Notifiche push vs. email marketing: come possono completarsi a vicenda?

4 gennaio, 2021 per NewsMDirector
Ti è piaciuto il nostro articolo?

Notifiche push vs. email marketing

Se desideri inviare messaggi diretti e personalizzati ai tuoi utenti, è il momento di fare un confronto tra notifiche push vs. marketing via email. Sono due metodi diversi, ma hanno diverse somiglianze che sono evidenti nella loro elevata portata di pubblico, il che significa che entrambi possono completarsi a vicenda.

Ma è necessario che tu abbia prima conoscenza di come funzionano entrambe le strategie in modo che in seguito tu possa implementarle insieme. Infatti, sebbene il messaggio sia diretto con la stessa efficacia, la presentazione dell’una è molto diversa da quella dell’altra.

Ciò che è vero è che push e email marketing ha lo stesso obiettivo. Si tratta di raggiungere il maggior numero di destinatari in modo che possano agire. Ma per capirlo meglio, è necessario saperne di più su entrambe le strategie.

Differenze tra notifiche push vs. email marketing

Differenze tra notifiche push vs. email marketing
Per creare una strategia efficace non è necessario tra notifiche push vs. marketing via email. Sebbene sia essenziale che tu sia molto chiaro sulle loro differenze. Questo ti aiuterà a saperne di più sulla funzionalità di ciascuno e su come lavorare con entrambi. Presta attenzione alle seguenti informazioni che ti saranno di grande aiuto:

1.- Lunghezza del messaggio

La differenza che risalta maggiormente è la lunghezza dei messaggi, poiché nel caso delle email la lunghezza è illimitata mentre le notifiche push di solito non superano i 50 caratteri. L’idea è di attirare il cliente nel più breve tempo possibile. Ed è abbastanza ragionevole perché l’utente attualmente preferisce velocità e brevità.

2.- Privacy

Le notifiche push sono considerate più intime delle e-mail. Questa percezione è probabilmente dovuta al fatto che le email arrivano in una casella di posta che ne contiene molte altre. Invece, le notifiche possono essere visualizzate in un determinato momento, in un’app mobile o in un sito Web.

È un modo pratico per attirare l’attenzione dell’utente, ma deve essere gestito con grande tatto. Devi offrire informazioni importanti per attirare l’utente e invitarlo ad agire.

3.- Tolleranza dell’utente

Quando gli utenti ricevono messaggi tramite posta elettronica, hanno la possibilità di aprirli, lasciarli nella barra delle applicazioni o eliminarli. Tuttavia, se non annullano l’iscrizione, puoi continuare a comunicare con loro. Ma questa tolleranza diminuisce molto quando si tratta di notifiche push.

A nessuno piace entrare in una pagina e la navigazione viene costantemente interrotta con pop-up. E tanto meno, se questo non ti fornisce alcuna informazione preziosa; le persone le disattiveranno semplicemente e non sarai più in grado di contattarle.

4.- Contenuto vs. avviso

Sebbene entrambi abbiano l’obiettivo di attirare l’attenzione del cliente non hanno la stessa capacità. L’email marketing ti dà la possibilità di inviare contenuti espliciti, mentre le notifiche push hanno un limite.

La posta elettronica ti consente di fornire contenuti dal tuo blog, senza ricorrere ad altri mezzi. Tuttavia, le notifiche agiscono principalmente come wrapper, cercando di convincere gli utenti a fare clic sull’app o su un’altra azione su un canale diverso.

5.- Avvisi sonori, punteggiatura ed emoji

Avvisi sonori, punteggiatura ed emoji

Le notifiche push hanno un valore aggiunto che le rende più interessanti. Riguarda il suono, la punteggiatura e gli avvisi emoji che, senza dubbio, attirano immediatamente l’attenzione del cliente. Nel caso delle e-mail, puoi anche includere gli ultimi due elementi, ma di solito li usano solo nella riga dell’oggetto.

6.- A / B Test

Quando si confrontano le notifiche push e l’email marketing per quanto riguarda gli A / B test, ti renderai conto che per entrambi sono molto efficaci. Tuttavia, nel primo caso, poiché hanno poco contenuto, il processo di analisi è più veloce, anche le più piccole modifiche ti pagano immediatamente.

7.- Metriche

Per conoscere il successo di qualsiasi strategia di marketing digitale è necessario conoscere le metriche. Notifiche push e email marketing non fanno eccezione e infatti condividono alcune metriche come tasso di apertura, percentuale di clic e tasso di conversione.

Tuttavia, le notifiche push tengono conto anche della permanenza nell’app dopo la notifica. Ciò ti consentirà di misurare il coinvolgimento derivante dal tuo messaggio.

8.- Personalizzazione

Come sicuramente saprai, le campagne email ti consentono di personalizzare le tue email. Ma recentemente questo può essere fatto anche nelle notifiche push e con maggiori informazioni, oltre al nome. Alcuni di questi dati sono: acquisti passati, posizione, gusti e interessi, attività e tempo trascorso nell’applicazione.

