le aziende. L’ambiente digitale consente di prendere decisioni basate sui dati. Perché non ti prendi il tempo per farlo?

Quindi, in un piano media di email marketing, devono essere mostrati i KPI in base ai quali verrà misurata l’efficacia di ciascuna azione. Solo allora sarai in grado di sapere cosa funziona e cosa devi correggere per rendere la strategia più efficace.

L’ultimo errore spesso commesso è la paralisi da analisi. Un piano è buono se viene eseguito. In caso contrario, sarà tutt’altro che un piano. Pertanto, è essenziale che una volta terminato venga eseguito. E per farlo, devi optare per strumenti di e-mail professionali che semplificano il tuo lavoro. Hai già provato la piattaforma MDirector?

Whitepaper esclusivo
Aumenta le tue vendite a natale con l'Email Marketing
Tutte le tecniche per incrementare le tue vendite a Natale, grazie all'Email marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?