Come integrare le notifiche push con l’email marketing

notifiche push
Ora che conosci le differenze tra notifiche push e email marketing, è tempo che impari a gestire entrambe le tecniche. L’idea è che puoi creare una solida strategia implementando i due metodi per rafforzare ulteriormente il tuo messaggio. Se non sai come farlo, prendi nota dei seguenti consigli:

A.- Raggruppa i migliori attributi

Devi pensare a una solida strategia che vada a vantaggio del tuo brand e quale modo migliore se non prendere i migliori attributi di ciascuno? Come ben sai, le notifiche push sono più efficaci nel catturare l’attenzione dell’utente. Ma l’email marketing ti consente di estendere il messaggio e dettagliare in modo più chiaro ciò che offri.

Entrambi i metodi ti danno la possibilità di raggiungere un vasto pubblico, ma in modi diversi. La principale virtù delle notifiche push è che arrivano direttamente sul cellulare come se fosse un SMS. Invece, la posta elettronica entra in una cartella e talvolta viene ignorata o eliminata.

Nonostante ciò, possono essere integrati inviando l’avviso attraverso finestre pop-up o per pubblicizzare una promozione o notizie su un prodotto e servizio. Poiché la capacità è limitata bisogna completare le informazioni con un’e-mail che rifletta, dall’oggetto, che si tratta della stessa marca.

B.- Mantieni i tuoi iscritti

Probabilmente hai un database di persone che desiderano ricevere le tue e-mail, quindi presumi che a loro non dispiacerà riceverle. Tuttavia, alcuni si stancano di questi messaggi e spesso li cancellano senza nemmeno aprirli. Nel peggiore dei casi, annullano persino l’abbonamento.

Mentre le notifiche push, soprattutto quelle che compaiono sul web, non danno questa possibilità. Ma possono disabilitare le funzioni. Quindi dovresti moderarne l’uso, perché sebbene non sia possibile annullare un abbonamento, gli utenti possono smettere di visitare la tua pagina. In entrambi i casi devi evitare di essere invasivo a tutti i costi, pianificare bene i tuoi invii.

C.- Contenuto interessante

Contenuto interessante
Sia le notifiche push sia le e-mail devono avere contenuti interessanti che attirino immediatamente l’utente. E il successo della tua strategia dipenderà dal modo in cui sfrutterai le strategie. Sai già che nel primo caso hai un limite di caratteri quindi non sarai in grado di dettagliare tutte le informazioni di ciò che offri.

È qui che entra in gioco l’email marketing, poiché questo strumento ha la capacità di generare contenuti estesi. Approfitta di questo attributo per dettagliare al cliente tutto ciò che riguarda il contenuto che lo ha portato all’email. Devi essere il più specifico possibile, ma non abusare nemmeno della lunghezza. Ricorda che oggi l’utente preferisce brevità e rapidità, vuole acquistare senza tante deviazioni.

D.- Applicare la tecnica del copywriting

Vuoi aumentare il tuo tasso di conversione? Quindi devi applicare le migliori tecniche di copywriting. Per raggiungere il tuo obiettivo, devi prima studiare il tuo pubblico. In questo modo, puoi creare contenuti ottimizzati che ti aiuteranno a convertire gli utenti in potenziali clienti.

Sicuramente, ti starai chiedendo come puoi implementare questa tecnica. Le notifiche push saranno di grande aiuto grazie all’approccio pubblicitario. Dato che lo spazio è limitato, è essenziale scrivere un messaggio che persuada immediatamente l’utente. E soprattutto, puoi anche utilizzare questa tecnica nell’email marketing e con maggiore libertà grazie alla sua estensione. Ma ricorda sempre che la persona deve associare l’email alla notifica che ha ricevuto.

E.- Informazioni rilevanti

Tieni presente che il messaggio deve contenere informazioni davvero importanti, non far perdere tempo agli utenti. Se invii una notifica irrilevante, molto probabilmente la disattiveranno per non riceverla più. La stessa cosa accade con le email e, peggio ancora, perché il loro contenuto è più ampio. Può causare l’annullamento dell’iscrizione.

In questo caso, le notifiche push devono fornire informazioni specifiche, come la presentazione di un nuovo prodotto o una promozione speciale. Idealmente, dovresti completarla con un’e-mail informativa o promozionale che fornisca maggiori dettagli.

Ora conosci le differenze tra notifiche push e email marketing e anche come integrarle le funzioni nella tua strategia. Hai bisogno di aiuto con le tue campagne di emailing? Iscriviti alla piattaforma di Email Marketing di MDirector e inizia a sviluppare la tua prima campagna. In pochi minuti puoi inviarla al tuo database.

Whitepaper esclusivo
Email Marketing, il perfetto alleato dell'e-commerce
Scopri come migliorare le vendite del tuo e-commerce con l'Email Marketing

Stai cercando uno strumento di Email Marketing professionale?